Le Alpi minacciano un tracollo record nel 2022 | ritiro glaciale

Le ondate di caldo dell'estate 2022 hanno colpito massicciamente i ghiacciai svizzeri. All'inizio dell'estate i ghiacciai erano già spogli fino a circa 3000 metri, a volte anche più alti. Nelle alte quote delle Alpi, l'inizio dell'estate sembrava normalmente ferragosto. 

Quest'anno un'intensa ondata di caldo ha colpito la regione alpina già a maggio. Il risultato è stato un rapido scioglimento della neve e dei ghiacciai, che è progredito a un livello elevato in estate.

"Dato che i ghiacciai sono già privi di neve a giugno fino a un'altitudine di circa 3000 metri, gran parte del ghiaccio si è sciolto".

Björn Goldhausen, portavoce e meteorologo di WetterOnline

Il secondo maggio più caldo dal 1864 è stato registrato in Svizzera. Anche a giugno ci sono state molte giornate con temperature superiori ai 30 gradi nelle valli. La neve che è caduta in modo sparso quest'anno si sta sciogliendo rapidamente da maggio e non ha più protetto il ghiaccio dall'irraggiamento termico durante i mesi estivi.

Circa 30 anni fa, questa parte del comprensorio sciistico del ghiacciaio di Zermatt era ancora utilizzata per sciare per tutta l'estate. Questo non è più possibile. Fonte: WetterOnline, foto: Dott. David Volken
Circa 30 anni fa, questa parte del comprensorio sciistico del ghiacciaio di Zermatt era ancora utilizzata per sciare per tutta l'estate. Questo non è più possibile. Fonte: WetterOnline, foto: Dott. David Volken

Di conseguenza, a fine maggio, molte lingue glaciali inferiori, come il Gorner, il Fiescher o l'Aletsch, erano prive di neve in una fase insolitamente precoce fino a 2500 metri di altitudine. In estate, lo scioglimento è continuato senza sosta.

Poiché i ghiacciai sono già privi di neve fino a un'altitudine di circa 3000 metri, gran parte del ghiaccio si è sciolto all'inizio dell'estate. Di conseguenza, le alte quote delle Alpi si presentavano già in giugno/luglio come in un agosto medio.

Ogni giorno scorrono 5,7 miliardi di litri d'acqua

La mancanza di acqua di disgelo dovuta alla mancanza da record di neve porta a siccità e bassi livelli dell'acqua. I flussi di ghiaccio nelle Alpi si stanno riducendo. Il sistema di raffreddamento perde quindi potenza. La rapida perdita di approvvigionamento di acqua dolce a causa di grandi quantità di deflusso porta, tra l'altro, a un calo della biodiversità e anche il paesaggio delle Alpi sta cambiando.

Già a giugno il ghiacciaio più secco sopra il grande ghiacciaio dell'Aletsch nel Canton Vallese è privo di neve. Fonte: WetterOnline, foto: Dott. David Volken
Già a giugno il ghiacciaio più secco sopra il grande ghiacciaio dell'Aletsch nel Canton Vallese era privo di neve. Fonte: WetterOnline, foto: Dott. David Volken

Secondo l'esperto di clima e meteorologo Dr. David Volken, ad esempio, il picco di portata sul ghiacciaio Great Aletsch nel pomeriggio del 20 giugno 2022 è stato di 82.000 litri d'acqua al secondo. La media giornaliera era ancora di 66000 litri al secondo. Ciò corrisponderebbe a un deflusso di 5,7 miliardi di litri di acqua al giorno. In confronto, quella sarebbe la quantità di acqua in una bottiglia piena da 0,7 litri per ogni persona sulla terra ogni giorno.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++
Crediti: immagine di copertina Armin Kübelbeck, CC-BY-SA, Testo Wetter Online

Attuale

Serie di qualificazioni olimpiche Budapest | Informazioni e live streaming

Dal 20 al 23 giugno a Budapest è tutta una questione di salsiccia. Il secondo evento delle Olympic Qualifier Series riguarda gli ultimi biglietti per Parigi.

Jernej Kruder ripete la classica trad Greenspit (8b/+)

L'iconica fessura di Didier Berthod ripetuta: Jernej Kruder assicura la salita di Greenspit nella Valle dell'Orco.

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.

Katherine Choong sale La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m)

Pezzo di prova del Verdon ripetuto: Katherine Choong ripete la difficile via di più tiri La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m).

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Serie di qualificazioni olimpiche Budapest | Informazioni e live streaming

Dal 20 al 23 giugno a Budapest è tutta una questione di salsiccia. Il secondo evento delle Olympic Qualifier Series riguarda gli ultimi biglietti per Parigi.

Jernej Kruder ripete la classica trad Greenspit (8b/+)

L'iconica fessura di Didier Berthod ripetuta: Jernej Kruder assicura la salita di Greenspit nella Valle dell'Orco.

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.