Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Un casco protegge da gravi lesioni alla testa, soprattutto negli sport di montagna. Ma non tutti i caschi sono uguali. A seconda dello sport, è importante indossare un modello adatto. Ora esistono anche caschi che possono essere utilizzati per diversi sport di montagna.

Un contributo di

Bächli sport di montagna


Lo specialista di contenuti Fabian Reichle è lui stesso un entusiasta atleta di montagna e ama stare all'aria aperta il più spesso possibile. Approfittate dell'esperienza di Bächli Bergsport e approfittate della consulenza dei nostri esperti. Non vediamo l'ora della tua visita!

Dovrebbe essere ovvio che indossi gli scarponi da sci per il tuo tour sugli sci e allacci gli scarponi da trekking per il tour in montagna. Quando si tratta di abbigliamento o zaini, i tipi corrispondenti sono generalmente logici. E tu come proteggi la tua testa durante le tue avventure in montagna? Ne hai uno identico? Casco per tutte le discipline? Questo non è ottimale, almeno nella maggior parte dei casi.

Ci sono caschi per l'arrampicata, lo sci alpinismo, lo sci alpino e molto altro. Immagina i due scenari seguenti: un operaio in un cantiere edile e un ciclista su un singletrack. Il primo protegge principalmente la testa dalla caduta di oggetti; Quest'ultima indossa un casco nel caso in cui cadesse dalla bicicletta e colpisse un ceppo.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

I caschi per gli sport di montagna funzionano secondo lo stesso principio: devono resistere a diversi tipi di forze.

Il casco da arrampicata protegge principalmente dalla caduta di massi

Se viaggi in verticale o ti piace l'alpinismo, avrai bisogno di un casco da arrampicata. Questo ti protegge dalla caduta di sassi. Nello specifico ciò significa che deve essere certificato secondo la norma europea EN 12492.

Ciò a sua volta garantisce che il casco debba sopportare il carico di un peso di cinque chilogrammi che cade da un'altezza di due metri. Inoltre non deve essere penetrato da una punta del peso di tre chilogrammi da un'altezza di un metro. Inoltre, la forza di tenuta del sottogola deve essere superiore a 50 chilogrammi, affinché il casco non si strappi dalla testa in caso di caduta.

Potresti anche imbatterti nello standard UIAA 106, che verifica anche la sicurezza dei caschi, anche se un po' più severo dello standard europeo. Tuttavia, lo standard UIAA deve essere rispettato volontariamente dai produttori.

Un casco da arrampicata ti protegge dalla caduta di pietre e altri oggetti
Un casco da arrampicata ti protegge dalla caduta di pietre e altri oggetti

Quando si tratta di un casco da arrampicata, l'attenzione è rivolta al comfort. L'ampiezza di movimento della testa è particolarmente importante sui terreni tecnici e il casco non dovrebbe disturbarti. È anche importante che il tutto sia saldamente sulla tua testa.

Scegli la vestibilità in modo che il casco non traballi e, soprattutto, non possa essere sfilato all'indietro. Di norma, i modelli moderni sono progettati in modo tale da poterli adattare alla circonferenza della testa.

Diversi tipi di caschi

1. Caschi moderni a calotta rigida

Casco moderno Black Diamond Half Dome a guscio rigido

Questi modelli sono caratterizzati da una calotta spessa e robusta realizzata in robusta plastica che si estende su tutto il casco.

Il materiale utilizzato è costituito da un tipo di plastica robusta. La protezione è fornita principalmente da una struttura a cinghia all'interno del casco e da un inserto in materiale che assorbe energia come EPS o EPP.

Un esempio di un casco a calotta rigida così moderno è il Mezza cupola del diamante nero.

2. Caschi InMold

Con questo metodo di costruzione si forma un guscio sottile, solitamente in policarbonato, nel quale è saldata una schiuma rigida.

Ciò crea una connessione robusta e completa tra la schiuma ammortizzante e la scocca.

Un esempio di tale casco InMold è il Petzl Meteora.

Casco Petzl Meteora InMold

3. Caschi ibridi

MIPS Mammut Wallrider

Questa è una miscela di InMold e guscio duro. I caschi ibridi sfruttano i vantaggi di entrambe le tecnologie in luoghi diversi.

I caschi ibridi sono particolarmente robusti e il peso è mantenuto entro limiti ragionevoli.

Un esempio di tale casco è il MIPS di Mammoth Wall Rider.

Puoi vedere chiaramente le differenze nella costruzione tra questi tre tipi di casco
Puoi vedere chiaramente le differenze nella costruzione tra questi tre tipi di casco.

