Stefano Ghisolfi sulla decisione olimpica IFSC

Il 30 aprile, l'IFSC ha deciso di emettere i cosiddetti biglietti tripartiti (LACRUX segnalato). Con ciò, il sogno olimpico di Stefano Ghisolfi e Fanny Gibert, il sogno di partecipare all'improvviso, si concluse. Abbiamo parlato con Stefano Ghisolfi della decisione dell'IFSC.

Una conversazione con il professionista italiano dell'arrampicata Stefano Ghisolfi

Cosa ne pensi della decisione dell'IFSC di emettere biglietti tripartiti?

La decisione sui biglietti tripartiti avrebbe dovuto essere presa dopo i campionati europei. Ciò avrebbe dato a tutti la possibilità di qualificarsi per le Olimpiadi estive grazie a una competizione. Tuttavia, penso che non ci saranno gare quest'anno. Quindi la decisione sarebbe stata presa prima o poi comunque.

Parteciperai ancora ai campionati europei di Mosca?

Se la competizione si svolgerà il prossimo anno, parteciperò alla disciplina principale. Dal momento che non posso più qualificarmi per le Olimpiadi, non ha senso partecipare a tutte le discipline.

In che modo la decisione IFSC modifica i tuoi obiettivi di arrampicata per l'anno in corso?

I miei obiettivi di arrampicata per l'anno in corso sono già cambiati molto a causa della pandemia della corona. Ad ogni modo, ho già deciso di concentrarmi maggiormente sui progetti rock. Questo è probabilmente il più sicuro al momento. La decisione dell'IFSC ha ulteriormente rafforzato la mia attenzione sull'arrampicata su roccia.

Se stiamo parlando di obiettivi di arrampicata. Covid-19 ha cambiato la vita di tutti. Tuo, soprattutto perché il tuo partner appartiene al gruppo a rischio e l'Italia è gravemente colpita dalla pandemia. Come gestisci la situazione?

Non ci era permesso di uscire di casa fino a domenica scorsa. Dal 4 maggio 2020 possiamo uscire di nuovo e forse possiamo uscire di nuovo fuori. Non è del tutto chiaro. Forse non sarà possibile fino al 18 maggio 2020. Vorrei fare di nuovo arrampicata su roccia ed evitare grandi ammassi. Ora dobbiamo affrontare responsabilmente la situazione. Per il momento, tuttavia, sono felice di poter allenarmi e mantenermi in forma nel mio garage.

Grazie per l'intervista, Stefano!

Questo potrebbe interessarti

+++
Crediti: immagine di copertina Stefano Ghisolfi

Attuale

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.