I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Iker ed Eneko Pou, insieme al peruviano Micher Quito, hanno aperto una nuova via in stile alpino sui 5780 metri di Pisco nella Cordillera Blanca: Pisco Sour (640m, 85° M6). Il percorso diretto e complesso sarà probabilmente uno dei più difficili su questa vetta innevata.

* Pou fratelli e Micher Quito sono una cordata ben collaudata che ha spesso realizzato notevoli prime salite nelle Ande settentrionali del Perù. Ora il trio è riuscito ad aprire una nuova difficile via sul Pisco (5780 metri): Pisco Sour (640 m, 85° M6).

In una spinta continua di 20 ore, sono saliti dal Refugio Perú a un'altitudine di 4680 metri fino alla vetta a 1100 metri più in alto.

Ghiacciaio accidentato, cadute e arrampicate impegnative

Eneko Pou ricorda: “Abbiamo iniziato la salita vera e propria alle 7:50 dopo una lunga salita su un ghiacciaio grande, molto accidentato e pericoloso. Abbiamo raggiunto la cresta sommitale solo alle 18:30, quando le difficoltà sono finite."

Pisco Sour offre oltre 600 metri di ghiaccio difficile e arrampicata mista. Immagine: fratelli Pou
Pisco Sour offre oltre 600 metri di ghiaccio difficile e arrampicata mista. Immagine: fratelli Pou

«Alle 19:30, quando era già completamente buio, abbiamo finalmente raggiunto - per la seconda volta in una settimana - la vetta principale del Pisco, dopo che l'avevamo salita qualche giorno prima lungo la via normale per acclimatarci. In mezzo c'erano 12 tiri e 640 metri di ghiaccio molto impegnativo e arrampicata mista che ci hanno spinto ai nostri limiti."

In uno dei tratti difficili siamo caduti sia io che Micher. Per fortuna senza conseguenze gravi, anche se Micher zoppica ancora notevolmente.

Eneko Pou

Letto ultraleggero Zen Bivy
Sistema per dormire ultraleggero e confortevole

Letto ultraleggero Rosso

L'estrema leggerezza e il massimo comfort durante il sonno non devono essere una contraddizione. IL Sistema ultraleggero di Zen Bivy è composto da tre parti: trapunta, lenzuolo e materasso. È l'ideale per gli alpinisti e gli atleti di montagna che apprezzano un bagaglio il più leggero possibile. La trapunta contiene piuma d'oca ExpeDRY™ di alta qualità con imbottitura 900 in una copertura leggerissima 10D Pertex® Quantum.

Salita veloce e facile in stile alpino

Iker Pou descrive la difficile salita come segue:

“Pensavamo che sarebbe stato molto più semplice di quanto non sia stato. Ma il poco ghiaccio che abbiamo trovato, combinato con la neve a debole coesione e le dimensioni della parete - 640 metri di dislivello - hanno fatto sì che i nostri progressi fossero lenti."

Nella parte alta siamo entrati in un labirinto di enormi seracchi che sembravano senza fine.

Iker Pou

«Quando si è fatto buio sull'ultimo tiro, c'è stato un momento in cui ho pensato che avremmo dovuto bivaccare all'aperto. Tuttavia non avevamo con noi né sacchi a pelo né materassini, né un fornello per sciogliere la neve."

Il trio ha aperto la nuova via Pisco Sour con una spinta continua di 20 ore. Immagine: fratelli Pou
Il trio ha aperto la nuova via Pisco Sour con una spinta continua di 20 ore. Immagine: fratelli Pou

«Il nostro piano era di andarci piano e completare la salita in un giorno, ma con il calare della notte i nostri piani sembravano cambiare. Fortunatamente, Eneko ha raggiunto poco dopo la cresta sommitale ed è uscito dalla verticale. Abbiamo gridato di gioia, proprio come 1100 metri più in basso nel Rifugio, dove la nostra salita veniva seguita via radio."

Ascesa verso l'ignoto: i fratelli Pou e Micher Quito durante la prima salita del Pisco Sour. Immagine: fratelli Pou
Ascesa verso l'ignoto: i fratelli Pou e Micher Quito durante la prima salita del Pisco Sour. Immagine: fratelli Pou

I soccorsi sono ancora nelle ossa

Anche se si dice che Pisco offra una delle migliori viste dell'intera catena montuosa, alle 19:30 era troppo buio per vedere qualcosa. Dalla vetta, il trio è sceso al Rifugio, esausto, affamato e assetato, desideroso di sfuggire alle grinfie della montagna.

“In realtà doveva essere una salita relativamente facile per completare il nostro processo di acclimatazione. Ora abbiamo – quasi involontariamente – realizzato una delle nostre migliori scalate in questa catena montuosa”, hanno detto i fratelli Pou.

Il ghiacciaio molto accidentato e pericoloso nella parte inferiore del percorso. Immagine: fratelli Pou
Il ghiacciaio molto accidentato e pericoloso nella parte inferiore del percorso. Immagine: fratelli Pou

«Possiamo assicurarvi che non è stato facile, perché oltre a tutti gli aspetti tecnici che abbiamo descritto, abbiamo dovuto lottare contro i nostri stessi pensieri. E si sono rivelati il ​​nostro peggior nemico."

Pochi giorni fa abbiamo recuperato il corpo senza vita del nostro compagno italiano Tomas Franchini da Cashan a 5686 metri. Abbiamo rischiato la nostra vita per restituirlo ai suoi cari.

Brothers Pou

“Con tutto quello che abbiamo passato lì, non eravamo al meglio a livello emotivo. Ma siamo riusciti a superarlo e questa è la cosa importante”.

Itinerario da Pisco Sour (640m, 85°, M6). Immagine: fratelli Pou
Itinerario da Pisco Sour (640m, 85°, M6). Immagine: fratelli Pou

La spedizione dei fratelli Pou nelle Ande peruviane non è ancora finita. Quindi sarà interessante vedere quale avventura annunceranno la prossima volta.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Brothers Pou

Attuale

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.

“Un solido 9A”: Aidan Roberts su Arrival of the Birds

Aidan Roberts conferma 9A-Boulder. Come ha vissuto la salita di Arrival of the Birds e perché valuta la linea 9A.

Coppa del mondo IFSC Lead e Speed ​​Chamonix | Informazioni e live streaming

La Coppa del mondo IFSc Lead e Speed ​​si svolgerà a Chamonix dal 12 al 14 luglio 2024. Qui troverete tutte le informazioni importanti e la diretta streaming.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.

“Un solido 9A”: Aidan Roberts su Arrival of the Birds

Aidan Roberts conferma 9A-Boulder. Come ha vissuto la salita di Arrival of the Birds e perché valuta la linea 9A.