Seb Bouin sale Jumbo Love (9b) a Clark Mountain

Seb Bouin ripete il martello di resistenza Jumbo Love (9b). La via che Chris Sharma ha salito per la prima volta nel 2008 non è solo la prima via 9b confermata al mondo, ma anche la via di arrampicata sportiva più difficile negli Stati Uniti all'epoca.

Come molti appassionati di arrampicata in tutto il mondo, l'epica lotta di Chris Sharma in Jumbo Love (9b) anche dal 2008 Seb Bouin ispirato. "Questa linea del re mi ha attratto per molto tempo", dice il forte francese. Di recente è riuscito a scalare il martello da endurance lungo 80 metri. lui sta cercando Ethan Pringle e Jonathan Siegrist solo il terzo climber che riesce a ripetere Jumbo Love. Spoiler: Seb Bouin aveva gli occhi puntati su una variante ancora più difficile.

«Jumbo Love è tutto ciò che amo dell'arrampicata: una parete perfetta, enorme, arancione, a strapiombo nel mezzo del deserto del Mojave.»

Seb Bouin
Seb Bouin si assicura una delle rare iterazioni della via 9b Jumbo Love. Immagine: Clarisse Bompard
Seb Bouin si assicura una delle rare iterazioni della via 9b Jumbo Love. Immagine: Clarisse Bompard

Jumbo Love (9b): un'avventura completa

Sapeva fin dall'inizio che questa linea e la parete corrispondevano praticamente al suo stile di arrampicata preferito, dice Seb Bouin. «Salire questa via è una cosa che aspettavo da diversi anni. E sicuramente non sono rimasto deluso. È una linea fantastica con movimenti perfetti".

Ma Jumbo Love (9b) non è solo una via di arrampicata sportiva, ma un'avventura completa per la sua lontananza geografica. "Ho completamente sottovalutato l'intero processo: la guida, il fuoristrada e la salita di un'ora".

«Abbiamo cambiato tre volte la nostra macchina perché non andava bene per arrivare alla roccia. E la guida fuoristrada ci ha costretto a cambiare le gomme due volte”.

Seb Bouin
È bello ridere: Seb Bouin riesce a ripetere Jumbo Love (9b) solo per la terza volta a Clark Mountain. Immagine: Clarisse Bompard
È bello ridere: Seb Bouin riesce a ripetere Jumbo Love (9b) solo per la terza volta a Clark Mountain. Immagine: Clarisse Bompard

dividere le forze

Conosciuto per la sua incredibile resistenza, Seb Bouin è abituato ad arrampicare per molti giorni consecutivi. Per la salita di Jumbo Love (9b), invece, ha dovuto cambiare strategia: "Dovevamo sostenerci e mantenere la nostra energia e motivazione". Di conseguenza, avrebbero dormito alcune notti nel deserto per risparmiarsi il lungo viaggio. Un approccio che ha dato i suoi frutti.

"Sono stato in grado di scalare Jumbo Love nel mio decimo giorno di arrampicata".

Seb Bouin

Variante diretta mirata di Jumbo Love

Ma Seb Bouin non sarebbe Seb Bouin se avesse viaggiato negli States "solo" per una via di 9b. Il francese - al più tardi dopo le sue ispezioni di DNA (9c) o Maratona nordica (9b/+) – noto per la sua immensa resistenza, aveva in mente un obiettivo prioritario: la variante diretta di Jumbo Love, che si dice sia ancora più difficile.

"Il mio approccio era semplice: trovare le migliori beta possibili in Jumbo Love per avere le migliori possibilità di creare la variante diretta, in cui una via di 9c+ deve essere padroneggiata prima del 8b."

Seb Bouin

In questo processo, Seb Bouin ha utilizzato le ginocchiere in tre punti, che, tuttavia, hanno portato il sollievo previsto solo in misura limitata. Le ginocchiere sono difficili da posizionare in Jumbo Love. “La metà delle volte sono scivolato fuori. Ho quasi rinunciato perché in alcuni punti era troppo rischioso per me».

Nonostante queste difficoltà, Bouin non ha ancora cancellato la versione diretta di Jumbo Love. Con la partenza normale (8a circa) si arriva al passaggio chiave abbastanza fresco. Tuttavia, per creare la variante diretta, che aggiunge una via di 8c+ prima del tiro chiave, il francese avrebbe dovuto trovare una beta meno faticosa.

Con o senza ginocchiere: Jumbo Love è 9b

Seb Bouin ritiene che, sebbene le ginocchiere in Jumbo Love portino un po' di sollievo, non influiscano sulla difficoltà della via. Non è come Cortina di ferro o Cambiamento di, dove le ginocchiere fanno una grande differenza. "Penso che Jumbo Love sia 9b, con o senza kneebar."

"Penso che Jumbo Love sia 9b, con o senza kneebar."

Seb Bouin

Video: Ethan Pringle sulla seconda salita di Jumbo Love (9b)

3 giorni con Ethan Pringle da Stringhe 3 on Vimeo.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: Foto di copertina Clarisse Bompard

Attuale

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.

“Un solido 9A”: Aidan Roberts su Arrival of the Birds

Aidan Roberts conferma 9A-Boulder. Come ha vissuto la salita di Arrival of the Birds e perché valuta la linea 9A.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.