Inversione di tendenza al K2: per la prima volta in montagna grandi squadre commerciali

Finora, il K2 era considerato troppo impegnativo e pericoloso per essere affrontato su larga scala da fornitori commerciali. Sembra che ora stia cambiando. Circa 50 alpinisti erano in vetta a luglio, tra cui molti clienti paganti. Sembra che la «montagna selvaggia» sia stata domata, anche il turismo è arrivato al K2.

Un totale di 48 persone si trovavano sul a luglio K2, di cui solo 3 senza ossigeno artificiale - un anno di successo dal punto di vista dei fornitori commerciali, che è stato solo rallentato dal Covid. Forse sarebbe stato un anno record senza la pandemia (nel 2018 ci sono state 62 salite).

Sarebbe stato inconcepibile 15-20 anni fa.

Ralf Dujmovits

"Sarebbe stato inconcepibile 15 o 20 anni fa", ha detto Ralf Dujmovits, che è stato il primo tedesco a salire su tutti e quattordici gli Ottomila, sui social. Sebbene il K2 sia stato meta di spedizioni commerciali dalla metà degli anni '1990, un tempo erano piccole squadre con pochi clienti.

Il percorso sull'Abbruzzisporn è costantemente ripido, esposto ed esposto a pericoli oggettivi. Le piattaforme per montare le tende sono rare, solo sulla cosiddetta spalla a 8000 metri il K2 si copre brevemente. Segue la ripida strettoia: un canalino che deve essere superato in fretta perché gli scalatori sono sotto una rottura di ghiaccio. Mentre l'Everest diventava sempre più uno status symbol in vendita, l'immagine del K2 è rimasta immutata fino ad oggi: prestigio, una sfida alpinistica.

Uno scalatore si prende una pausa durante la salita del K2.

"Rispetto all'Everest, il K2 è stato finora considerato troppo difficile per grandi spedizioni commerciali, ma soprattutto troppo pericoloso", afferma l'esperto Stefano Nestlerche da oltre 20 anni segue l'alpinismo d'alta quota. “Nel frattempo, però, tutte le preoccupazioni degli organizzatori sembrano evaporate.

Alcuni di loro, soprattutto dal Nepal, procedono secondo il motto: Non c'è niente che non possiamo rendere possibile. ”Anche un atteggiamento fatalista gioca un ruolo, nel senso che i clienti stessi dovrebbero sapere in cosa si stanno cacciando. Questo è diventato chiaro lo scorso inverno quando il più grande fornitore nepalese (Sette somme con trekking) ha anche annunciato la salita invernale del K2.

Nel frattempo, però, tutte le preoccupazioni degli organizzatori sembrano evaporate. Alcuni di loro, soprattutto dal Nepal, operano secondo il motto: Non c'è niente che non possiamo rendere possibile.

Stefano Nestler

Chiunque poteva fare clic su "prenota ora" su Internet e prenotare il tour - in un momento in cui la salita invernale del K2 non è mai stata fatta. Durante la spedizione perirono un cliente e una guida alpina. Altri sono arrivati ​​al campo alto 3, dove mancavano spazio, risorse e coordinamento. Schiacciati in tende sovraffollate, sono sfuggiti al congelamento. Dopo di che, SST è stato duramente criticato. È stato invece dimenticato il caos dell'inno di lode alla prima invernale dei dieci nepalesi.

"Solo coloro che rischiano abbastanza scopriranno fino a che punto possono arrivare." - Sette trekking in vetta

"Solo coloro che rischiano abbastanza scopriranno fino a che punto possono spingersi." - Seven Summit Treks

Alla domanda se il successo della prima invernale sul K2 influirà anche sul futuro turismo estivo, risponde Ralf Dujmovits. "Alcuni penseranno: se ora puoi scalare il K2 in inverno, dovrebbe essere possibile anche per me come alpinista per hobby in estate". Compreso internet nel campo base per poterti presentare di conseguenza sui social network”.

Non una montagna turistica

L'esperto americano Alan Arnette, che è già salito lui stesso sul K2, ritiene improbabile che il K2 sia assediato dal turismo nella stessa misura dell'Everest. “Durante una buona stagione vediamo solo 50 salite del K2. Al contrario, ce ne sono 500 sull'Everest in una stagione normale ", scrive sul suo blog. Una differenza di un fattore 10, che secondo lui continuerà a esistere. Perché i requisiti del K2 non sono una montagna turistica e mai lo saranno.

Arnette, ad esempio, sottolinea la discesa, che spesso gli alpinisti devono affrontare in autonomia con grande fatica e tolleranza zero per gli errori: “Il più delle volte devi calarti in corda doppia, e troverai un caos di vecchie corde. Se scegli la corda sbagliata, può rompersi sotto il peso. Uno è sfinito, manca la concentrazione, gli errori accadono facilmente».

Questa è una grande differenza rispetto all'Everest, ad esempio, dove la discesa è più facile e innocua proprio per la moderata pendenza e può essere meglio assistita da sherpa e guide alpine. Ad oggi, oltre 10 persone hanno resistito sul Monte Everest. Ogni anno crescono le critiche al turismo dilagante quando circolano foto di cumuli di spazzatura o intere colonne di alpinisti.

Il Nepal ha annunciato da anni che regolerà meglio il turismo dell'Everest, ma il motto è guardare dall'altra parte. Il Ministero del Turismo nepalese ha promulgato una legge in primavera che dovrebbe vietare la diffusione di immagini che mostrano cadaveri, folle o pericoli naturali sull'Everest. Viene ridicolizzato come inapplicabile, come censura della realtà c'è qualcosa a cui pensare.

Il Ministero del Turismo nepalese ha promulgato una legge in primavera che dovrebbe vietare la diffusione di immagini che mostrano cadaveri, folle o pericoli naturali sull'Everest.

L'Everest ha perso il suo nimbo

"L'Everest ha quasi perso l'aura dello straordinario", afferma Stefan Nestler. Il K2 potrebbe un giorno superare l'Everest e diventare il più popolare ottomila? “Questo è certo. Chiunque voglia ripulire il proprio ego e brillare di fronte ad amici e conoscenti con un'impresa eroica da ottomila ora può ottenere questo risultato più con un K2 che con un'ascesa all'Everest. Semplicemente perché il compito è più impegnativo e, soprattutto, più pericoloso». 

Ogni anno dimostra che il K2 è pericoloso. Lo scorso inverno ci sono stati cinque morti, quest'estate la leggenda dell'alpinismo britannico Rick Allen è morto sotto una valanga. Il 2008 è stata la stagione più letale finora, con 11 morti in soli due giorni. Paradossalmente, però, le tragedie in alta montagna difficilmente hanno un effetto deterrente, sembrano aumentarne il fascino. Dopo che otto persone morirono in una notte sull'Everest 1996, il turismo non perse affatto - al contrario

Il dramma è stato elaborato nel bestseller di John Krakauer, ha sfarfallato sugli schermi dei cinema Imax di tutto il mondo e ha portato l'Everest alla mente di un vasto pubblico. Il fatto che i contendenti in vetta sulla via meridionale abbiano superato le due guide alpine Rob Hall e Scott Fischer ghiacciate entro il 2010 faceva parte del fascino dell'Everest.

Questo potrebbe interessarti

+++
Crediti: immagine di copertina Lakpa Dendi Sherpa

Attuale

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.