Fixexen - La parete rocciosa diventerà un'arena di consumo?

I rinvii fissi si trovano sempre più frequentemente nei giardini di arrampicata sportiva: questo è esplosivo. Non a tutti piacciono i fixex e quindi ci sono sempre conflitti. L'autore ospite Markus Hutter esprime i suoi pensieri eccitanti e stimolanti sull'argomento in questo articolo.

Un contributo ospite di Markus Hutter

Purtroppo l'autocritica non è proprio un punto di forza della scena alpinistica. Circa 20 anni fa, gli scalatori si facevano ancora piacere Alexander Huber o Stefan Glowacz forte per una vera scalata sul punto rosso! Molti giovani potrebbero non sapere nemmeno più qual è la differenza.

Certo, farebbe una grande differenza se, come nella palestra di arrampicata, tutti i rinvii sono già appesi e devono solo essere agganciati, o se qualcuno sta facendo un'ispezione a-vista di una via in cui non è appeso un solo exe. Questa sarebbe una sfida enorme, soprattutto nelle attuali vie top su roccia!

Pinkpoint - la variante morbida di Rotpunkt

I protagonisti di quel tempo erano del parere che ce lo saremmo reso fin troppo facile con il metodo conveniente: c'era anche un termine per questo «Rosa Point». Questa variante morbida è stata il predecessore di quella di oggi rotpunkt e inizialmente disapprovato!

"Negli anni '90, dopo un tentativo fallito, abbiamo tolto di mezzo gli ex prima di riprovare".

Mark Hutter

Ricordo ancora benissimo che negli anni '90, dopo ogni tentativo fallito, noi rinvii li ho portati fuori strada per rimetterli al prossimo "andare"...

Soprattutto su rocce di tipo più duro, negli ultimi anni è stato osservato come sia aumentato il numero di sganci rapidi installati con uno shekel. E ci sono rapporti regolari come lo scorso autunno dal Giura di Basilea: "Gli ex vengono sistematicamente rubati nel Giura di Basilea" . Gli autori ipotizzano che i ladri sarebbero entusiasti di loro come se fossero diamanti. E il ridicolo culmina nell'ammirazione denigratoria dei colpevoli da un lato e nella pietà dall'altro.

"In eventi come quelli del Giura di Basilea, mi manca l'atteggiamento autocritico degli scalatori".

Mark Hutter

Come autore di questo testo, devo sottolineare a questo punto che sono stato attivo sulla parete rocciosa per molto tempo, ho perforato e salito diverse centinaia di tiri/vie e mi vedo come un maniaco della roccia.

In eventi come in Giura di Basilea Mi manca l'atteggiamento autocritico degli scalatori. I feriti urlano solo ad alta voce senza mettere in discussione minimamente le loro azioni sulla roccia. Chiunque sia già stato coinvolto in un'arrampicata IG sa abbastanza bene cosa disturba i proprietari di foreste e rocce e anche gli ambientalisti del nostro comportamento.

L'aggancio è una cosa, ma se fatto con cura e considerazione, non cattura immediatamente l'attenzione dell'amante della natura. Al contrario, le pareti arredate come sale sembrano una natura violata e templi sportivi per un consumo veloce e senza complicazioni. Sono sicuro che questo sviluppo porterà sempre più a enormi problemi!

La reazione polemica delle vittime nel Giura di Basilea mostra purtroppo pochissima competenza. In pochissimi casi sono arrampicatori appassionati solo di attrezzature economiche. Piuttosto, non vogliono vedere pareti sfigurate e togliere il vento dalle vele di parecchi avversari in arrampicata. Su rocce più remote lo sviluppo indesiderabile andrà bene per un po' di tempo, ma dove ci sono anche molti camminatori ed escursionisti, l'argomento sta lentamente ribollendo.

Un chiaro esempio negativo potrebbe essere visto nel video dello scorso inverno Alexander Megos da esaminare. Nel Re Capella replica un'imbracatura lunga almeno 1,5 metri era appesa al centro del muro, che aveva lo scopo di disinnescare una maggiore distanza tra i ganci.

Alexander-Megos-quando-clipping-the-extended-Exe-in-King-Capella_criticism-Markus-Hutter
Alexander Megos ritaglia l'ex esteso in King Capella. (Foto Alexander Megos)

Tali esempi, che vengono visualizzati migliaia di volte su Internet, sono fatali. Perché anche i soft mover che temono una lunga distanza tra i ganci non dovrebbero poter appendere ovunque lunghe fettucce alle pareti in modo che possano arrampicarsi in modo rilassato??? Ci sono numerosi esempi su pareti ripide che sono attualmente assediate con molti progetti: uno spettacolo crudele!

