Via di misto estremamente difficile aperta per la prima volta: Yannick Glatthard sale Hall of Fame (400m, M13, WI6+)

L'alpinista professionista svizzero Yannick Glatthard gestisce la prima salita in libera della Hall of Fame (400m, M13, WI6+) a Kandersteg. La mega via con il suo tetto orizzontale lungo 30 metri e la gigantesca candela di ghiaccio sospesa liberamente è probabilmente una delle linee miste più impegnative in questo stile.

Ha per otto anni Yannick Glatthard dal suo progetto in Kandersteg sognato e atteso il raro momento in cui le condizioni consentissero un tentativo di scalarla. A febbraio era finalmente giunto il momento e insieme a Ron Koller, che ha aperto la linea nel 2015, e il fotografo Diego Schlappi ci è salito Hall of Fame (400m, M13, WI6+) su.

"C'è questa candela di ghiaccio lunga 35 metri che pende liberamente per 15 metri e un tetto orizzontale lungo 30 metri - per me è stato amore a prima vista."

Yannick Glatthard

Il primo tentativo fallisce sorprendentemente

Alla fine di gennaio, la linea con cui l'alpinista professionista e guida alpina svizzera giocava da così tanto tempo sembrava scalabile per la prima volta. "Quando abbiamo effettuato il primo tentativo a febbraio, è andato davvero bene e sono riuscito a salire il passaggio chiave di M13 al secondo tentativo", afferma entusiasta Yannick Glatthard.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Ma poi, nella foga del momento, lascia cadere uno dei suoi rompighiaccio. Con questo incidente, il primo tentativo di salita si interrompe bruscamente, soprattutto perché le braccia di Glatthard sono troppo stanche per un altro tentativo. "Ero così frustrato!"

Yannick Glatthard nel tetto di 30 metri della Hall of Fame (400m, M13, WI6). Immagine: Diego Schläppi
Yannick Glatthard nel tetto di 30 metri della Hall of Fame (400m, M13, WI6+). Immagine: Diego Schlappi

La prima salita in libera diventa uno stress test mentale

Una settimana dopo, il trio ritorna, carico di energia e pronto per un secondo tentativo. Le difficili lunghezze di corda mista di grado M7 e M13 saranno presto completate. Con ciò, Glatthard crede che la parte più difficile della Hall of Fame sia dietro di lui. Ma dovrebbe sbagliarsi.

I tiri misti nella Hall of Fame sono estremamente impegnativi. Alla fine, però, sono i passaggi sul ghiaccio a richiedere tutta l'attenzione di Yannick Glatthard. Immagine: Diego Schläppi
I tiri misti nella Hall of Fame sono estremamente impegnativi. Alla fine, però, sono i passaggi sul ghiaccio a richiedere tutta l'attenzione di Yannick Glatthard. Immagine: Diego Schlappi

"La lunghezza della corda WI5 era difficile da fissare perché il ghiaccio era molto sottile."

Yannick Glatthard

Nella seconda parte di WI5, la cortina di ghiaccio non ha raggiunto il pavimento. Solo grazie alle spalle di ferro di Ron avrebbero raggiunto il ghiaccio, dice Yannick Glatthard. "Per me, psicologicamente, è stata la più grande sfida che abbia mai superato".

Yannick Glatthard guida una ripida lunghezza di ghiaccio nella Hall of Fame. Immagine: Diego Schläppi
Yannick Glatthard guida una ripida lunghezza di ghiaccio nella Hall of Fame. Immagine: Diego Schlappi

Due tiri dopo arriva il clou della via, il gigantesco cero di ghiaccio lungo 35 metri, che pende liberamente per quasi metà della sua lunghezza. "Dopo altre due lunghezze M7 molto tecniche, sono uscito da questa linea da sogno."

Hall of Fame (400m, M13, WI6+) è forse la via di misto più impegnativa in questo stile? Yannick Glatthard lascia senza risposta la domanda che lui stesso ha sollevato. "In ogni caso, sono felice e grato che quel giorno abbiamo avuto la fortuna di cui avevamo bisogno e che tutto sia andato così bene".

Topo della Hall of Fame (400m, M13, WI6+)

Hall of Fame: aperta nel 2015 da Ron Koller, prima libera di Yannick Glatthard nel febbraio 2023. Foto: Diego Schläppi
Hall of Fame: aperta nel 2015 da Ron Koller, prima libera di Yannick Glatthard nel febbraio 2023. Foto: Diego Schlappi

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Diego Schlappi

Attuale

Potenza femminile ad Annot: Soline Kentzel sale la via trad Le Voyage (E10, 7a)

La giovane francese Soline Kentzel si è assicurata la quarta salita femminile della dura via trad Le Voyage (E10, 7a).

Martin Feistl ha avuto un incidente mortale

Sabato scorso il grande alpinista tedesco Martin Feistl è rimasto vittima di un incidente mortale sulla parete sud dello Scharnitzspitze.
00:24:44

Seb Bouin: “Dopo il passo chiave più importante sono caduto 11 volte”

Video: Accompagna lo scalatore professionista francese Seb Bouin nel suo percorso verso la quarta salita della Bibliographie a Ceüse.

Alex Honnold fa free solo anche su roccia bagnata

Alex Honnold torna nella Yosemite Valley con due free solo di 300 metri, di cui uno su roccia bagnata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Potenza femminile ad Annot: Soline Kentzel sale la via trad Le Voyage (E10, 7a)

La giovane francese Soline Kentzel si è assicurata la quarta salita femminile della dura via trad Le Voyage (E10, 7a).

Martin Feistl ha avuto un incidente mortale

Sabato scorso il grande alpinista tedesco Martin Feistl è rimasto vittima di un incidente mortale sulla parete sud dello Scharnitzspitze.
00:24:44

Seb Bouin: “Dopo il passo chiave più importante sono caduto 11 volte”

Video: Accompagna lo scalatore professionista francese Seb Bouin nel suo percorso verso la quarta salita della Bibliographie a Ceüse.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood