Ci saranno più valanghe di neve bagnata in futuro?

Il cambiamento climatico contribuisce al fatto che i pericoli naturali si verificano più frequentemente nella regione alpina. Peter Bebi conduce ricerche presso il WSL Institute for Snow and Avalanche Research SLF a Davos questi sviluppi. In un'intervista, spiega quali saranno i pericoli in inverno in futuro e come noi, appassionati di sport di montagna, possiamo prenderci cura della neve.

Un contributo ospite di Josua David Lay e Fabian Reichle - Bächli Bergsport

Peter, lavori al Istituto WSL per la ricerca sulla neve e sulle valanghe SLF. Qual è il tuo lavoro lì? 

All'SLF dirigo il gruppo degli ecosistemi montani. Un focus importante è sulla foresta di protezione in relazione ai pericoli naturali, ad esempio le valanghe. A tal fine, svolgo progetti di ricerca, supervisiono studenti e scrivo proposte e pubblicazioni di ricerca scientifica. Tuttavia, sono anche coinvolto in molti progetti pratici.

Anche l'ecologia alpina è influenzata dal cambiamento climatico. Quali effetti ha su valanghe e altri pericoli naturali?

Prevediamo un aumento delle precipitazioni abbondanti e altri eventi estremi a seguito del cambiamento climatico. Si può quindi presumere che vari pericoli naturali diventeranno più forti e si verificheranno più frequentemente. In caso di valanghe la durata del manto nevoso diminuisce, sia in bassa che in alta quota.

Prevediamo un aumento delle precipitazioni abbondanti e altri eventi estremi a seguito del cambiamento climatico.

Quindi si può presumere che non ci saranno più valanghe in generale. Tuttavia, negli ultimi anni abbiamo osservato la tendenza ad avere più valanghe di neve bagnata a quote più elevate.

Potente valanga di neve bagnata nella Göschenertal

Ma meno neve significa davvero meno valanghe?

Non puoi dirlo in generale. Anche se tende a diventare sempre più caldo e la durata del manto nevoso diminuisce, possono comunque esserci grandi quantità di neve. Le valanghe di neve bagnata in questo caso avranno molta massa e potere distruttivo.

Gli strati deboli nella neve si verificano spesso quando c'è poca neve.

Gli strati deboli nella neve si verificano spesso anche quando lo spessore della neve è ridotto. Non dobbiamo quindi dimenticare in futuro la protezione contro le valanghe, anche se le temperature aumentano.

Potete fornirci uno scenario specifico per altri pericoli naturali?

Ci saranno crescenti effetti a cascata. A causa del cambiamento climatico, ci saranno più disturbi naturali come incendi boschivi o danni da scarabeo di corteccia nella foresta. Questo, a sua volta, può favorire lo sviluppo di frane.

La foresta è anche una protezione contro le valanghe. Se non puoi più fare affidamento su di esso, verranno costruite più strutture protettive artificiali?

La foresta rimarrà importante e acquisirà anche rilevanza per la protezione dai pericoli naturali. A causa del cambiamento climatico, il limite degli alberi si innalzerà, la foresta di protezione dalle valanghe si espanderà piuttosto. Tuttavia, saranno ancora necessarie strutture di protezione contro le valanghe artificiali, poiché le aree di partenza delle valanghe sono spesso ben al di sopra del limite del bosco. 

Ci sono pericoli aumentati o trasferiti negli sport di montagna a causa del cambiamento climatico? 

Ci sono aree che sono più soggette a pericoli naturali. Ad esempio, le aree ripide di permafrost si stanno riscaldando o dove lo scioglimento dei ghiacciai può portare alla rottura dei ghiacciai e aumentare il rischio di inondazioni. Inoltre, ci sono eventi occasionali come la frana di Bondo, in cui gli escursionisti sono morti in un incidente. Qualcosa del genere ci si deve aspettare sempre di più.

Ci sono sempre più inverni con poca neve. Cosa possono fare gli alpinisti invernali per salvare la loro stagione preferita?

Chi ama la montagna e gli sport invernali dovrebbe infine prendersi cura della neve affinché anche le generazioni future possano godersela. Da un punto di vista scientifico, è del tutto indiscusso che il cambiamento climatico è molto influenzato dall'uomo. Non c'è dubbio su questo.

Da un punto di vista scientifico, è del tutto indiscusso che il cambiamento climatico è molto influenzato dall'uomo.

E come ti prendi cura della neve?

Se vuoi andare in montagna, non devi andare ogni anno sulle Ande, sull'Himalaya o sulle Montagne Rocciose. È meglio esplorare i dintorni e combinare questo con il turismo sostenibile, le Alpi offrono uno spazio perfetto per questo. Ma puoi occuparti non solo della destinazione, ma anche dell'attrezzatura: assicurandoti che sia stata prodotta secondo criteri sostenibili. 

Rendi responsabili anche marchi e rivenditori, come quello di Bächli Bergsport?

Sì, in ogni caso. 

Fai ricerche sul cambiamento climatico e cerchi di capirlo e chiarirlo. Quando si tratta di consumi e comportamenti, le persone e le aziende possono promuovere la sostenibilità. C'è ancora un limite? A un certo punto siamo impotenti?

Come accennato in precedenza, gli esseri umani hanno un impatto importante sul cambiamento climatico. Questo è il motivo per cui possiamo contribuire molto ad esso o almeno rallentarlo, non prevenirlo, ma possiamo far sì che il riscaldamento proceda più lentamente, in modo che noi e le generazioni successive saremo almeno meno influenzati dalle influenze negative.

Gli esseri umani hanno una forte influenza sul cambiamento climatico.

Finché possiamo, è sbagliato dire che da un punto X non possiamo fare nulla, che siamo in ritardo e che non vorremmo affermare noi stessi. Puoi vedere cosa è successo l'anno scorso, quanto velocemente l'umanità può adattarsi e affrontare un pericolo. Quindi c'è un barlume di speranza che affronteremo anche il cambiamento climatico.

Se le persone sono adattabili, come dovrebbero affrontare l'inverno in calo menzionato prima?

In futuro dovrai salire più in alto per trovare la neve in sicurezza. D'altra parte ci saranno anche nuove opportunità in estate. Gli alpinisti hanno bisogno di una certa flessibilità; Ad esempio, quando ad ottobre non c'è ancora neve, ci si adatta alla situazione e si praticano sport di montagna adatti alle circostanze ed è responsabile, prima che sia richiesta la neve artificiale.

A proposito di Peter Bebi

Peter Bebi è a capo del gruppo Mountain Ecosystems presso il WSL Institute for Snow and Avalanche Research e si occupa principalmente della protezione delle foreste e dei loro effetti sui pericoli naturali. È cresciuto a Davos e ora vive di nuovo con la sua famiglia a Davos dopo aver studiato e conseguito un dottorato all'ETH di Zurigo e un postdoc in Colorado (USA).

+++
Crediti: immagine di copertina Whiterisk / SLF

Attuale

00:39:02

Crepa nel bosco magico | Comune e IG Magic Wood in controversia

Le onde si alzano nel Bosco Magico. Abbiamo incontrato il sindaco e il presidente dell'IG Magic Wood per un confronto.

Raboutou davanti a Seo e McNeice | Risultati Serie di qualificazione olimpica Shanghai

Con un piede a Parigi: alle Olympic Qualifier Series di Shanghai, Brooke Raboutou vince davanti a Chaehyun Seo ed Erin McNeice.

Lee, Ginés López e Ondra sul podio | Risultati Serie di qualificazione olimpica Shanghai

Olympic Qualifier Series Parte 1: Dohyun Lee, Alberto Ginés e Adam Ondra salgono sul podio a Shanghai.
00:07:13

Dopo aver commesso un highball: "Mi sono sentito sollevato e mi sono vergognato"

In questo video, James Pearson commenta la sua salita del boulder highball 29 Dots nella Valle dell'Orco.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

00:39:02

Crepa nel bosco magico | Comune e IG Magic Wood in controversia

Le onde si alzano nel Bosco Magico. Abbiamo incontrato il sindaco e il presidente dell'IG Magic Wood per un confronto.

Raboutou davanti a Seo e McNeice | Risultati Serie di qualificazione olimpica Shanghai

Con un piede a Parigi: alle Olympic Qualifier Series di Shanghai, Brooke Raboutou vince davanti a Chaehyun Seo ed Erin McNeice.

Lee, Ginés López e Ondra sul podio | Risultati Serie di qualificazione olimpica Shanghai

Olympic Qualifier Series Parte 1: Dohyun Lee, Alberto Ginés e Adam Ondra salgono sul podio a Shanghai.