Intervista: Roger Schäli sulla salita di Merci La Vie sulla parete nord dell'Eiger

Circa un mese fa, l'alpinista professionista svizzero Roger Schäli ha gestito la prima salita in punto rosso della via di più tiri Merci La Vie sul pilastro di Ginevra. LACRUX ha parlato con Roger dell'ispezione e della creazione del percorso.

Una conversazione con Roger Schäli

Quando hai segnato esattamente il percorso?

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Il 12 luglio 2020 ho potuto salire la via, accompagnato da Fred Thyler, rotpunkt.

L'Eiger è la tua seconda casa. Cosa ha significato per te la prima salita in punto rosso di Merci la Vie?

Il percorso significa molto per me. Innanzitutto perché ho iniziato la via molto tempo fa (primo tiro) e poi, mi piace lavorare con Sean Villanueva , Nina Caprez originato. È fantastico che siamo stati in grado di impostare il percorso in questa squadra forte e quindi aprirlo.

Ero motivato a salire la via del punto rosso.

Sean in passato era in ottima forma per l'arrampicata e ha dato tutto per scalare il punto rosso della via. Quindi sapevo che sarebbe stato difficile salire la via liberamente. Di conseguenza ero motivato e concentrato a pianificare di nuovo il percorso non appena inizierà la stagione 2020. Quindi ovviamente sono molto felice di essere riuscito a salire il punto rosso della via.

Puoi descriverci il percorso?

In termini di distanze e sicurezza, è sicuramente il percorso più difficile al momento sul pilastro di Ginevra. Il primo tiro è lungo circa 50 metri ed è 6b +. Segue una lunghezza nell'area 7b +. La terza lunghezza è la lunghezza più forte del tour nell'area 8a. Questo tiro sarebbe sicuramente un classico se fosse in una palestra di roccia. Treni pesanti, forti, larghi.

La difficoltà del quinto tiro non è facile da stimare.

Poi arriva un difficile 7a di lunghezza e la quinta lunghezza è il punto singolo più difficile, dove un masso deve essere dominato su uno stomaco. Dopo il punto chiave c'è una fessura da scalare in stile Trad. La difficoltà di questa lunghezza non è facile da stimare. La sesta lunghezza è un tiro infinitamente lungo e tecnicamente impegnativo nell'area 7c +, che devi assicurarti più e più volte. Segue un impegnativo 7b + e un facile ottavo tiro.

E quanto pensi sia difficile il quinto tiro e il più difficile?

È molto difficile giudicare. La difficoltà complessiva è molto persistente, così come la sicurezza, ovviamente. Ma non puoi confonderlo. Se il percorso è pulito, i segni di spunta sono attaccati, gli ex sono sospesi, quindi probabilmente è un 8a.

Sono curioso di quello che dice Nina. Sono attualmente sulla rotta con lei e spero che presto segnerà nel tour.

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Questo potrebbe interessarti

Roger Schäli e Sean Villanueva sulla via La Vida es Silbar

Attuale

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood