12 Saxon Kinglines Free Solo in un giorno

Alla fine di maggio, Anton Schröter ha salito 12 difficili vie di arrampicata in un giorno - tutte le cosiddette vie master - in Saxon Switzerland Free Solo. L'impatto psicologico di questa impresa è difficile da cogliere e ha fatto inghiottire a vuoto anche sassoni come Bernd Arnold o Robert Leistner. Abbiamo parlato con il 24enne del suo mostruoso lavoro da solista.

* Svizzera sassone non è solo considerata la culla dell'arrampicata libera, ma è anche nota per la sua rigida etica alpinistica. Ai tempi della RDT fu introdotto un sistema di classificazione per motivare gli scalatori, i cosiddetti percorsi maestri. 12 di queste 92 vie di arrampicata di fascia alta selezionate dovevano essere scalate per raggiungere lo standard principale.

Anton Schroeter ha una dozzina di queste squisite linee in un giorno alla fine di maggio Solo scalato. Il pioniere dell'arrampicata sassone Bernd Arnold parla a Emontana di "una prestazione di arrampicata incomparabile al limite dell'attuale resilienza fisica e mentale". Ma non senza l'aggiunta che, si spera, non ci saranno molti imitatori.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Lo scalatore purosangue sassone Robert Leistner ha una situazione simile. Apprezza la performance come "molto eccezionale", soprattutto dalla psiche: "Mentalmente non conosco quasi una performance più forte, dato che gli highball in Bishop sono uno scherzo contro di essa". Allo stesso tempo trova l'azione abbastanza lampante. Puoi fare uno di questi tour in solitaria, ma correre questo rischio dodici volte in un giorno è fantastico.

Video: Anton Schröter sale 12 vie master in un giorno in free solo

Intervista: Anton Schröter sul suo free solo dei 12 percorsi master

Dimmi Anton, come ti viene in mente l'idea di fare un free solo di 12 di queste linee leggendarie in un giorno?

Arrampico nella Svizzera sassone da quando ero bambino. Sono cresciuto nel Brandeburgo, ma d'estate come famiglia andavamo spesso nella Svizzera sassone. Questo fine settimana è stata un'esperienza molto intensa.

Due anni fa ho fatto 12 percorsi master in un giorno con il mio amico di arrampicata Martin Driver. Adoro le lunghe giornate di arrampicata in cui devi arrampicare in modo efficiente e veloce.

Ricordo di essermi seduto sull'ultima vetta pieno di energia dopo 16 ore in piedi e sapendo di aver trovato ciò che amo: progetti che ti spingono al limite.

Anton Schroeter

Ma avevo ancora molta energia in me, motivo per cui ho pensato che fosse possibile ancora di più sull'ultima vetta quella sera.

E cosa è successo dopo?

Negli ultimi due anni ho praticato il free solo nella Svizzera sassone di tanto in tanto. O perché spontaneamente non avevo un compagno di cordata o perché avevo bisogno di tempo per me stessa. Dopo una o due salite in free solo di master trails, il progetto ha preso forma. Ora ho iniziato a vedere quali dei 92 percorsi master sono senza corda.

Molti sono ad alto attrito, fragili e semplicemente non adatti per il free solo o ampiamente distribuiti nella Svizzera sassone. Alla fine ho messo insieme la mia lista e ho iniziato a percorrere tutti i sentieri in solitaria. Quando ho finito, ho capito che era tempo di agire.

"I percorsi principali sono quasi tutti linee di re." Anton Schröter al Teufelsturm. Foto: Johanna Fricke
"I percorsi principali sono quasi tutti linee di re." Anton Schröter al Teufelsturm. Foto: Johanna Fricke

Cosa distingue i percorsi master?

Le 12 vie sono quasi tutte linee di re. Vie che vanno semplicemente scalate. Quando ti trovi in ​​mezzo a loro, provi rispetto e riconoscimento per i primi scalatori e vuoi vivere tu stesso una piccola avventura su queste vie. Impressionante ciò che allora gli alpinisti scalavano con fasciatura al petto, maglia ea piedi nudi.

