Simon Wahli ripete la via trad più difficile della Francia

Esattamente quattro anni e mezzo dopo il suo grave incidente in arrampicata nella Yosemite Valley, la guida alpina e alpinista svizzera Simon Wahli gestisce la sua via trad più difficile fino ad oggi con Le Voyage (E10, 7a) ad Annot.

Punteggi del 13 maggio 2022 Simon Wahli dopo tre giorni controllalo James Pearson- Pezzo di prova Il Viaggio nell'area di arrampicata Annot. È solo la quinta iterazione della linea commerciale più difficile della Francia. Per Simon Wahli, la salita ha anche un significato molto personale: è la prima via davvero difficile che devi assicurarti da allora il suo incidente di arrampicata quattro anni e mezzo fa.

"Il punto chiave era tecnicamente al limite per me, ma i piazzamenti sotto erano buoni".

Simon Wahli

"Non avevo provato nulla di veramente impegnativo dal 2017 che mi mettesse alla prova anche mentalmente". Da quel punto di vista, Le Voyage è stata la sfida perfetta, spiega Wahli: "Il punto chiave era tecnicamente al limite per me, ma i piazzamenti sotto erano buoni".

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Video: Simon Wahli sulla sesta salita di Le Voyage

Linea brillante, arrampicata perfetta

L'idea di scalare Le Voyage è nata a marzo di quest'anno. Il trigger è il video di Babsi Zangerl Perpetrazione. "Da quel momento in poi ho capito che avrei dovuto provare questa via un giorno", dice Wahli. Non deve aspettare molto. Durante le vacanze di primavera, lui e la sua ragazza Raphaela decidono spontaneamente di andarci Verdon per fare una sosta in Annot.

simon wahli le voyage toprope
Simon Wahl controlla Le Voyage, la linea da re nell'area di arrampicata di Annot. foto Raffaella Haug

Un primo check out sulla corda fissa è promettente e si conclude con il voto: tecnicamente fattibile. "Le Voyage mi ha davvero catturato", afferma con entusiasmo Simon Wahli. "La linea è brillante, l'arrampicata perfetta." Dopo tre giorni di boulder, si sente pronto per la salita di testa.

“Le Voyage mi ha davvero catturato. La linea è brillante, l'arrampicata perfetta”.

Simon Wahli

Dirigere il cinema in anticipo

Tuttavia, prima che Wahli raggiunga l'estremità affilata della corda, concede al suo corpo un giorno di riposo. Come spesso prima di una salita difficile, il corpo riposa, ma non la mente. I pensieri in circolo e il confronto intellettuale con una sfida facevano parte della preparazione, afferma Simon Wahli. "Nella rincorsa c'è molto da fare mentalmente".

"Nella corsa verso una salita difficile, c'è molto da fare mentalmente".

Simon Wahli

Il giorno della salita, la giovane guida alpina ritrova velocemente il suo ritmo. Risale i primi 15 metri più facili, una bella fessura di 7a. Quindi Le Voyage tira a sinistra nell'allineamento compatto della parete e segue una sottile fessura che può essere protetta in alcuni punti con dispositivi di sicurezza mobili.

"All'ultima fermata mi sono davvero preso il mio tempo e ho tremato a lungo." Nel punto chiave stesso era in piena attività e non si è accorto molto.

le-voyage-climbing-area-annot
Le Voyage segue un sistema di crepe naturale attraverso la linea compatta delle pareti. Foto: Raffaella Haug

Duro ma bello

"Per me, Le Voyage è stata di gran lunga la via trad più bella e anche la più difficile che abbia salito finora", riassume Simon Wahli. Il livello di difficoltà E10, 7a rilasciato da James Pearson è difficile da classificare per lui, soprattutto perché ha poca esperienza con le classifiche britanniche. L'equivalente sulla scala francese è 8b+.

"Significa molto per me essere mentalmente in grado di scalare di nuovo linee del genere".

Simon Wahli

La rapida salita di Le Voyage ha sicuramente dato al climber professionista bernese la motivazione per provare in futuro altri tour di questo tipo. "Significa molto per me essere mentalmente in grado di scalare di nuovo linee del genere".

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Simon Wahli

Attuale

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.

Video omaggio al Ticino: Ticino Gravity

Ticino Gravity racconta la storia del boulder in Ticino e accompagna Kim Marschner nella sua prima salita di Embrace Gravity (8B+).

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.