MSL prima salita in Val Bavona: Alexandra Schweikart e Christopher Igel salgono Space Force (8a +)

Alexandra Schweikart e Christopher Igel hanno allestito l'imponente via di più tiri Space Force con difficoltà fino all'8a + in Val Bavona (Ticino). Il cuore del percorso è rappresentato da un ripido tetto a crepe di 40 gradi. Secondo Chris e Alex un tiro da sogno, 8a, la maggior parte del quale può essere assicurato con le camme. Abbiamo chiesto ad Alex e Chris di raccontarci qualcosa di più sulla prima salita e sulla storia che c'è dietro.

Un'intervista di Ray Wood

Ray Wood: Ci sono voluti due anni per completare la via, tutti gli 11 tiri liberi in un giorno. Cosa ti ha attratto del progetto?

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Anche da terra si può vedere la gigantesca fessura attraverso il tetto nella parte inferiore del muro. Volevamo davvero andarci! Il tetto è poi diventato il terzo tiro della Space Force. Successivamente abbiamo scoperto che il sesto tiro più in alto era ancora più difficile. Scoprire se potevamo anche gestire tutti i singoli treni di questa lunghezza era il piano dello scorso autunno.

La nostra previsione per questo è cambiata ogni giorno: inarrivabile-scalatore-inarrivabile-scalabile.

Quando finalmente abbiamo capito tutti i singoli movimenti, sapevamo che sarebbe stato estremamente difficile salire questi tiri duri in un giorno: 7c +, 8a, 8a +, 7c in una volta? Con le camme? Alla fine di ottobre 2020, avevamo ottimizzato la via in modo che potesse teoricamente essere scalata per noi. La grande attrazione del progetto è stata quella di provare quanto “difficile” sarebbe stato realizzare in un giorno.

Descrive il muro per le persone che non ci sono ancora state. Ci sono altri percorsi lì? Lei è conosciuta?

Abbiamo scoperto il muro per la prima volta nel 2014 in un sorvolo con la funivia per Robiei. Il muro si trova in fondo alla Val Bavona (Svizzera) e non è visibile dalla strada. Tuttavia, è a soli 20 minuti a piedi dalla strada principale e si affaccia a nord-ovest. Si tratta di un'imponente parete alta 250 metri (roccia gneiss) che sporge pesantemente nella prima metà. La Val Bavona non significa nulla per la maggior parte delle persone, ma ci sono salite difficili in tutte le discipline che molti alpinisti dovrebbero conoscere. “Coup de Grace” (9a Sport), “Off the Wagon / Sitting Start” (8B + / 8C + Boulder) e “Super Cirill” (8a + multi-pitch), per citarne solo alcuni. 

È un imponente muro alto 250 metri che sporge pesantemente nella prima metà.

Abbiamo gestito la prima salita in libera della parete nel 2014 con la via “Della Funivia”: 13 tiri fino al 7c, seguendo la linea più semplice sulla roccia. Dopo questa prima salita, siamo stati motivati ​​a cimentarci nella ripida parte sinistra di questa parete. È così che è nata la compagnia Space Force. C'era già una linea tecnicamente scalata su questa parete nel 2006, che attraversa la parte orribilmente fragile e costantemente bagnata della parete inferiore. Le nostre linee si incrociano in alto, ma dopo aver consultato gli sviluppatori Simon Riediker e Aaron Richiger, non dovremmo tenerne conto. "Provaci e basta", ha scritto Simon. 

Hai impostato il percorso dall'alto o dal basso e l'hai verificato? Quali sono state le difficoltà quando hai percorso per la prima volta un percorso del genere?

Abbiamo allestito il percorso da terra in tre viaggi in Ticino in più giorni. È interessante notare che, tecnicamente, aprire il muro con camme, cunei e skyhook, mentre le sezioni più facili per l'arrampicata libera, non erano un gran problema. Ma quando si è trattato di fare boulder sui tiri duri, siamo rimasti sorpresi di quanto fosse difficile l'arrampicata e di quanto fosse brutta la protezione!

Quindi abbiamo dovuto capire dove mettere più ganci per rendere la via scalabile. In definitiva, abbiamo dovuto memorizzare ogni movimento e ogni posizione delle camme su ogni singolo tiro per poterli salire.

La siepe è un misto di trad e bolts. Come sarebbero i passaggi trad nei gradi E?

Il grado di arrampicata sportiva pura delle mosse più difficili è 8a + sui ganci, ma ci sono punti nelle aree 7c e 8a dove puoi arrampicare in sicurezza solo con le camme. Per fare un confronto: il percorso è molto più difficile rispetto, ad esempio, "Grave Diggers" (E86c) sul passo Llanberis, ma allo stesso tempo molto più facile da mettere in sicurezza. Pensiamo che non avrebbe senso dare a questa via un grado E (i gradi E sopra E6 sono a nostro avviso comunque difficili da assegnare e spesso hanno poco senso).

Il terzo tiro è un grande tetto di 8a e il sesto è il più difficile. Puoi descriverlo?

L'8a del terzo tiro è estremamente ripido ed è costituito da una fessura che divide la parete in due parti: un tiro da sogno di 40 gradi, la maggior parte del quale può essere fissato con camme. Dopo una partenza da masso su piccole maniglie e quasi nessun calcio (sugli spit) si segue la ripida fessura (misura camma verde) che attraversa il tetto. Maledettamente pompato, soprattutto la posa delle camme richiede forza.

Soprattutto la posa delle camme richiede forza.

Ma non devi frenare, ma siediti, se puoi chiamare facile arrampicare su terreni ripidi di 40 gradi? Il tempo scorre su questo tiro: non vuoi stare troppo a lungo tra le braccia su un pendio così ripido. Quando abbiamo provato tecnicamente la lunghezza per la prima volta, avevamo sicuramente messo 20 micce, poi solo 6 camme e un cuneo nel passaggio: questo fa risparmiare tempo e peso!

Quando abbiamo provato tecnicamente la lunghezza per la prima volta, avevamo messo in sicurezza 20 fusibili, poi solo 6 camme e un cuneo nel passaggio.

Il passaggio chiave superiore è un mini-incrocio quasi verticale con pochi gradini; uno spettacolo pirotecnico tecnico lungo 38 metri, in cui combatti dal punto di riposo al punto di riposo. Inizia con un masso su pendii con grip laterale prima di salire il piccolo incrocio con stretti morsetti per le dita. Dopo un brutto shaker c'è un passaggio su monos, e un altro passaggio chiave su tacche molto piccole. Buone scarpe e molta forza delle dita sono la chiave del successo qui.

Hai detto che c'erano molti alti e bassi emotivi e fisici. Quali sono stati quegli alti e bassi? Qual è stato il più grande ostacolo durante la salita?

Entro la fine dell'autunno avevamo eliminato tutti i treni, il percorso era stato pulito ed eravamo pronti per l'attacco. Ma: (R) ottobre 2020 si è rivelato molto piovoso e il muro continuava a bagnarsi. Non eravamo sicuri che questo muro esposto a nord-ovest si sarebbe prosciugato. Il sole colpisce solo la parte superiore del percorso per un'ora o due al giorno in questo periodo dell'anno.

Siamo saliti a metà strada in trance con le braccia piatte, la sensazione di formicolio nei nostri corpi che avevamo fatto.

Di solito ci alleniamo in inverno e arrampichiamo in primavera, quando saliamo più duramente. In estate e in autunno, convertiamo principalmente questa potenza a passo singolo in resistenza a più toni. All'inizio di novembre ci sentivamo pronti eppure sapevamo che le nostre finestre temporali si sarebbero chiuse, in termini di forza e tempo. Per aumentare le nostre possibilità, abbiamo ricominciato ad allenare la massima forza nel consiglio del campus. Abbiamo intuito che avremmo dovuto ricominciare quasi tutto da capo l'anno prossimo. Dopo il nostro primo serio tentativo di scalare alla fine di ottobre (si è concluso sul secondo tiro chiave), ci è diventato chiaro che avremmo avuto una possibilità solo se avessimo salito subito tutti i tiri. Quindi la pressione è diventata sempre più grande.

Nella giornata di successo, il 9 novembre 2020, ci siamo riscaldati sul primo tiro e poi lo abbiamo salito subito. Le dita divennero insensibili sulle piccole sporgenze, ma fu fatto un sussulto. In seguito la crepa nel tetto era dura e terribilmente pompata. Tuttavia, siamo andati avanti entrambi, il programma è stato ben salvato.

Quando siamo arrivati ​​al punto chiave (tiro 6), ci aspettava una sorpresa: un tratto di due metri con maniglie bagnate. Abbiamo dovuto improvvisare e asciugare le minuscole modanature con le mutande di Chris in modo da avere qualche possibilità. Ci siamo sentiti entrambi spossati al primo shaker, ma ci siamo urlati motivazione l'un l'altro e abbiamo continuato a salire la cengia a malapena asciutta. Forse è stato l'allenamento, forse è stata la caffeina e tutto lo zucchero: in ogni caso, entrambi abbiamo spuntato la lunghezza al primo tentativo.

Nell'ultima luce abbiamo salito il successivo 7c, un tiro verticale, meravigliosamente tecnico, con pochi spit e una buona, ma nascosta protezione delle camme. I fari si sono accesi e abbiamo proseguito verso la vetta: 6c +, 6c, 7a +, 6b +. Le giornate invernali sono brevissime.

Siamo saliti a metà strada in trance con le braccia piatte, la sensazione di formicolio nei nostri corpi che avevamo fatto. Quando siamo arrivati ​​in cima alle 22:13 eravamo beatamente esausti. In totale, ci sono volute 11 ore da macchina a macchina, 1 ore di arrampicata, incluso il riscaldamento sul primo tiro (XNUMX ora) e un po 'di asciugatura sul sesto tiro.

Siamo saliti a metà strada in trance con le braccia piatte, la sensazione di formicolio nei nostri corpi che avevamo fatto.

Da diversi anni sei anche partner fuori dall'arrampicata. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di una simile relazione di arrampicata?

In effetti, abbiamo celebrato il nostro decimo anniversario questo novembre. Siamo entrambi alpinisti purosangue (alcuni dicono ossessionati). Amiamo passare giorno dopo giorno nei muri, dormire sull'autobus, controllare progetti e trovare nuovi percorsi o affrontare nuovi percorsi e massi nei padiglioni. La cosa migliore della nostra partnership per l'arrampicata è che possiamo navigare a vicenda attraverso ogni movimento in ogni percorso che proviamo, anche i calci che ci diciamo: entrambi abbiamo buone capacità analitiche (siamo entrambi scienziati).

Tuttavia, spesso siamo così impegnati nell'arrampicata che oltre al lavoro e all'arrampicata troviamo poco tempo per gli amici e la famiglia e trascorriamo ogni minuto libero sulle pareti. A volte uno di noi si infastidisce quando l'altro sale una via più velocemente, ma la maggior parte delle volte è il contrario in un altro giorno, quindi alla fine ci sono più giorni da festeggiare. Nel frattempo siamo anche partner commerciali nella nostra azienda "grip-research.eu".

Avete alternato ogni tiro o siete saliti entrambi avanti? Da dove deriva il nome "Space Force"?

Entrambi abbiamo scalato i tiri chiave (abbiamo tolto le corde e rimosso anche l'attrezzatura). Ci siamo alternati su tutti gli altri tiri. Quindi potremmo fare il tour insieme per la prima volta nello stesso giorno. Space Force è ciò che serve per superare il terzo passo, ed è anche il nome di una nuova esilarante serie Netflix con Steve Carell. Guardalo!

Salita e discesa per la via Space Force in Val Bavona.

Informazioni sulla via a più tiri della Space Force

  • 11 tiri (7c / +, 6b +, 8a, 6a +, 7a, 8a +, 7c, 6c +, 6c, 7a +, 6b +)
  • 230 metri di dislivello
  • San Carlo, Ticino, Svizzera (ingresso 950 m sul livello del mare).
  • Orientamento: nord-ovest, sole estivo dalle 14.00:17.00 alle 15.00:16.00, da ottobre dalle XNUMX:XNUMX alle XNUMX:XNUMX.
  • Stagione ideale: fine estate / autunno. 
  • Accesso: 20 minuti dal parcheggio della funivia per Robiei. Dal parcheggio più basso circa 100 metri in discesa lungo la strada asfaltata, si imbocca un tornante nel bosco e si seguono i segni blu e gli ometti prima in discesa, poi in salita lungo le rocce. Una volta sotto il muro principale, salire le placche di fronte all'ingresso per altri 10 minuti (corde fisse blu e segni blu). 
  • Discesa: Superare la vetta e tenere la destra (verso sud) in discesa (45 min) o in doppia. Guardando a destra dall'uscita, c'è un faggio di 20 fusti con accanto un pezzo di corda gialla 6 metri. Discesa a 25 metri dall'albero fino a due spit. Dopodiché scendere in doppia per 60 metri interi fino alla fine dell'8 ° tiro e continuare a calare la via (vengono allestite le tribune). All'ingresso si attraversa il canalone in discesa per pochi metri, a destra dell'ingresso a 25 metri si trova una stazione di discesa in corda doppia su una fascia che porta ai piedi della parete principale (55 m in doppia).
  • Materiale:
    • 2 corde da 60 m (obbligatorie) se si vuole scendere in doppia, 50 m di corda e tagline se si scende a piedi (45 min)
    • 7 rinvii DMM Phantom 
    • 3 x rinvii estensibili (60 cm)
    • 1 x DMM Wallnut 8 turchese
    • 1 x DMM Dragonfly Micro Cam 3 oro
    • 1 x DMM Dragonfly Micro Cam 2 rossa
    • 1 x DMM Dragonfly Micro Cam 5 argento
    • 2 x DMM Dragon Cam 00 blu
    • 1 x DMM Dragon Cam 0 argento
    • 2 x DMM Dragon Cam 1 viola
    • 3 x DMM Dragon Cam 2 verdi
    • 2 x DMM Dragon Cam 3 rosse
    • 1 x DMM Dragon Cam 4 oro
    • 1 x DMM Dragon Cam 5 blu
    • 1 x DMM Dragon Cam 6 argento 
    • 1x DMM Nutbuster
    • Potresti portare con te cam verdi e rosse extra nel caso in cui le cadessi accidentalmente sul tetto perché ne hai urgentemente bisogno più in alto. Non è successo a noi, ma avrebbe potuto essere. Topo su www.grip-research.eu

+++
Crediti: immagini Alessandra Schweikart

Attuale

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.