Quando ti trovi sotto i sentieri principali, provi rispetto e riconoscimento per i primi scalatori e vuoi vivere tu stesso una piccola avventura su questi percorsi.

Anton Schroeter

Come hai affrontato strategicamente il tuo progetto?

La strategia in un tale progetto è importante almeno quanto la forma fisica. Le vie dovrebbero essere nella mia zona di comfort dato che volevo salirne 12 di fila. Dovrebbero essere relativamente vicini tra loro in modo da non essere solo impegnati a fare escursioni. E la cosa più importante era l'orientamento delle pareti.

Le giornate sono state lunghe, il che è positivo per le grandi attività, ma anche per una battaglia di caldo inevitabile. Faceva molto caldo quel giorno con un cielo azzurro e limpido. Quindi ho provato a fare le pareti sud molto presto o di sera e per lo più arrampicando all'ombra, ma non era possibile per tutte le vie.

Quando possibile, Anton Schröter ha cercato di scalare i sentieri principali all'ombra, come il Bergfinkenweg qui. Foto: Reinhold Geipel
Quando possibile, Anton Schröter ha cercato di scalare i sentieri principali all'ombra, come il Bergfinkenweg qui. Foto: Reinhold Geipel

Ad esempio, sono salito a bordo del bordo ovest diretto del Falkenstein alle 15:XNUMX, dove il sole splendeva completamente. Ma ho dovuto scendere a compromessi e questa è stata anche la sfida con un progetto così grande. 

Qual è stata la sfida più grande per te, per cosa hai avuto più rispetto?

Inizialmente pensavo che ci fosse solo un modo che avrebbe mostrato se ce l'avevo in me: il lato della valle a Schwager (IXa), una fessura diritta di 50 metri con due tetti di fessure sabbiose e una delicata fessura di dita all'inizio.

Ma le sfide sono iniziate qualche giorno prima. Le notti prima del progetto riuscivo a dormire solo poche ore. Penso che sia stato perché ero molto emozionato che fosse arrivato il momento dopo un lungo periodo di preparazione. La prima sfida quel giorno è arrivata con il terzo percorso, l'Urban Traverse.

Il 50enne ha valutato suo cognato, una fessura lunga 24 metri con due tetti di fessure sabbiose, come la sfida più grande. Foto: Mika Jacob
Il 50enne ha valutato suo cognato, una fessura lunga 24 metri con due tetti di fessure sabbiose, come la sfida più grande. Foto: Mika Jacob

Inwiefern?

L'ho scalato solo una volta 2 anni fa e ricordavo solo vagamente sporgenze piccole, sabbiose, leggermente fragili senza gradini. Su questi dovevi tremare orizzontalmente a sinistra di tre metri, i tuoi piedi erano praticamente sul nulla.

Le maniglie scricchiolavano ea volte dovevo prima soffiare via la sabbia perché il sentiero non viene fatto spesso.

Anton Schroeter

Non esattamente un sentiero che piace fare in solitaria, ma con 12 percorsi ho dovuto scendere a compromessi. Ma avevo una buona forza delle dita e sono stato in grado di padroneggiare bene la prima sfida. La seconda sfida è arrivata inaspettatamente nelle fessure orientali del Dreifingerturm.

Cosa è successo esattamente?

Avevo aspettato specialmente che il sole uscisse dalla parete est verso mezzogiorno. Ma ovviamente la roccia era ancora abbastanza calda. Anche il passaggio chiave inferiore, dove non è necessario attaccare prese così buone, era unto. Dopo questo è solo ripido con buoni morsetti a mano.

Ho pensato tra me e me dopo il passaggio chiave: fantastico, la cosa più difficile è fatta. Adesso basta salire. Ricordo di aver fatto un buon inceppamento con la mano destra e di aver cercato la successiva buona presa con la sinistra, ma non ci sono riuscito.

Anton Schröter nel passaggio nell'Ostrissen alla Dreifingerturm, dove è riuscito appena a evitare un incidente mortale. Foto: Mika Jacob
Anton Schröter nel passaggio nell'Ostrissen alla Dreifingerturm, dove è riuscito appena a evitare un incidente mortale. Foto: Mika Jacob

Penso che il mio morsetto destro sia stato impostato 10 cm troppo in profondità. Quindi volevo scendere di nuovo di un metro per bloccare un po' più in alto con la mano destra.

Improvvisamente la mia caviglia sinistra si è allentata. Ora avevo solo la presa della mano destra e il piede destro nella fessura e nessun contatto con la roccia a sinistra. Così la porta si è aperta.

Anton Schroeter

Prima che potesse succedere qualcosa, ho afferrato una fionda permanente che giaceva nella fessura. Non so se ne avevo davvero bisogno. Ma meglio al sicuro che dispiaciuto. Una merda ohhh mi è scivolata fuori dalla bocca. Un respiro profondo e abbiamo proseguito fino alla vetta. Al vertice, ho pensato brevemente al motivo per cui mi trovavo nella situazione.

E nonostante questa situazione delicata, sei andato avanti?

Da un lato pensavo di smettere, ma anche dei 12 percorsi master e che ora dovevo fare un 13 percorso master, poiché le fessure est non contavano più. Ma non volevo prendere la decisione fino a dopo mio cognato.

Potrei dire che il mio morale e quello dell'equipaggio si erano un po' abbassati. Quindi ho suggerito di fare prima un'escursione alla vetta successiva e di fare qualche ora di pausa pranzo all'ombra. Ho deciso di salire un'altra via dopo la pausa relax. In questo mi sono trovato bene nonostante le pessime condizioni. Un segno per me di non arrendermi adesso.

Anton Schwager nella crepa del tetto sabbioso di suo cognato. Foto: Reinhold Geipel
Anton Schwager nel tetto sabbioso e crepato del cognato. Foto: Reinhold Geipel

E io ero in piedi davanti a mio cognato. Lo strano dito rotto non era mai stato così bello, ma quel giorno è andato molto bene.

Sul secondo tetto, dovevi fissare dei morsetti a mano nella roccia sabbiosa in fondo alla fessura, dove pendeva quasi tutto il tuo peso corporeo. Anche qui mi sono bloccato nei posti sbagliati e sono sceso ancora un po'.

Anton Schroeter

Rivalutando la situazione e rilassandomi con esercizi di respirazione, al secondo tentativo ho scavalcato il tetto con disinvoltura. Ora solo un faticoso pugno e spallata fino alla vetta.

Cominciavo a sentirmi esausto. Eravamo svegli dalle 3:30 del mattino e alle 6 del mattino sono entrato nel primo percorso. Erano ormai le 19:13 Ero ancora in buona forma e sono stato ambizioso da quando potevo camminare, quindi ho deciso di fare anche il XNUMX modo.

Come sei riuscito ad essere nella giusta mentalità fino alla fine?

Gli ultimi quattro percorsi sono stati associati a sentimenti contrastanti. Da un lato, ho scalato quasi tutto in modo diverso rispetto al check-out, motivo per cui spesso ho dovuto fidarmi intuitivamente della mia tecnica di arrampicata. D'altra parte, avevo ancora molta energia e mi sentivo all'altezza di qualsiasi sfida.

Ho salito le ultime due vie al chiaro di luna con un raggio di luce lungo pochi metri della mia lampada frontale. Ero pieno nella mia piccola vescica. L'aria era afosa e sulla penultima vetta l'orizzonte era punteggiato di rosso.

Da un lato, ho scalato quasi tutto in modo diverso rispetto al check-out, motivo per cui spesso ho dovuto fidarmi intuitivamente della mia tecnica di arrampicata. D'altra parte, avevo ancora molta energia e mi sentivo all'altezza di qualsiasi sfida.

Anton Schroeter
Anton Schröter ha salito le ultime due vie nel cono di luce della sua lampada frontale come in una bolla. Foto: Mika Jacob
Anton Schröter ha salito le ultime due vie nel cono di luce della sua lampada frontale come in una bolla. Foto: Mika Jacob

Un paio di miei amici erano già saliti sull'ultima vetta e mi stavano aspettando. Una volta in cima, il fardello visibile che gravava su tutti quel giorno è caduto e ci siamo abbracciati e abbiamo celebrato la vita.

La stanchezza si stava ora diffondendo. Più nella testa che nel corpo. Scherzare e chiacchierare a terra e poi completamente rilassati risalire un sentiero in solitaria è mentalmente molto estenuante.

Devi sempre passare da una giornata rilassata con gli amici a una piena concentrazione con un alto grado di conseguenze in caso di errori e quella 13 volte con 2 ore di sonno in anticipo.

Anton Schroeter

In ogni caso, il fattore decisivo è stata una buona preparazione. Mi piace sempre dire: senza senso, ma con buon senso.

Sull'ultima e tredicesima vetta la tensione cala. Foto: Gregor Schröter
Sull'ultima e tredicesima vetta la tensione cala. Foto: Gregor Schröter

Cosa ti passa per la testa quando sali in free solo?

Quando arrampico in free solo, non ho nulla che mi limiti - nessuna corda, nessun pensiero, dove posso mettere il giro successivo, quanto sono al di sopra dell'anello, posso ancora cadere? Tutto ciò svanisce. Balli sulle rocce e non ti lasci niente alle spalle. L'unica cosa che conta è la prossima presa o calcio.

Devi superare i problemi in modo rapido e sicuro. Non puoi sbagliare. Tutto questo è piuttosto intenso e sembra incredibilmente reale.

Anton Schroeter

Durante i miei studi, posso fallire un esame diverse volte prima di doverlo superare. C'è un'assicurazione per tutto, in modo che in caso di problema/incidente tu possa semplicemente trasferire le conseguenze e non essere ritenuto responsabile tu stesso.

A volte sembra tutto così rilassato che mi piace il free solo con le sue chiare regole e conseguenze in questo mondo in cui sei protetto da qualsiasi cosa solo per ottenere una libertà che sento tende ad essere persa.

Anton Schröter ha salito queste 13 vie master in un giorno in free solo

  • "Muro Est" VIIIc a Teufelsturm
  • «Talseite» VIIIb a Teufelsturm
  • «Traversata urbana» VIIIb all'Ostervorturm
  • "Lineal" IXa alla Torre Meurer
  • "Route Ten" VIIIc al Meurerturm
  • "Diretta parete ovest" VIIIc alla Torre Meurer
  • «Ostrisse» VIIIc a Dreifingerturm
  • "Bordo occidentale diretto" VIIIb sul Falkenstein
  • «Talseite» IXa presso il cognato
  • »Talweg« VIIIa presso la torre rococò
  • «Bergfinkenweg» VIIIb presso la torre rococò
  • "Sentiero comunitario" VIIIb alla Wilde Zinne
  • »Spigolo ovest diretto» VIIIc al Wilder Kopf

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Non perderti nulla: ricevi la nostra newsletter

* obbligatorio
Interessen

+++

Crediti: immagine di copertina di Gregor Schröter

Attuale

Gli appassionati di outdoor si incontrano qui: Misoxperience Festival 2024

Attenzione agli appassionati di bouldering e outdoor: il Misoxperience Outdoor Festival si svolgerà per la terza volta a Misox, nei Grigioni, dal 4 al 12 maggio.

Jernej Kruder conquista una via ibrida 9a con topout offwidth

Nonostante le condizioni esterne: Jernej Kruder ripete la via ibrida 9a La Bruja di Ignacio Mulero a La Pedriza.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Gli appassionati di outdoor si incontrano qui: Misoxperience Festival 2024

Attenzione agli appassionati di bouldering e outdoor: il Misoxperience Outdoor Festival si svolgerà per la terza volta a Misox, nei Grigioni, dal 4 al 12 maggio.

Jernej Kruder conquista una via ibrida 9a con topout offwidth

Nonostante le condizioni esterne: Jernej Kruder ripete la via ibrida 9a La Bruja di Ignacio Mulero a La Pedriza.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.