Save the Mountains: An Appeal di Reinhold Messner

Reinhold Messner pubblica un nuovo libro intitolato “Save the Mountains”, in cui richiama l'attenzione sulla crescente distruzione delle montagne.

Quando i romantici scoprirono la bellezza delle montagne, nessuno avrebbe potuto immaginare che questo sarebbe stato l'inizio del turismo di massa alpino. Oggi, intere regioni montane sono un unico parco giochi con pendii spogli. Motociclisti, alpinisti, escursionisti e appassionati di sport invernali si aspettano un piacere perfetto e sicuro. Ma la grandiosità della natura è sempre più banalizzata.

Tutti conoscono le immagini dell '"ingorgo sull'Everest": grazie all'infrastruttura in continua espansione sulla montagna più alta del mondo, la natura selvaggia e la sublime sensazione di alpinismo degenerano.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning
Immagine: progetto Nimsdai possibile

Ma di gran lunga non solo in lontananza sull'Himalaya, anche con noi, l'avanzata del turismo di massa sposta tutto, ciò che una volta rappresentavano le nostre montagne: deserto, avventura e rispetto.

Poco prima del suo 75. Compleanno Reinhold Messner vuole scuoterci di dosso e lancia un appello ossessivo "Salva le montagne". Per decenni ha vissuto il cambiamento del precedente paesaggio culturale in "Parchi d'azione e avventura" nelle famose regioni montane. Come nessun altro Messner conosce le montagne del mondo ed è impegnato nella protezione delle terre selvagge. In un modo acuto e supponente, mostra che tutti abbiamo la responsabilità della continuazione di questo paesaggio primordiale: perché esattamente ciò che presumibilmente cerchiamo in montagna, lo distruggiamo attivamente.

Il libro di Reinhold Messner è di 22. Agosto 2019 disponibile nelle librerie.

Reinhold la tabella dei valori di Messner per le montagne

Dieci suggerimenti di Reinhold Messner per creare condizioni che rendano veramente significative tutte le aree montane:

1. Le aree montane sono ovunque definite come la somma di un paesaggio culturale su piccola scala - progettato e mantenuto per millenni da mani umane - e da un paesaggio montano elevato.

2. Un paesaggio culturale ben curato nelle aree montane va a beneficio di tutti: si tratta di protezione ambientale, spazio ricreativo e produzione di cibo di alta qualità?

3. La coltivazione indispensabile per la coltivazione del paesaggio culturale richiede una popolazione responsabile. Solo quando fa affari resta sulla montagna.

4. Al contrario, le regioni di alta montagna - che sono state utilizzate solo come turisti per lo sviluppo moderno - contengono valori come vastità, silenzio e sublimità, nonché i pericoli che non devono essere sradicati.

5. Questi paesaggi naturali si stanno riducendo e quindi devono essere protetti. Il mondo dell'alta montagna come spazio di esperienza deve rimanere invariato, pertanto una sosta di sviluppo è obbligatoria. Le costruzioni esistenti rimangono, poiché spesso molti lavori dipendono da essa.

6. Un ulteriore progresso nelle regioni di alta montagna non dovrebbe essere agevolato da funivie, strade e tecnologie moderne. Coloro che si avventurano in alta montagna sotto la propria responsabilità e senza lasciare alcuna traccia imparano a difendere questa natura e difenderla per ulteriori generazioni.

7. Solo un uso sostenibile decentralizzato dei paesaggi culturali pone le basi per il soggiorno delle giovani generazioni, il possibile recupero e allo stesso tempo l'esperienza della natura. Le rotte di transito devono essere progettate in modo tale che l'inquinamento ambientale di ogni tipo rimanga minimo.

8. L'integrazione del paesaggio coltivato e di un paesaggio naturale privo di infrastrutture è la chiave per proteggere le aree montane. Insieme, l'agricoltura di montagna e il turismo forniscono uno sviluppo sostenibile.

9. Solo il patrimonio culturale regionale, un paesaggio culturale intatto e il paesaggio montano unico oltre a garantire la sostenibilità e l'immagine di sé della popolazione montana.

10. Le regioni montane e le conurbazioni hanno bisogno l'una dell'altra. Un insediamento spazialmente equilibrato e una struttura economica richiedono la considerazione della periferia da parte della politica. Sarebbe negativo se le aree montane continuassero a spopolare e le aree urbane crescessero.

Informazioni sull'alpinista Reinhold Messner

Reinhold Messner è l'alpinista e l'avventuriero più famoso del nostro tempo. Come scalatore, pendolare transfrontaliero e "filosofo in azione", ha imposto nuovi standard di volta in volta: è stata la prima persona a scalare tutti gli otto mila mila 14 e ha attraversato l'Antartico a piedi insieme ad Arved Fuchs. Oggi combatte per un approccio ecologicamente sostenibile alla natura, gestisce le fattorie di montagna e progetta il Messner Mountain Museum in sei località. Inoltre, ora si dedica al film di montagna come scrittore, regista e produttore. Su 17. Settembre celebra il suo 75. Compleanno.

+++
Crediti: immagine e testo zVg

Attuale

Alex Megos apre la palestra di arrampicata | Accademia del Frankenjura

Apertura parziale dell'Accademia Frankenjura: da oggi potrete arrampicare nella palestra di arrampicata di Alex Megos a Forchheim.
00:20:25

La Rhapsody (E11) è la via più pericolosa al mondo?

Magnus Midtbo torna con Dave MacLeod su una delle sue prime salite più impressionanti: Rhapsody (E11, 7a).

Yannick Flohé sale la sua via più difficile fino ad oggi con Lazarus (9a+).

9a+ in transito: Yannick Flohé riesce a salire Lazarus allo Schiefen Tod nel Giura francone in soli 4 tentativi.

Esercizio efficiente sulla strada per la verticale

Ecco come funziona la verticale: con la verticale a L puoi aumentare la forza e praticare la verticale in modo controllato.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Megos apre la palestra di arrampicata | Accademia del Frankenjura

Apertura parziale dell'Accademia Frankenjura: da oggi potrete arrampicare nella palestra di arrampicata di Alex Megos a Forchheim.
00:20:25

La Rhapsody (E11) è la via più pericolosa al mondo?

Magnus Midtbo torna con Dave MacLeod su una delle sue prime salite più impressionanti: Rhapsody (E11, 7a).

Yannick Flohé sale la sua via più difficile fino ad oggi con Lazarus (9a+).

9a+ in transito: Yannick Flohé riesce a salire Lazarus allo Schiefen Tod nel Giura francone in soli 4 tentativi.

1 commento

Commenta l'articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui