Perseveranza incredibile: Matt Fultz ripete Big Z (8C+)

Matt Fultz si assicura la seconda salita dell'8C+ Boulder Big Z a Lake Tahoe. Ha investito ben trenta sessioni distribuite su tre anni nel pezzo di prova di Shawn Raboutou del 2020.

"Sono così felice! Che processo e che successo personale per me”, dice felice Matt Fultz dopo la sua commissione di Big Z (8C+). Il pezzo di prova di Shawn Raboutou Lake Tahoe non è solo il masso più difficile che abbia mai scalato, ma anche il più intenso in termini di processo dalla pianificazione alla salita finale.

Onestamente, questa è stata la prima volta che ho capito veramente che un problema era più grande e più significativo del semplice numero ad esso associato.

Matt Fultz

Video: Matt Fultz durante la seconda salita di Big Z

Attraverso profondi dubbi e frustrazione fino al successo

"Questo masso mi ha fatto dubitare di me stesso e mi ha chiesto molto di più di quanto avrei mai pensato di poter dare." Ha smesso di credere in se stesso, dice Matt Fultz.

Ho avuto una grave sindrome dell’impostore quando la gente mi chiamava “arrampicatore professionista”.

Matt Fultz

Matt Fultz non è sicuro se questa sensazione di sentirsi inadeguato nonostante il suo successo scomparirà con la scalata di Big Z. “Tuttavia, so di essere molto grato per questa esperienza e per le frustrazioni che mi hanno permesso di conoscere meglio me stesso”.

Big Z: Tre anni, 30 sessioni

L'americano ha provato più volte Big Z negli ultimi tre anni. Nelle prime dieci sedute la linea sembrava impossibile.

Ero troppo alto per assumere le posizioni giuste e le mie dita non entravano nelle fessure.

Matt Fultz

Ha continuato a provarci solo perché sapeva che sarebbe stato positivo per lui lavorare sulle sue debolezze. "Ad un certo punto ho sviluppato una beta per ginocchiera con la quale sono riuscito a decifrare il punto chiave centrale." Allo stesso tempo, il kneebar ha reso la transizione ai movimenti successivi molto più difficile.

Dopo circa altre 20 sessioni, sono arrivato in cima al primo tentativo della giornata pieno di fiducia.

Matt Fultz

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Matt Fultz

Attuale

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Ai Mori e Colin Duffy vincono la Coppa del Mondo Lead a Chamonix

La Coppa del Mondo Lead di Chamonix 2024 è storia: il giapponese Ai Mori e l'americano Colin Duffy hanno vinto la medaglia d'oro.

Questi 68 scalatori sono qualificati | Giochi Olimpici di Parigi

Quali scalatori sono qualificati per i Giochi Olimpici? Te lo raccontiamo in questo articolo.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.