Parete nord dell'Eiger – oltre la morte | Suggerimento per la pellicola

Gli alpinisti di fama mondiale Stephan Siegrist e Thomas e Alexander Huber vogliono creare un memoriale per i loro sfortunati amici alpinisti con una nuova via sulla parete nord dell'Eiger. Bergwelten ha accompagnato i tre alpinisti nella loro impresa e l'ha trasformata in un documentario da non perdere.

I migliori scalatori Stephan Siegrist, Thomas huber e suo fratello Alexander vogliono creare una nuova via in memoria dei loro amici scalatori morti in incidenti Parete nord dell'Eiger aperto: “In Memoriam”.

Lungo il percorso attraverso la parete, i tre riflettono sui ricordi di tutti i grandi alpinisti e amici che non sono più con loro, ma che hanno celebrato alcuni dei loro più grandi trionfi qui sulla leggendaria parete nord, come il detentore del record di velocità in solitaria Ueli Steck. o il pioniere dell'arrampicata su ghiaccio Jeff Lion.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

La prima salita dei tre prepara il terreno al ricordo della passione dei compagni e delle grandi tragedie già avvenute sulla famigerata parete.

Suggerimento cinematografico: parete nord dell'Eiger – oltre la morte

Ciao-TV-mondi-di-montagna-Eiger-parete-nord-oltre-la-morte
Il nostro suggerimento sul film su Servus TV: Eiger North Face – oltre la morte | Austria 20:15, Germania 21:10

Un nuovo percorso per gli amici defunti

A questi amici vogliono dedicare la loro spettacolare nuova via sull'Eiger, come spiega Thomas: “Abbiamo voluto chiamare questa via “In Memoriam” e scalarla in memoria di Julian Zanker, che in realtà avrebbe dovuto accompagnarci qui. Quando David Lama morì quello stesso anno, per me era chiaro che avremmo dedicato questa via a tutti i nostri amici che, come noi, erano sulla parete nord dell'Eiger e che oggi non sono più con noi.

La parete nord mostra il suo lato grezzo

Stefan Siegrist, che è uno degli alpinisti più esperti sulla parete nord dell'Eiger con oltre 40 salite, una volta è arrivato pericolosamente vicino alla caduta sulla via The Young Spider. E la parete nord dell'Eiger è ancora piena di ostacoli e sfide inaspettate.

Noi stessi dobbiamo stare attenti che il percorso non diventi il ​​nostro monumento.

Thomas huber

Spindrift - pioggia fine e gelata che rende l'arrampicata estremamente difficile - rocce e ghiaccio che cadono, nonché lastre nude liberate dal ghiaccio, spingono i tre alpinisti ancora e ancora al limite. Dopo diversi tentativi Thomas Huber capì: “La via si chiama Memorial. Questo è un monumento."

Questo potrebbe interessarti

+++

Crediti: immagine di copertina © ServusTV / Produzione sequenza temporale

Attuale

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood