Diversi capi di abbigliamento sottili invece di uno spesso: il principio della stratificazione si è affermato nel corso degli anni. Tuttavia, viene spesso interpretato e implementato in modo errato, perché per quanto semplice possa sembrare il sistema, la chiave sta nella scelta ottimale del materiale adatto. E, ultimo ma non meno importante, anche nella consapevolezza del corpo personale. Affinché gli strati funzionino, ci sono principi importanti e alcuni consigli e trucchi pratici.

Un contributo di Fabian Reichle - Bächli Bergsport

Allontana l'umidità, immagazzina il calore e mantieni gli agenti atmosferici all'esterno. Questo è il credo per un maggiore comfort in montagna, soprattutto durante la stagione fredda. Il principio della cipolla adotta questo principio. Ispirato ai numerosi strati del tubero, che provoca lacrime in cucina, negli sport di montagna - e anche in altre attività - idealmente si indossano più strati di abbigliamento uno sopra l'altro, che hanno tutti una funzione specifica e si armonizzano tra loro come un sistema complessivo.

Questo a volte è il nocciolo della questione: il tutto deve essere coordinato. Se non si tiene conto dei piccoli dettagli, l'efficienza del sistema va sprecata. Per più strati si intendono però, almeno così è stato accertato, tre di essi: lo strato di base, lo strato isolante e la protezione dagli agenti atmosferici.

Baselayer Rompighiaccio sul copyright
Lo strato di base ha la funzione di allontanare l'umidità dalla superficie della pelle.

Lo strato di base: trasporto dell'umidità verso l'esterno

Durante la faticosa salita, il corpo suda. La funzione di raffreddamento è utile in estate, ma controproducente e pericolosa a basse temperature. Ciò significa che l'umidità deve essere allontanata dalla superficie della pelle nel modo più efficiente possibile. È qui che entra in gioco il primo strato della cipolla, il cosiddetto strato di base.

vestibilità e materiale

Affinché ciò riesca in modo ottimale, due fattori giocano un ruolo importante: vestibilità e materiale. È importante che il primo strato poggi direttamente sulla pelle e possa quindi assorbire il sudore. La maglietta ampia è quindi di scarsa utilità.

In termini di materiali, sta già diventando un po' più complesso. Le fibre sintetiche come il poliestere o la poliammide sono più adatte per attività particolarmente sudate, poiché assorbono a malapena l'umidità. D'altra parte, le fibre naturali come la lana merino assicurano un clima corporeo eccellente e inibiscono gli odori, ma di solito assorbono più umidità e possono non essere adatte a persone che sudano molto e velocemente.

Il cotone è un assoluto no-go come strato di base, poiché allontana a malapena il sudore dal corpo e si asciuga anche molto lentamente.

Un altro punto dello strato di base è l'isolamento. Se la temperatura è molto fredda o se senti freddo, il capo può essere più spesso e avere le maniche lunghe.

Esempi dello strato di base

Blackcomb Light Eco Girocollo SS W
Per le donne: Quello Blackcomb Light Eco Girocollo SS W è una maglietta a maniche corte.
Equipaggio 150 Zone LS
Per gli uomini: quello leggero 150 Zona LS Crewe è costituito da un mix di materiali di alta qualità di lana merino, nylon e lycra

Lo strato isolante: ritenzione del calore e regolazione dell'umidità

Il secondo strato ha due funzioni. Da un lato allontana l'umidità dal primo strato, dall'altro serve a isolare il calore che viene irradiato anche dal corpo.

L'attenzione è ancora sulla traspirabilità, motivo per cui non è né antivento né impermeabile. Almeno non del tutto. Le giacche in pile, ad esempio, sono l'ideale, ovvero indumenti realizzati con fibre sintetiche di poliestere. Ma materiali come il piumino e la sua controparte artificiale Primaloft o lana (merino) possono anche immagazzinare calore ed essere traspiranti allo stesso tempo.

Strato intermedio
Lo strato isolante è progettato per allontanare l'umidità mentre isola il calore.

Lo strato intermedio in particolare è estremamente dipendente dalle condizioni meteorologiche, quindi non esiste uno standard fisso qui. A temperature miti o durante uno sforzo intenso, lo strato isolante non dovrebbe essere troppo spesso: il piumino rimane quindi meglio nello zaino. In questi casi si può indossare anche una camicia sottile a maniche lunghe. A seconda della tua sensibilità fisica, non congelerai nemmeno a temperature sotto lo zero. Al contrario, anche il secondo strato può essere espanso. Quando fa un freddo gelido, indossa un'altra giacca sopra il maglione in pile, ad esempio in softshell o piumino.

Per inciso, vale la pena prestare attenzione ai dettagli dello strato isolante. Le opzioni di ventilazione come le cerniere sotto le braccia o i polsini che possono essere utilizzati come semiguanti sono pratiche quando è richiesto meno o più isolamento. La questione se un top viene indossato con o senza cappuccio non è solo una questione di gusto, ma anche un fattore di calore.

Esempi dello strato isolante

La protezione dagli agenti atmosferici: mantieni il bagnato e il vento lontano

La traspirabilità dei primi due strati ha uno svantaggio logico: non protegge dagli elementi. Uno strato isolante bagnato è inutile e anche il vento pungente che fischia attraverso i tessuti è sgradevole. Entra quindi in gioco il terzo e ultimo strato del principio della cipolla: la protezione dagli agenti atmosferici.

Una piccola ma rilevante nota iniziale. Il nome di questo strato implica già che questo indumento viene indossato quando le condizioni esterne sono sfavorevoli. Altrimenti c'è il rischio di accumulo di calore e il corpo può surriscaldarsi. Le moderne giacche di protezione dalle intemperie sono traspiranti, ma a un certo punto raggiungono i loro limiti, soprattutto quando ti alleni.

Resistente agli agenti atmosferici
La protezione dalle intemperie ha il compito di proteggere dall'umidità e dal vento.

Chi parla di protezione dagli agenti atmosferici di solito parla di guscio duro. Ed è qui che in molti casi entra in gioco il Gore-Tex. Il marchio simboleggia le membrane impermeabili e antivento che vengono lavorate nei tessuti (Gore non è affatto l'unico produttore). Queste membrane sono costituite da miliardi di pori che sono molte volte più piccole delle gocce d'acqua. Questo mantiene il liquido e il vento fuori pur allontanando l'umidità dal corpo. Come accennato, ma in quantità ridotta rispetto ai primi due strati.

Una giacca resistente alle intemperie dovrebbe anche affermare di essere resistente all'abrasione e durevole; a seconda dello sport praticato. Le giacche hardshell sono disponibili con diversi strati di membrana: due, due e mezzo o tre sono comuni. Più ce ne sono, più robusto diventa il materiale, ma il peso e le dimensioni della confezione aumentano.

Per inciso, anche una leggera giacca antipioggia o antivento è buona per proteggersi dalle intemperie, soprattutto in estate. Quest'ultima è significativamente più traspirante di una tipica giacca hard shell a tutti gli effetti a causa della mancanza di una membrana impermeabile.

Piccolo vantaggio: la giacca ibrida è una via di mezzo tra il primo e il secondo strato. Come funziona e per chi è adatto puoi leggere nel nostro articolo separato.

Esempi di protezione dagli agenti atmosferici

Esempio di hardshell per donna: Beta Jacket di Arc'teryx
Esempio hardshell donna: Giacca Arc'teryx Beta
Esempio di softshell per donna: giacca Aequlibrium di La Sportiva
Esempio softshell donna: Giacca Equilibrium di La Sportiva
Esempio di hardshell per uomo: Dual Aspect della Patagonia
Esempio hardshell uomini: Dual Aspect di Patagonia
Protezione dal vento / esempio ibrido da donna: giacca a vento Caroline Light di LaMunt
Protezione dal vento / esempio ibrido da donna: Giacca a vento leggera Caroline di LaMunt
Esempio di protezione dal vento / ibrido per uomo: Felsgrat Hybrid di Mammut
Protezione dal vento / esempio ibrido uomo: Ibrido Felsgrat di Mammut

Il principio della cipolla non è scolpito nella pietra

La descrizione dei singoli elementi dei tre strati suggerisce già che un principio di cipolla è molto individuale. Le condizioni del corpo e le condizioni meteorologiche si traducono in una serie di combinazioni che rendono difficilmente necessaria un'implementazione rigorosa di strato di base, strato isolante e protezione dagli agenti atmosferici.

Ma è proprio qui che sta la forza del principio della cipolla. La struttura modulare consente un rapido adattamento alle condizioni esterne ed esistenti. Il sole splende e non c'è vento? Quindi la protezione dagli agenti atmosferici rimane in vantaggio. Le temperature stanno sprofondando nell'abisso? Quindi il secondo strato è dotato di più isolamento. Sta piovendo in una calda giornata estiva? Allora basta la giacca antipioggia sopra la camicia funzionale o il softshell quando c'è vento.

Il principio della cipolla richiede quindi alcune prove personali. Ha senso scoprire quali materiali sono i migliori per il tuo comfort. Inoltre, le preferenze come il peso, le dimensioni della confezione o i possibili utilizzi per diversi sport di montagna giocano un ruolo importante. Il solo pensare a quando uscire limita già l'ampia selezione di possibili combinazioni.

Dove viene utilizzato anche il principio della cipolla

Con gli strati copriamo e regoliamo la parte superiore del nostro corpo. Tuttavia, il principio può essere applicato anche ad altre parti del corpo, sempre sulla base dell'idea di base delle tre proprietà di rilascio dell'umidità, isolamento termico e protezione dagli agenti atmosferici.

Ad esempio, la felicità dello skitour è molto rovinata se l'abbigliamento esterno si armonizza perfettamente, ma la biancheria intima di cotone è indossata sotto i pantaloni. Lo stesso vale per calzini o guanti. Quest'ultimo in particolare può essere indossato anche a strati. Ne abbiamo alcuni per questo Suggerimenti e trucchi riassunti in un post separato. E il principio della cipolla può entrare in gioco anche sulla testa: un cappello leggero più cappuccio è più flessibile di un berretto singolo e spesso.

Questo potrebbe interessarti

A proposito di sport di montagna Bächli

Bächli sport di montagna è il principale negozio specializzato in Svizzera per arrampicata, alpinismo, spedizioni, escursioni, sci alpinismo e ciaspolate. Nelle attuali sedi 13 in Svizzera, Bächli Bergsport offre ai suoi clienti una consulenza competente e un servizio di alta qualità. Pubblicato su LACRUX Bächli sport di montagna a intervalli regolari contributi entusiasmanti ai temi arrampicata, bouldering e alpinismo.

+++

Crediti: immagine di copertina e immagini dell'articolo: Bächli sport di montagna

azionetalkTV
EnglishSpanishFrenchItalianGerman