Anche da scalatore molto impegnato, posso capire perché gli escursionisti che vogliono godersi la natura ne siano estremamente disturbati. Un po' più di empatia ci farebbe sicuramente bene in queste faccende. Sfortunatamente, la pianificazione molto mirata dei percorsi spesso ci rende estremamente ciechi di fronte ad altre prospettive ed è troppo spesso orientata solo al successo personale.


Circa l'autore Markus Hutter

Markus-Hutter_Kletterer_Boulderer_Erschlusser_Guest author-Lacrux

Mark Hutter è cresciuto sul Lago di Costanza e fin dall'infanzia è stato in giro per le montagne. Già in giovane età ha scalato molte grandi classiche estreme delle Alpi, come la Parete nord del Cervino in condizioni molto invernali. La sua grande passione divenne però la pura arrampicata su roccia e, fin dall'inizio del movimento di arrampicata libera, l'arrampicata alpina e sportiva fino al grado 8b. La sua prima salita più famosa a livello internazionale è la via Parzival nelle montagne dell'Alpstein svizzero. Vive come artista visivo nel nord della Germania.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++
Immagine e testo Markus Hutter

Attuale

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpetta da arrampicata ad alte prestazioni...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).

Infortuni comuni nel trail running e come prevenirli

In questo articolo imparerai quali infortuni sono comuni durante il trail running e cosa puoi fare per risolverli.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Scarpa da arrampicata di fascia alta per progetti difficili | Qubit impareggiabile

Con Qubit, Unparallel ha sviluppato una nuova scarpa da arrampicata ad alte prestazioni che eccelle davvero su terreni ripidi e strapiombanti. Siamo con il nuovo...
00:12:03

Ritratto intimo dell'olimpionica giapponese Miho Nonaka

Uno sguardo dietro le quinte: accompagna l'icona dell'arrampicata giapponese Miho Nonaka nella sua intensa preparazione per le Olimpiadi del 2024.

I fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85° M6)

Spinta continua di 20 ore: i fratelli Pou e Micher Quito aprono una nuova via in stile alpino nelle Ande: Pisco Sour (640m, 85°, M6).

commenti 18

  1. In un primo momento ho pensato che questo testo riguardasse la questione se la comunità alpinistica dovesse comportarsi in modo più sensibile e regolarsi per quanto riguarda i rinvii fissi. Ci sono una serie di ragioni per questo, e sono sicuro che ci sono molti arrampicatori che non sono consapevoli del fatto che un exe fisso in modo permanente infastidisce alcuni ("amanti della natura") e potrebbe causare problemi di accesso.
    Cosa sta facendo l'autore? Polemizza con 3 argomenti del tutto inutili:
    1. Impiccavamo noi stessi gli ex ogni volta che ci provavamo! Tutto era meglio prima! Non si chiama punto "rosa" per niente!
    2. Le persone che possedevano gli ex fissi nel Giura non avrebbero dovuto lamentarsi che gli ex erano stati rimossi (=rubati)! È colpa sua! Non è stato un furto, è stata una protesta!
    3. C'è di peggio, in inverno Alex Megos ha equipaggiato un gancio con una fettuccia estesa e ha filmato anche il tutto!

    Il punto 1 non ha nulla a che fare con la questione. All'epoca in cui appendevi tu stesso le imbracature, c'erano, in primo luogo, percorsi molto meno ripidi e, in secondo luogo, un'abitudine del passato non è necessariamente migliore di un'abitudine di oggi. Direi che non c'è quasi nulla che suggerisca di interrompere il flusso di arrampicata più del necessario al secondo tentativo. Questo non ha quasi nulla a che fare con la correzione degli exe.
    Entro il 3 al più tardi ho dovuto ridere di cuore.
    L'unico contenuto del punto 2 è probabilmente che l'autore giustifica una specie di furto, ed evita per un pelo di chiarire se sia stato lui o meno!
    E sì, punto 3... senza parole.

    • D'accordo, lo stesso autore sembra un po' privo di riflessioni sull'evoluzione dell'arrampicata.
      Ha ragione sul fatto che, in generale, con più alpinisti, ci sarà più tensione con i residenti locali. Il fatto che ex o solo hook siano appesi nella roccia è probabilmente irrilevante. Molto di più si tratterà di spazzatura, folle enormi e comportamenti generalmente cattivi.

