Michi Wohlleben e Lukas Hinterberger salgono le tre creste del Salbit in 45 ore | trilogia invernale

I due alpinisti e guide alpine Michi Wohlleben e Lukas Hinterberger riescono nella loro trilogia invernale Salbitschijen nelle Alpi Urane. Entro 45 ore, il 15 e 16 febbraio, i due hanno scalato le creste sud, ovest ed est fino al Salbitschijen alto 2985 metri con il suo famoso ago sommitale.

Dopo aver ottenuto una bella batosta l'anno scorso, quest'anno sono riusciti a trasformare in realtà il loro sogno della trilogia invernale di Salbitschijen. Scalato in 45 ore Michi Wohlleben , Luca Hinterberger A metà febbraio tre volte fino alla vetta alta 2985 metri - una volta sulla cresta sud, una volta sulla cresta ovest e una volta sulla cresta est.

Complessivamente, Michi Wohlleben e Lukas Hinterberger hanno salito oltre 80 tiri. Immagine: Jake Holland
Complessivamente, Michi Wohlleben e Lukas Hinterberger hanno salito oltre 80 tiri. Immagine: Jake Olanda

Durante la loro avventura su quella che è probabilmente la cresta più famosa delle Alpi Urne, hanno sperimentato tutto ciò che il cuore di un alpinista desidera, dice Michi Wohlleben: "Molta roccia perfetta, spesso innevata, ghiacciata o bagnata, pendii da valanghe scadenti e numerosi metri in terreno impegnativo”.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Le tre massicce creste che portano al Salbitschijen sono tra le più belle vie di arrampicata in cresta della Svizzera e sono quindi spesso visitate in estate. In inverno, invece, non c'è molto da fare davanti agli imponenti denti di granito.

Il percorso della trilogia invernale Salbitschijen. Immagine: Maurizio Folini
Il percorso della trilogia invernale Salbitschijen. Immagine: Maurizio Folini

Ad oggi, ci sono solo due salite invernali davvero famose sulla cresta ovest, forse tre, dice Michi Wohlleben. A febbraio, lui e Lukas Hinterberger hanno avuto le numerose torri rocciose tutte per sé.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Michi Wohlleben

Attuale

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood