Squadre di cordata di Messner | Intervista a Reinhold Messner

L'autore del libro, curatore del museo e alpinista in pensione Reinhold Messner parla di mogli, padri e amici come compagni di montagna, l'abuso della parola cameratismo - e l'invidia come compagna.

Intervista di Gebi Bendler e Dominik Prantl - pubblicata per la prima volta sulla rivista di settore bergundstieg

Reinhold Messner riceve un'intervista nel suo Castel Juval in Alto Adige;
aspetterà all'ingresso all'orario concordato e condurrà in una stanza alta, rivestita in legno, con una grande TV a schermo piatto e una lampada da terra. Lì, Messner impiega tre ore per parlare, rimproverando di tanto in tanto i giornalisti, deridendo molti alpinisti e, nonostante i suoi 76 anni, non lascia affatto l'impressione di un vecchio stanco. Alla fine va a prendere personalmente una bottiglia di vino rosso, che purtroppo finisce troppo in fretta.

Signor Messner, chi è il suo compagno di corda preferito in montagna in questo momento? Mia moglie.

I compagni di vita possono essere buoni compagni di corda allo stesso tempo?
Perchè no! Ci sono esempi di questo, specialmente nell'alpinismo precoce. O più tardi su Rudi e Helga Lindner. A proposito, Paul Preuss, a cui mi sento anche legato, scrive in un articolo divertente: "Quando avevo 17 anni - forse erano 27 - le donne - legate solo attraverso la corda".

Purtroppo l'esperienza ci insegna che spesso è difficile coniugare una cordata e una vita amorosa.
Inoltre non ho mai avuto un compagno di vita con cui avrei fatto tour difficili. Non è successo. Quello che ho fatto io allora, nessuna donna della mia zona avrebbe potuto farlo. Nemmeno io e mia moglie siamo una coppia di arrampicatori. Scaliamo montagne, come la montagna più alta dell'Etiopia poco prima della pandemia, come parte dei miei studi sulle persone di montagna. Facciamo vie ferrate e facili arrampicate. Ma niente che possa causare stress o tensione. Sono oltre il tempo per i tour estremi.

Cosa distingue un buon compagno in montagna?
Lui o lei deve chiaramente essere in grado di far fronte alle difficoltà che probabilmente dovrà affrontare. Se l'esperienza non è abbastanza grande, è gestibile come partner. Il problema principale è sopportare l'esposizione, quindi quanto sei lontano dall'ultima siepe, la quarta di copertina? Se il partner si rompe mentalmente prima del compito a portata di mano, anche questo non può essere risolto. Quindi giù le mani.

Anche tu hai iniziato in piccolo. Chi ti ha portato via?
I partner sono cresciuti con me. Già da bambini ingenui abbiamo scalato le Odle davanti alla nostra porta di casa, e da ragazzi a 13 o 14 anni abbiamo già fatto tour relativamente lunghi. In seguito ho avuto la fortuna di trovare partner più anziani che avevano più esperienza e che hanno corretto ciò che non potevo: costruire stand puliti, posare backup intermedi. Ho messo tutto insieme: queste esperienze ingenue in giovane età, l'istinto che è stato costruito con loro e la scuola di Sepp Mayerl, il mio grande maestro. Solo in seguito è sorto il problema che noi - Peter Habeler era anche suo allievo - ci siamo conosciuti ben al di là di lui attraverso le spedizioni. È interessante solo da un punto di vista psicologico: che spesso gli insegnanti non sopportano di essere sorpassati.

Da chi sei stato superato?
Non avevo il problema.

Quale? Essere aggirati o essere gelosi?
Dopo il 1970 non potevo arrampicare così estremo come prima a causa delle mie dita dei piedi amputate. Poiché sono stato costretto a rinunciare alla mia passione per l'arrampicata, come alpinista d'alta quota, non ho potuto sperimentare alcuna rivalità con la generazione più giovane di alpinisti.

Ora sei al tuo terzo matrimonio. Con quante persone hai avuto una relazione a lungo termine, simile al matrimonio?
Durante i miei tour alpini avevo una mezza dozzina di compagni di corda con i quali andavo spesso ad arrampicare. Con alcuni di loro ho fatto dieci prime salite. Con Günther, mio ​​fratello, decine. Ad un certo punto ho ridotto le spedizioni a poche persone sugli Ottomila, quindi siamo rimasti praticamente sempre gli stessi. Oswald "Bulle" Oelz, Wolfi Nairz, Friedl Mutschlechner, Hans Kammerlander. E ovviamente Peter Habeler.

È ingannevole, o i tuoi libri - a parte tuo fratello - riguardano meno i tuoi compagni di corda. Quindi, se i compagni di arrampicata sono ampiamente riconosciuti nei libri di montagna, allora nei miei libri! Non erano importanti solo per me quando ero in viaggio, ma anche in quello che dicevo di loro. Voglio davvero leggere questi capitoli. Perché oggi i compagni di montagna Kammerlander e Habeler hanno più successo nell'area di lingua tedesca?

"Ma niente è facile da vendere come il 'cattivo compagno' Messner".

Reinhold Messner

Perché sono buoni?
Perché erano fantastici e li ho fatti grandi! Con i miei libri e nelle mie lezioni. Ma niente è facile da vendere come il "cattivo compagno" Messner. E quando le persone assumono manager, come Kammerlander, o ghostwriter, come Habeler, questo la dice lunga. Conosco i giornalisti che giocano la carta “il Messner prende tutto”, ma non sono in grado di leggersela da soli.

Ok, allora esaminiamo i tuoi compagni di cordata. Per quanto ne sappiamo, il tuo primo è stato tuo padre. Dovrebbe avere te e i tuoi fratelli, come hai detto una volta, allevati come bestiame. Il compagno di cordata di tuo padre in montagna era diverso dalla sua vita di tutti i giorni?

Sì, ma ha a che fare con qualcosa di completamente diverso. Vivevamo in una valle molto stretta. Le regole lì sono state fatte dal parroco e dal sindaco; era come un clan. Anche il lavoro minorile era abbastanza normale. Mio padre era molto severo, anche lui era un maestro in valle. Ma in estate ci era permesso di andare alla Gschnagenhardtalm, l'alpeggio più bello delle Dolomiti, dall'età di cinque anni. Da lì siamo andati in alpinismo, e lassù il mondo era come se non ci fosse pastore, sindaco e insegnante. Lì era vero anche il cliché “la libertà è sulla montagna”. Alpinismo estremo significa essere responsabili di se stessi; Quindi tutta libertà, ma anche tutta responsabilità per ciascuno e per tutti.

Come ricordi i tour con tuo padre?
Buono. Ottimo. Mi ha promosso per un po'. All'età di dieci o dodici anni mi portò con sé, per esempio alla Grande Fermeda. Oggi diresti tre o quattro tour. Ma senza la tecnica giusta, solo con una corda di canapa e scarponcini da trekking, come avevi allora. Successivamente sono stati aggiunti un martello e un paio di ganci. Quando aveva quattordici anni mi lasciò condurre. Questo mi ha reso forte. Il mio istinto di arrampicata è cresciuto solo con esso. Ha visto la mia salita in solitaria quando avevo tredici o quattordici anni - sulla parete sud della Little Fermeda, dopotutto un quartetto.

Hai fatto pace con tuo padre.
Chiaramente. Ho fatto pace con tutte le persone. Mi aspetto solo la stessa solidarietà dai miei partner.

Hai descritto tuo fratello Günther, che ha avuto un incidente sul Nanga Parbat, come il miglior compagno di corda che tu possa immaginare. Cosa lo rendeva così speciale rispetto agli altri?

Peter Habeler era chiaramente uno scalatore migliore, migliore di noi due. Ma Peter aveva anche due anni più di me e quattro anni più di Günther, il che è un enorme vantaggio in giovane età. Günther ha fatto i suoi studi - completamente normale, e quindi ha avuto meno tempo di me per arrampicare. Ecco perché guidavo sempre quando eravamo in due. Ma era persistente, un partner al cento per cento. Perché eravamo così familiari come fratelli. Anche perché avevamo imparato insieme l'avventura in montagna.

Cosa ha distinto Peter Habeler, con il quale hai scalato il Gasherbrum e il Monte Everst senza bombole di ossigeno, tra gli altri?
Peter Habeler ha un genio quando si tratta di arrampicata e alpinismo; Devi lasciare questo a lui. Come mai? Perché ha iniziato a farlo molto presto, anche da solo e in autonomia, e poi è cresciuto nel mondo. E: Ha semplicemente l'istinto che solo le persone guadagnano quando sono cresciute in montagna. Gli abitanti delle città non lo avranno mai, almeno non con noi.

Habeler, d'altra parte, ti ha descritto nelle interviste con lo Standard e lo Spiegel come "il miglior compagno di corda del mondo". Hai idea di come se l'è inventato?

Peter capì negli anni successivi che la storia con il suo primo libro "The Lonely Victory" non era buona. Peter non l'ha scritto, l'ha fatto scrivere. L'impiegato sapeva esattamente come aprirlo, vale a dire che il Messner dimentica Habeler quando è di nuovo a terra. Nasconderei il fatto che Peter è stato il primo a raggiungere la vetta del Gasherbrum. Quella dichiarazione è rimasta fino ad oggi. Significa: "Il Messner prende tutto e non c'è niente per i suoi compagni". Sto ancora filmando tutto come prova con una semplice telecamera.

"Peter ha capito negli anni successivi che la storia del suo primo libro 'The Lonely Victory' non era una buona storia".

Reinhold Messner

A causa del libro, hai temporaneamente litigato con Peter Habeler.
Allora scatenò un numero enorme di pregiudizi che ancora oggi mi pesano, ma non mi lascio appesantire. Le sue frasi e la mia storia - qualcosa è stato capovolto. L'ho portato a Peter. Ha promesso di aggiustarlo. L'editore ha fatto un diavolo per cambiarlo. Perché rinunciare alla chiave per vendere il tuo libro? Per questo dico di sì: i libri mi vengono venduti sulla schiena. La stessa cosa è stata fatta con Hans (Kammerlander, ndr) e Arved Fuchs (Messner ha attraversato l'Antartide con lui, ndr) è stato in grado di fare lo stesso.

Parliamo degli aspetti positivi: cosa c'era di così speciale in Hans Kammerlander come compagno di cordata?
Come Peter, ha sviluppato questo istinto in giovane età e ha imparato a sopravvivere. Ed era in una condizione da sogno. Peter aveva anche quello.

Reinhold Messner e Peter Habeler 1978 al campo base sull'Everest. Durante questa spedizione hanno gestito la prima salita della montagna senza ossigeno. Foto: Reinhard Karl (archivio DAV)
Reinhold Messner e Peter Habeler 1978 al campo base sull'Everest. Durante questa spedizione hanno gestito la prima salita della montagna senza ossigeno. Foto: Reinhard Karl (archivio DAV)

Chiameresti amico un compagno di cordata di lunga data come Kammerlander?
Non mi riferisco a nessuno dei due come amici. Eravamo comunità di comodo. A volte c'erano rapporti amichevoli, ma questo è scomparso nel tempo. Dopo aver scalato tutta una serie di ottomila e aver vagato per l'Alto Adige, ho offerto ad Hans di andare in Antartide con me. Tutto quello che deve fare è imparare a navigare. Ha detto: "Non mi interessa." Con questo, le nostre azioni sono divergenti rispetto. Non in una rissa.

Hans Kammerlander la vede in modo leggermente diverso. Dice che la tua vita può essere affidata solo a un amico. Affermazioni. Se vuoi leggere qualcosa di approfondito sul cameratismo e la cordata, devi leggere il mio libro su Willo Welzenbach (The Ice Pope. The Welzenbach Files, d. Red.). Come puoi vedere c'è un sacco di cliché. Il modo in cui in Germania è stato inteso il cameratismo, l'amicizia e la cordata è uno scandalo. C'è ancora molto da correggere.

"Il modo in cui il cameratismo, l'amicizia e la cordata sono stati intesi in Germania è uno scandalo".

Reinhold Messner

Storicamente, il termine cordata è spesso associato al cameratismo fino alla morte. A quanto pare ti dà fastidio.
Sì, questo mi dà fastidio. Perché sono bugie e inganni. Welzenbach è stato il più importante alpinista degli anni Venti e Trenta. In tutto il mondo. Non c'è dubbio su questo. Solo i tedeschi hanno cercato di romperlo.

Paul Bauer, che aveva intrapreso importanti tournée con Welzenbach, andò dal ministro con il messaggio che Welzenbach "non era capace di cameratismo". Chi può pensare a questo! Oppure conoscete la storia di Erwin Schneider e del Nanga Parbat o di Heinrich Harrer alle celebrazioni "50 anni della parete nord dell'Eiger" a Grindelwald?

Non c'eravamo.
Ero lì. Heinrich Harrer deve aver rilasciato dieci o quindici interviste. E evocava sempre cameratismo.

La cordata è la cosa più importante nell'alpinismo, la cordata è sacra. E: "Anche in Tibet abbiamo attraversato l'inferno come cordata" E: "Anche il matrimonio è una cordata per la vita". Alla domanda su cosa gli fosse rimasto della parete nord dell'Eiger, ha detto: "La cordata per la vita - con Heckmair". Ho risposto e ho detto: "Ti ammiro, ma non è vero per la cordata. Hai scalato la parete nord con Heckmair e non hai mai fatto un altro grande tour insieme. E tu stesso scrivi che non andavi d'accordo con Aufschnaiter in Tibet e quindi ti sei separato. ”Quindi non ha pronunciato una parola per l'intero programma. Sulla cordata è solo un cliché, va giù bene. Ma purtroppo l'immagine spesso non è corretta.

I partner di corda sono stati davvero solo relazioni di convenienza per te? No, sono rimasto amico di alcuni alpinisti, come Oswald "Bulle" Oelz, per cinquant'anni. Ma questo va oltre l'alpinismo e non è portato da un paio di vie. Ma anche dal dibattito intellettuale. O l'interesse letterario come con l'autore Christoph Ransmayr.

Alla fine, l'alpinismo su pista che hai criticato non è semplicemente una grande squadra? Dove tutti sono in qualche modo collegati, a volte letteralmente su una corda fissa?

L'alpinismo su pista è particolarmente evidente nelle famose montagne, le Sette Cime, gli Ottomila. Gli sherpa vi si recano in anticipo e preparano il sentiero come un pendio - e i turisti vengono condotti lassù su una catena di corde fisse. La maggior parte delle salite di ottomila metri, compresi personaggi famosi, vengono effettuate al seguito di tali spedizioni. L'infrastruttura c'è, l'esposizione rimossa. Ma questo non ha più nulla a che fare con l'alpinismo. Non c'è mai una cordata, la stragrande maggioranza dei clienti conosce solo il proprio gruppo, nessuno di altre squadre.

Reinhold Messner nel 1970 dopo aver attraversato il Nanga Parbat nell'ospedale di Innsbruck. Foto: Toni Hiebler (archivio DAV)
Reinhold Messner nel 1970 dopo aver attraversato il Nanga Parbat nell'ospedale di Innsbruck. Foto: Toni Hiebler (archivio DAV)

I nepalesi ora hanno molto successo anche nelle cordate in montagna. Ad esempio, la prima salita invernale del K2 di Nirmal Purja è ancora Alpinimus nella tua comprensione?

Questo è alpinismo. Prima di tutto, ha scalato tutti gli ottomila in sette mesi...

...ma con l'ossigeno. E ci sono voci di alpinisti che non gli credono che abbia fatto il K2 in inverno senza ossigeno.

Il sussidio di ossigeno è una sciocchezza rispetto alla preparazione del percorso. La pendenza rende la salita più facile rispetto all'uso dell'ossigeno. È irrilevante. L'ossigeno fa parte della tradizione dal 1922. L'alpinismo conquistatore sui grandissimi Ottomila ha funzionato, tra l'altro, perché hai imparato a usare i dispositivi ad ossigeno. Se qualcuno lo fa senza, va bene. Ma quando qualcuno risale il pendio e dice: io, senza ossigeno! posso solo ridere. La salita è la più facile, mentalmente, fisicamente e per l'effetto single file.

Nirmal Purja ha iniziato ad alpinismo solo quattro anni fa.
Neanche lui è un vero alpinista. Ma sugli ottomila ha raggiunto un traguardo che nessun europeo aveva tentato. E poi è andato al K2 in inverno, che 20 spedizioni hanno provato prima di lui, a volte con enormi sforzi, e hanno fallito. Come cronista, per me come cronista è relativamente poco importante che abbia percorso l'intera distanza con o senza ossigeno.


K2 senza ossigeno: come è stato possibile?


Non sei esattamente timido per i media. Anche per te i media non sono una specie di partner di corda? Qualcuno che ti ha reso famoso e alla fine ti ha reso famoso anche per i 14 Ottomila?
Ottimo. All'inizio, media come il Bunte o lo Stern pagavano davvero molto bene per le nostre storie: articoli più immagini.

Cosa intendi: molto buono?
da 15.000 a 20.000 marchi. Per una storia. Era anche interessante dal punto di vista economico, un dare e avere. Se qualcuno oggi dice di aver scalato una vetta di settemila metri in Himalaya, allora in Germania non guadagnerà un centesimo, nemmeno dalle grandi riviste.

"Fa paura la metà di scalare una montagna in coppia che da soli".

Reinhold Messner

I social media sono più come andare da soli per rimanere nell'immagine dell'alpinismo. È questo il nuovo modo: andare da soli nei media? Dove pace, gioia, pancake possono essere messi in scena anche con il tuo partner?

Non sto sopravvalutando la cordata. Ma: posso fare un grande alpinismo solo in cordata, a meno che non sia Alex Honnold, che arrampica da solo attraverso pareti impossibili. Ma normalmente sono necessarie almeno due persone per la gestione tecnica di un tour tradizionale - e come reciproco supporto morale e psicologico. Fa paura la metà di scalare una montagna in coppia quanto da soli. Preferibilmente con un amico come partner.

Guardando indietro, ti descriveresti come un buon compagno di corda?
Dopo aver appreso da Sepp Mayerl come proteggere e costruire correttamente gli stand, penso di aver fatto bene. Non ho mai perso un partner perché non mi sarei assicurato adeguatamente. Anche se a volte sono stato solo fortunato.

Circa l'autore

Dominik Prantl ha la sua casa giornalistica alla Süddeutsche Zeitung, dove scrive principalmente per la sezione viaggi e di montagna. Come neo-Innsbrucker, aiuta attivamente anche nella redazione di bergundstieg. Ecco perché raramente riesce ad arrivare in montagna.


Informazioni sulla rivista bergundstieg

Bergundstieg è una rivista internazionale per la sicurezza e il rischio negli sport di montagna e illumina i temi dell'attrezzatura, del soccorso alpino, della tecnologia delle funi, degli incidenti e della conoscenza delle valanghe. Bergundstieg è pubblicato dalle associazioni alpine dell'Austria (PES), Germania (DAV), Alto Adige (AVS) e Svizzera (BORSE).


Attuale

Coppa del Mondo IFSC Lead e Speed ​​Briançon | Informazioni e live streaming

L'ultima Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi si svolgerà a Briançon dal 17 al 19 luglio 2024. Qui troverai tutte le informazioni importanti e i live streaming.

5 motivi per fare un pellegrinaggio alla mecca alpina di Chamonix l'anno prossimo

Scopri tutto sull'Arc'teryx Alpine Academy di Chamonix: un evento superlativo per gli appassionati di alpinismo provenienti da oltre 30 paesi.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Coppa del Mondo IFSC Lead e Speed ​​Briançon | Informazioni e live streaming

L'ultima Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi si svolgerà a Briançon dal 17 al 19 luglio 2024. Qui troverai tutte le informazioni importanti e i live streaming.

5 motivi per fare un pellegrinaggio alla mecca alpina di Chamonix l'anno prossimo

Scopri tutto sull'Arc'teryx Alpine Academy di Chamonix: un evento superlativo per gli appassionati di alpinismo provenienti da oltre 30 paesi.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.