      • Mi viene in mente se l'evoluzione a cui si fa riferimento nei commenti precedenti sia davvero un ulteriore sviluppo della capacità di arrampicata sportiva, piuttosto che una sua degenerazione. Ciò che è stato scalato più di trent'anni fa è qui oggetto di considerazione piuttosto che l'attuale picco di difficoltà. Da circa 10 anni l'arrampicata è sempre più degenerata in un puro sport di consumo, senza alcun riguardo per la sostenibilità rispetto al proprio habitat. L'autore fa luce su questo solo all'inizio usando gli esempi. Ognuno dovrebbe pensarci e trarre le proprie conclusioni, spero che vengano ascoltati.

      • Ciao David,
        si si, il pensiero riflesso sull'evoluzione dell'arrampicata...
        Dato che sono in giro da molto tempo, ho salvato molto bene ogni passaggio in questo sviluppo! Tuttavia, mi sembra che questo manchi chiaramente da alcuni autori di commenti...
        L'accusa che "tutto era meglio in passato" è un argomento molto economico.
        Vedo anche lo sviluppo attuale più come una degenerazione, come Jacob! Non fraintendetemi, tutto merito dell'esplosione delle prestazioni, ma "tutti gli ornamenti" stanno andando nella direzione sbagliata!
        Sarebbe sicuramente molto interessante se ti spiegassi e presentassi il tuo pensiero riflessivo sull'argomento...

        • Gli ex corretti non funzionano affatto! Possono essere pericolosi (a seconda dell'età, del tempo...) e chi vorrebbe salire a-vista o al punto rosso non può più farlo, o lo rende solo più difficile. Usa il tuo materiale! Ma questo è lo stesso errore della clip stick. Ora le persone scalano vie che in realtà non riescono a scalare e poi bloccano le vie ad altri scalatori durante il loro "tentativo di progetto" per ore e giorni...

    • Ciao TeddyD,
      nella prima sezione ti imbatti in un fatto molto concreto, ma poi diventi polemico anche tu...
      Nei punti 1-3 non ti presenti esattamente come un esperto della situazione! Stai leggendo cose che non sono assolutamente vere:
      1. Sì, avevamo un'etica dura per le salite pulite, ma non l'ho giudicato! Sì, tutto andava meglio in passato... Questa è la tua retorica! E non sembra che tu abbia la più pallida idea di cosa volesse dire Pinkpoint... E, in generale, non sto criticando l'abitudine odierna di lasciare il materiale sospeso per il 2° o 10° tentativo. Ma installare gli exe fix con shekel per settimane, mesi o anni, lo vedo come un chiaro errore!!! Una comodità per il successo più veloce possibile...
      2. Ho pensato che l'azione fosse nella protesta del Giura di Basilea... e allora? Le persone colpite erano così sicure che fosse qualcuno "solo" desideroso di procurarsi del buon materiale. Volevo confutare questo punto di vista! Certo, sarebbe stato meglio se avesse messo il materiale in modo dimostrativo all'ingresso...
      3. Sarebbe molto utile commentare in modo più differenziato. Forse il suggerimento di Johannes sarebbe un buon consiglio per te...

      Professionisti come Megos hanno una funzione da modello di ruolo... e la tendenza di tali modelli di ruolo a utilizzare vari trucchi per avere successo e facilitare molte posizioni di clip con un allungamento ottimale del loop avrà ulteriori conseguenze negative. Dimostrato comunque migliaia di volte nel video.

      Quindi, forse rileggi il mio testo un po' più attentamente e potresti sentire tu stesso che il tuo vomitare è completamente fuori luogo...
      Cordiali saluti

  2. Neanche io sono un fan dei fixex. Ma questo ha meno a che fare con l'etica dell'arrampicata, perché i miei livelli di difficoltà riguardano il divertirmi ad arrampicare e non il dimostrare qualcosa agli altri 😉
    Mi dà fastidio quando nel muro viene lasciato del materiale non metallico. Le imbracature a nastro, ecc. invecchiano nel tempo e lo fanno soprattutto al sole. Nessun problema in palestra, c'è un operatore che ha anche un certo obbligo di sicurezza per il suo biglietto d'ingresso. Al di fuori, tuttavia, nessuno sviluppatore vuole essere ritenuto responsabile se un fixex non regge più in 7 anni. Una cosa è quando c'è del materiale appeso alle pareti nell'alpinismo e un'altra quando è il caso dell'arrampicata sportiva. Proprio perché è accettato che gli exe siano già sospesi prima del tentativo di redpoint, ci sono pochi motivi per risolverli.

    • Sì, è un buon argomento. Le imbracature fisse portano sempre a incidenti (anche mortali) e quando sono presenti, la gente del posto ha una grande responsabilità.

  3. In qualità di presidente dell'IG Klettern Basler Jura, mi sento chiamato a commentare la digressione di Hutter: l'arrampicata su roccia come arena di consumo?
    Sì, in un certo senso. Ma si inizia già con le moderne guide topografiche, dove vengo indirizzato al parcheggio e alla parete rocciosa tramite un codice QR. In precedenza, sì prima, avevamo rintracciato noi stessi le nostre aree nel sud della Francia, senza un sistema di navigazione, sì solo con le vecchie mappe Michelin e Mistral 1+2 e (per lo più) le abbiamo persino trovate!! Il buon stile inizia da qui?

    Ho anche discusso di estendere gli ex con i protagonisti dall'8a in su. Ci sono vie di prim'ordine come il "Chilam Balam" dove i ganci non potrebbero mai essere agganciati dalla posizione di arrampicata perché sono lontani dalla linea di arrampicata vera e propria. E tutti sanno che i rinvii facilitano l'arrampicata a modo loro. L'idea del punto rosa era sempre più dimenticata, concordo con Hutter. Anche l'attaccatura delle corde ad esempio il terzo bullone. Per ragioni di sicurezza? Per comodità? Perché iniziare è comunque facile? Perché non in cima alla corda? Gratis è gratis! Da qui potrebbe iniziare un discorso sulla comunicazione dello stile, come nel caso dell'alpinismo, soprattutto con gli 8000 m: cosa conta come vetta? Il vero "al vertice"! O ho allungato e appeso gli ex sulla mia via in modo tale che diventasse quasi una corda superiore?

    Hutter è infastidito dall'impatto visivo dei treni espressi fissi. E qui sono d'accordo con lui. C'è un'area nel Giura di Basilea, il grande attrezzo secco e strapiombo misto a Eptingen, dove ho smesso di contare al 120 Express. Una palestra all'aperto? Allo stesso tempo una piccola riserva naturale e un'area ricreativa con una pittoresca cascata. Un fotografo che vuole scattare foto di pura natura qui non può fare a meno di un negozio di foto. Se l'amante della natura si sente infastidito dall'effetto visivo, è comprensibile (deve coprirsi le orecchie quando si gode la natura a causa dell'autostrada costantemente rumorosa proprio accanto...). Ma se Hutter ha letto attentamente il contributo di LaCroux a Exenklau e conosce i luoghi corrispondenti, sa che non ci sono sentieri escursionistici che passano di qui e che lo smantellatore non si è preoccupato di "abbellire" il muro, ma lui (o lei) ha semplicemente svitato nuovo materiale e lasciato di nuovo il vecchio materiale sospeso.
    Quindi Hutter affronta un problema che potrebbe essere attuale in Germania, ma mette alla berlina la scena alpinistica locale, sebbene questo sia solo un fenomeno marginale qui nel Giura di Basilea.
    Non a caso preferiamo riabilitare le vie nel Giura basilese con i ganci adesivi francesi grigi della FFME. Forse il futuro restauratore e montatore in Germania dovrà quindi pensare di più all'effetto ottico dei lodati "argentini".

    Con l'evoluzione dall'arrampicata come fenomeno marginale di alcuni freak allo sport popolare, vale la pena pensare alle caratteristiche. Assolutamente! L'effetto ottico dei rinvii è un fenomeno marginale, che, a seconda delle situazioni, può essere utilizzato per indicare fenomeni di massa come cani nella foresta, arrampicate notturne, parcheggi ovunque, urla primordiali al successo o al fallimento, ghetto blaster, boom box , ventilatori, proiettori, fuochi da campo, ecc. hanno un aspetto molto diverso. Ma non solo la comunità degli alpinisti, ma anche la società in generale è chiamata a pensare al tema del tempo libero e del relax. Puntare il dito contro un'esposizione fissa per bloccare un'area di arrampicata o per cambiare lo spirito del tempo non è abbastanza ai giorni nostri!
    Patrik Müller, IG su Basler Jura

  4. Qui è essenziale che manchi l'origine. Di tanto in tanto arrampicavo con Kurt (l'inventore di RP) e Güllich. Negli USA, voglio dire, era nella City of Rocks, la sera davanti al tendone, Kurt aveva dato il meglio di quella che era ed è la sua idea di RP. Non ha mai detto o definito che l'Exxen dovrebbe essere eliminato di nuovo dopo ogni tentativo, anche se capisco l'autore, all'inizio l'abbiamo fatto in questo modo: le storie erano trasmesse in modo errato. Wolfgang in particolare aveva salito alcuni dei suoi primi 10er Rotkreis e fino ai primi anni '80 era comunque lo stile dell'epoca. Più tardi, negli anni '90, intere aree furono perforate per l'elemosina a punta rosa, ad esempio Kronthal Elsace. I ganci in posizione di clip possono essere agganciati solo quando un Exxe è nel gancio o doveva essere agganciato all'indietro. Anche lì (90 e successivi) i ganci erano già estesi con imbracature lunghe - qual è il problema? Se il perforatore avesse perforato in modo più intelligente, non avresti dovuto farlo.

    • Ciao Alex,
      se dovessi leggere il mio testo un po' più attentamente, probabilmente ti renderesti conto che non sono principalmente interessato al problema delle posizioni delle clip! Come dici tu stesso...se il perforatore avesse perforato un po' più attentamente in molti casi, di solito sarebbero sufficienti degli ex normali.
      Se, tuttavia, percorsi completamente "aggrovigliati" portano ad anelli estesi in modo ottimale permanentemente appesi al muro, si tratta di un disadattamento totale, anche se considerato isolatamente! La mia critica parte da un'altra parte: dal mio punto di vista, i percorsi dotati di fixex sono creati principalmente per comodità! In vie molto strapiombanti, potrebbe essere necessario considerare questo in modo più differenziato, poiché lo smantellamento può essere una sfida qui...

  5. Sono un po' preso tra le sedie qui. Posso ottenere qualcosa dalla posizione di Hutter, ma trovo che sia formulato in modo troppo unilaterale. Quello che più mi infastidisce è che il cosiddetto deturparsi della natura chiama sempre gli arrampicatori con ex e ganci. Che dire di strade, funivie, vie di arrampicata, persino sentieri escursionistici. Interferiscono tutti con l'immagine della natura, ma non ho mai sentito di una funivia chiusa perché alcuni alpinisti ne sono infastiditi. Come per tante cose, si tratta in gran parte di soldi

  6. Per favore la natura senza se e senza ma
    lascia la natura.
    Al mio tempo di arrampicata attiva
    era e doveva essere oggi.
    Trova una salita pulita e lasciala di nuovo.
    Pensaci.
    Sigi

  7. Questo fine settimana ho provato una via dell'autore, che non sarebbe bello salire dietro di me senza una lunga estensione. Il cavo sarebbe stato troppo grande e spesso i ganci erano contro il mio flusso di arrampicata. Questo problema è stato risolto con le imbracature estese. Il che va bene anche per me dato che sono salito sugli stessi treni. Grazie per aver perforato il percorso.

    Per quanto riguarda il comportamento enfatico nei confronti delle altre persone presenti in montagna, mi chiedo se va bene perforare tante vie nella roccia migliore e poi "bloccarle" per anni alle giovani generazioni?! Secondo me, una pianificazione mirata del progetto sarebbe appropriata qui.

  8. Posso capire molte delle argomentazioni fatte nell'articolo e nei commenti e penso anche che sia positivo che questo argomento venga affrontato. Dal mio punto di vista, i fixex pongono i seguenti problemi:
    – Problemi di sicurezza dovuti al fatto che i materiali tessili sono esposti alle intemperie
    – problema ottico sulle rocce
    – Un intralcio per le ispezioni che devono essere effettuate senza gli ex allegati preventivamente
    - Un intralcio per le persone che vogliono scalare il proprio materiale di fiducia per problemi di sicurezza. Anche se due exe si adattano a un bullone, in questo caso il clipping è solitamente più difficile

    Io stesso fondamentalmente arrampico senza che gli ex siano già in parete e quindi in automatico senza ganci estesi o con corda pretagliata. Non perché qualcuno a un certo punto abbia definito uno stile di arrampicata o in questo modo o non in questo modo, ma perché lo voglio e perché corrisponde alla mia comprensione dell'arrampicata.
    Alla fine ognuno può salire a suo piacimento e non capisco perché l'autore denunci la salita di Alex Megos con un exe esteso.

  9. Come alpinista appassionato, ho sentimenti contrastanti riguardo alla discussione sulla sistemazione delle vie. Da un lato, il fissaggio può rendere più facile l’accesso a percorsi di difficile accesso e rendere più sicura l’arrampicata. D’altro canto, rischia di cambiare il carattere di una parete rocciosa naturale e di portare ad un’eccessiva commercializzazione. È fondamentale un approccio equilibrato che tenga conto delle esigenze della comunità degli alpinisti e della tutela dell’ambiente.

Commenta l'articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui