La crisi della corona colpisce le palestre di arrampicata con tutte le difficoltà

Il gruppo di interesse degli impianti di arrampicata svizzeri (IG Kletteranlagen) chiede che le sale di arrampicata siano aperte il prima possibile, nonché regolamenti trasparenti e un equo compenso per le aziende chiuse. Un'apertura a marzo è essenziale per la sopravvivenza di molte aziende

Tra ottobre e dicembre dello scorso anno, le strutture di arrampicata hanno dovuto chiudere i battenti per ordine delle autorità. La ragione di ciò è stato un forte aumento del numero di casi corona. Per proteggere la salute pubblica, si sono rivelate inevitabili misure di protezione drastiche e chiusure.

La situazione pandemica si sta sviluppando in modo molto favorevole da alcune settimane ormai: il numero dei casi è in continuo calo, gli ospedali non sono più al limite e le vaccinazioni garantiscono una protezione crescente delle fasce di popolazione più vulnerabili. Intanto la pressione finanziaria sulle strutture di arrampicata, chiuse da mesi, sale oltre la soglia del dolore.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

La pressione finanziaria sulle strutture di arrampicata, chiuse da mesi, sale sopra la soglia del dolore

Elevati costi fissi dovuti all'ampio spazio

Due fattori decisivi pongono ulteriori seri problemi alle strutture per l'arrampicata rispetto ad altre attività o negozi chiusi: da un lato, l'arrampicata richiede grandi stanze, che sono associate a costi di investimento elevati. Ciò significa che, nonostante le indennità di lavoro ridotto e le eventuali riduzioni dell'affitto, una parte considerevole dei costi fissi rimane scoperta.

D'altra parte, l'arrampicata indoor è altamente stagionale; se i mesi invernali cesseranno di esistere, non ci sarà alcun cuscinetto per i prossimi mesi estivi deficitari. Ciò significa che il periodo di siccità continua senza problemi dopo l'apertura in primavera. Chiunque riuscirà a fermare il fallimento in estate avrà esaurito tutte le riserve risparmiate in autunno e avrà difficoltà a mantenere e sviluppare le infrastrutture a lungo termine.

Se i mesi invernali cesseranno di esistere, non ci saranno ammortizzatori per i prossimi mesi estivi deficitari.

Timida e mal coordinata attuazione dell'ordinanza sul disagio

Ciò che attualmente complica e aggrava ulteriormente la situazione delle aziende è l'attuazione timida e mal coordinata dell'ordinanza sul disagio. A seconda del cantone in cui si trovano, le strutture per l'arrampicata non hanno diritto al sostegno per disagio perché la Confederazione ha effettivamente promesso contributi dal pacchetto di stabilizzazione sportiva per lo sport. Quanto, quando, se del tutto ea quali condizioni le strutture di arrampicata possono richiedere i contributi del programma disagio o del pacchetto di stabilizzazione sportiva è quindi nelle stelle.

Le sale di arrampicata si sentono deluse

In questa difficile situazione, le strutture di arrampicata si vedono abbandonate dai politici: per il bene della popolazione, le strutture hanno dovuto chiudere nonostante i concetti di protezione ben funzionanti e nessuno vuole assumersi la responsabilità delle conseguenze di vasta portata che ne derivano. Se si vuole prevenire ulteriori danni, le strutture di arrampicata necessitano urgentemente di modelli di compensazione uniformi, equi e, soprattutto, più ampi in tutta la Svizzera.

Le sale d'arrampicata svizzere hanno un solido concetto di protezione.

IG Kletteranlagen è convinta che con buoni concetti di protezione nulla ostacolerebbe un inizio responsabile dell'arrampicata. Le distanze possono essere mantenute bene e indossare maschere protettive era già una cosa ovvia in autunno. Con un focus sulla trasmissione del Covid-19 attraverso gli aerosol, i sistemi di arrampicata offrono anche buone condizioni grazie al loro spazio generoso.

L'IG Kletteranlagen richiede un'apertura immediata

Con un appello urgente ai politici e agli uffici responsabili, IG Kletteranlagen chiede l'apertura immediata delle strutture di arrampicata, anche per conto dei nostri clienti responsabili.

Questo potrebbe interessarti

Attuale

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood