Prima del film: Stone Locals - L'anima dell'arrampicata su roccia

Il 28 agosto 2020, il documentario sull'arrampicata “Stone Locals - The Soul of Rock Climbing” di Patagonia celebrerà la sua prima.

Per una volta, il film non parla di professionisti, ma di cinque alpinisti che conservano l'anima dell'arrampicata nelle loro comunità e la coltivano man mano che lo sport si sviluppa. Come Daniel Pohl, che unisce arte e arrampicata con il suo mistico paradiso del boulder Avalonia e ha così creato un vero valore aggiunto per la sua comunità.

Daniel Pohl, sviluppatore dell'area boulder di Avalonia a sud di Dortmund. (Foto Patagonia)
Daniel Pohl, sviluppatore dell'area boulder di Avalonia a sud di Dortmund. (Foto Patagonia)

L'arrampicata è sempre stata più di un semplice sport. L'arrampicata offre individualisti che condividono una passione comune, una filosofia di vita e una famiglia surrogata.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Ultimamente lo sport è diventato mainstream.

Palestre all'avanguardia stanno nascendo nelle principali città del mondo, le pareti rocciose sono più affollate che mai e un film sull'arrampicata è stato premiato con un Oscar.

Cinque personalità ritratte

Mentre lo sport lotta con la sua crescente popolarità, le persone che ne rappresentano il nucleo e la comunità hanno più responsabilità che mai. Queste sono le persone che consigliano, supportano e ispirano gli altri, che ascoltano e imparano tanto quanto insegnano.

Il film Stone Locals racconta le storie di cinque di queste ancore, gli Stone Locals, che custodiscono l'anima dell'arrampicata e la nutrono man mano che lo sport si evolve.

Film Stone Locals - Premiere il 28 agosto 2020 / 02.00:XNUMX

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Questo potrebbe interessarti

+++
Crediti: immagine di copertina Patagonia

Attuale

Alex Megos apre la palestra di arrampicata | Accademia del Frankenjura

Apertura parziale dell'Accademia Frankenjura: da oggi potrete arrampicare nella palestra di arrampicata di Alex Megos a Forchheim.
00:20:25

La Rhapsody (E11) è la via più pericolosa al mondo?

Magnus Midtbo torna con Dave MacLeod su una delle sue prime salite più impressionanti: Rhapsody (E11, 7a).

Yannick Flohé sale la sua via più difficile fino ad oggi con Lazarus (9a+).

9a+ in transito: Yannick Flohé riesce a salire Lazarus allo Schiefen Tod nel Giura francone in soli 4 tentativi.

Esercizio efficiente sulla strada per la verticale

Ecco come funziona la verticale: con la verticale a L puoi aumentare la forza e praticare la verticale in modo controllato.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Alex Megos apre la palestra di arrampicata | Accademia del Frankenjura

Apertura parziale dell'Accademia Frankenjura: da oggi potrete arrampicare nella palestra di arrampicata di Alex Megos a Forchheim.
00:20:25

La Rhapsody (E11) è la via più pericolosa al mondo?

Magnus Midtbo torna con Dave MacLeod su una delle sue prime salite più impressionanti: Rhapsody (E11, 7a).

Yannick Flohé sale la sua via più difficile fino ad oggi con Lazarus (9a+).

9a+ in transito: Yannick Flohé riesce a salire Lazarus allo Schiefen Tod nel Giura francone in soli 4 tentativi.