La guida alpina e climber svizzera Jonas Schild inizia il nuovo anno ripetendo la difficile via trad Le Voyage (E10, 7a). Il suo viaggio personale non è andato come previsto. Ma come si suol dire: l'imprevisto accade spesso.

Come Scudo di Jonas l'ultima sezione di Il Viaggio (E10, 7a), il suo nervosismo aumenta. Il passaggio non è più molto difficile, ma è mentalmente impegnativo, in quanto bisogna salire un'ampia sporgenza su roccia friabile. «Con le braccia gonfie e la paura sulla nuca, questa parte è stata possibile anche senza caduta e sono riuscito a clippare la sosta poco prima del tramonto. Viaggio alla fonte."

La via trad Le Voyage ad Annot, salita per la prima volta da James Person, è una delle più difficili al mondo e difficilmente può essere superata in termini di estetica. Immagine: Carmen Gasser
La via trad Le Voyage ad Annot, salita per la prima volta da James Person, è una delle più difficili al mondo e difficilmente può essere superata in termini di estetica. Immagine: Carmen Gasser

Le Voyage: Il piano originale

Lo scorso autunno, appena tornato dalla sua spedizione in India, Jonas Schild ha messo mano per la prima volta sulla linea unica durante un breve viaggio Annot. "Con mia grande sorpresa, è andata abbastanza bene e il secondo giorno sono riuscito a salire in top rope su Le Voyage", ricorda.

È così che è nato il piano di sfruttare al meglio l'inverno straordinariamente caldo in Europa e di provare di nuovo la via Trad nella prima settimana di Capodanno e poi di arrampicare.

Difficile rimane difficile: a seconda della scala di valutazione, la Trad-Route Le Voyage arriva a E10, 7a o 8b+. Immagine: Daniel Bleuer
Difficile rimane difficile: a seconda della scala di valutazione, la Trad-Route Le Voyage arriva a E10, 7a o 8b+. Immagine: Daniel Bleuer

Come è successo davvero

"Ho già notato sulla strada per Annot che mi stavo ammalando", dice Jonas Schild. Grazie a tanto zenzero e vitamine ha potuto provare la via per almeno due giorni e fare un buon tentativo da terra.

"Mi sono sentito davvero male il primo giorno di riposo, quindi la mattina del terzo giorno di arrampicata ho deciso di non provarci." Quando più tardi nel pomeriggio andarono al muro per depositare il materiale lì, Jonas Schild non poteva lasciarlo andare dopo tutto.

"In piedi sotto il muro, non potevo accettare di tornare a casa senza provarci comunque."

Scudo di Jonas

Quindi si è riscaldato sulla tastiera ed è entrato. Già nella parte inferiore più facile sentiva che era la decisione giusta. «Con mia grande sorpresa, sono stato improvvisamente catturato dagli svasi sopra il Crux. Ora ero davvero nervoso". Ma la guida alpina, alpinista e scalatore ha mantenuto i nervi saldi e ha raggiunto la spiaggia poco prima del tramonto.

Questo potrebbe interessarti

+++

Crediti: Foto di copertina Daniel Bleuer

azionetalkTV
EnglishSpanishFrenchItalianGerman