Il casco da sci protegge principalmente dalle cadute

Ciò che oggi è una pratica comune nello sci alpino - secondo il Centro di consulenza per la prevenzione degli infortuni oltre il 90% di tutti gli sciatori indossa il casco - ha ancora del potenziale nello scialpinismo. Non c'è motivo di non indossare il casco fuori dalle piste. Perché anche qui ci sono pericoli in agguato.

Come descritto all'inizio i caschi da sci alpino presentano principalmente il fattore caduta. A differenza di un casco da arrampicata, deve essere in grado di assorbire un impatto diretto sulla testa. I caschi da sci alpino sono testati secondo la norma DIN EN 1077. Ciò si basa su fattori diversi rispetto agli standard dei classici sport di montagna (ma esistono anche qui modelli ibridi). 

Caschi da sci alpino

Per lo scialpinismo l'ideale sarebbe scegliere un casco che soddisfi sia la norma per i caschi da sci alpino (EN 1077) sia quella per i caschi da arrampicata (EN 12492), ad esempio se si prevede di scalare una vetta con gli scarponi da sci o si viaggia in un'area in cui la caduta massi gioca un ruolo – ne parleremo più avanti nella sezione successiva.

Caschi multicertificati: uno per molte cose

Qui torniamo all'inizio dell'articolo: Sì, esistono caschi che possono essere utilizzati per diverse discipline sportive di montagna (e non solo). I cosiddetti caschi multicertificati, ad esempio, soddisfano la protezione dagli urti rilevante per lo sci alpinismo, ma sono anche standardizzati secondo la norma EN 12492. Ciò significa che proteggono anche dalla caduta di massi. Ciò è particolarmente pratico durante le escursioni tecniche sugli sci in alta quota. 

A questo punto: Quando controlli un casco, oltre al numero standard troverai anche la marcatura CE. Ciò significa “Conformité Européenne”, in tedesco “conformità europea” e garantisce che un prodotto possa essere commercializzato all’interno dello spazio economico europeo senza restrizioni. In questo caso: Il casco è veramente testato e sicuro.

Alcuni di essi possono essere utilizzati anche oltre al ciclismo: sono certificati secondo la norma EN 1078. Che si tratti di uno per molte cose o di modelli specifici a seconda dello scopo: entrambi possono presentare vantaggi e svantaggi.

I modelli specifici per gli sport individuali solitamente hanno caratteristiche particolari o sono particolarmente leggeri, mentre un casco per diversi sport è più universale e occupa meno spazio nell'armadio.

I caschi che sono stati certificati più volte possono essere riconosciuti dalle varie norme EN. EN 1077 per sciatori e snowboarder, EN 12492 per scalatori, EN 1078 per ciclisti
I caschi pluricertificati sono riconoscibili dalle diverse norme EN: EN 1077 per sciatori e snowboarder, EN 12492 per alpinisti, EN 1078 per ciclisti

Forse ti stai ancora chiedendo perché non puoi portare con te in tournée il tuo casco da sci alpino? Prima di tutto: certo che puoi, alla fine qualsiasi casco è comunque meglio di niente. Tuttavia, il comfort gioca un ruolo cruciale qui. Un casco specifico per lo scialpinismo è più leggero: i modelli di punta per le gare di scialpinismo pesano solo 300 grammi, sono più traspiranti e poco ingombranti. D'altro canto il fattore di protezione non è proprio al livello elevato di un casco da sci alpino.

Funzioni aggiuntive sul casco per un maggiore comfort

Una volta trovato il casco adatto, presta attenzione ai dettagli: ad esempio, se indossi occhiali di sicurezza durante l'assicurazione, il casco non deve sporgere nel tuo campo visivo. Hai i capelli lunghi che ti piace raccogliere quando arrampichi? Ci sono caschi che hanno una rientranza appositamente per questo.

Alcuni modelli di casco hanno caratteristiche aggiuntive come un ritaglio per la treccia o un supporto per lampada frontale
Alcuni modelli di casco hanno caratteristiche aggiuntive come un ritaglio per la treccia o un supporto per lampada frontale

I caschi da scialpinismo, invece, sono solitamente dotati di portalampada, indispensabile per partire presto al buio. La cosa migliore da fare è portare in negozio l'attrezzatura che porti con te in tour (occhiali, lampada frontale, ecc.) e provare diversi modelli.

A proposito: in questo post del blog scoprirai tutto sui nuovi caschi per il 2024!

Questo potrebbe interessarti

Attuale

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.

Video omaggio al Ticino: Ticino Gravity

Ticino Gravity racconta la storia del boulder in Ticino e accompagna Kim Marschner nella sua prima salita di Embrace Gravity (8B+).

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.