100 classiche estreme raggiunte, 40 raggiunte: il turbolento anno di arrampicata di Alba Lucia Neder

Alla vigilia di Capodanno 2022, Alba Lucia Neder ha dato vita alla folle idea di scalare 100 “break tour” in un anno. La scalatrice tedesca spiega in un'intervista cosa l'ha attratta in questa sfida, come ha vissuto le vie di arrampicata della collezione “Im Extremen Fels” di Walter Pause e cosa le ha portato via da questo grande progetto.

Alba Lucia Neder ama le grandi sfide. E adora le arrampicate alpine dal carattere serio. Test alpinistici come quelli della collezione “Im Extremen Fels” di Walter Pause. Aveva già ripetuto una buona manciata di questi tour. Ma dovrebbe esserci di più, molto di più. Alla vigilia di Capodanno 2022 si pone il folle obiettivo di scalare 100 classiche alpine estreme nel prossimo anno. È nato il progetto Pausa.

Alba, hai davvero messo gli occhi su qualcosa con il tuo progetto per le vacanze. Cosa ti ha attratto in questa sfida?

L'idea è nata poco prima di Capodanno 2022. Stavo appena inserendo i miei tour su Extreme Collect. Mi sono reso conto che da “Im Extremen Fels” avevo fatto molte meno salite di quanto pensassi.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Anche se ne facessi dieci ogni anno, ci vorrebbero comunque dieci anni per averli tutti. E poi ho pensato: preferirei farli tutti in un anno.

AlbaLucia Neder

Ovviamente non ha funzionato del tutto, ma sono molto orgoglioso dei miei 40 tour. Ho bisogno di una sfida del genere. Dire ora: okay, li farò tutti nei prossimi tre o quattro anni non sarebbe stata una grande idea. Ecco perché ho pensato di provarci e continuerò a farlo.

Nell'Heiligkreuzkofel Mittelpillar, il tour che si è rivelato uno dei più formativi del progetto Pause. Immagine: Alba Lucia Neder
Nell'Heiligkreuzkofel Mittelpillar, il tour che si è rivelato uno dei più formativi del progetto Pause. Immagine: Alba Lucia Neder

100 tour di arrampicata in un anno sono piuttosto impegnativi dal punto di vista temporale. Ti sei preso del tempo libero per questo progetto?

Una specie di. Mi occupo di traduzioni, principalmente per Versante Sud Verlag, dall'italiano al tedesco. Ho ricevuto un numero relativamente elevato di ordini l'anno scorso e pochi quest'anno, quindi ha funzionato bene. Generalmente cerco di mantenere i costi il ​​più bassi possibile in modo da avere più tempo possibile per l'arrampicata.

Come avete affrontato a livello organizzativo questo mega progetto?

All'inizio ho fatto un piano ben preciso di come lo immaginavo e quali tratte si potevano percorrere in quale mese. Non so nemmeno se ho scalato un tour nel mese in cui lo avevo programmato, perché una delle sfide più grandi è stata il tempo. E tutto è iniziato piuttosto male.

A febbraio ho completato solo tre vie. Faceva freddo, c'era la neve, ma andava bene. Nei mesi di marzo e aprile ha continuato a cadere neve fresca. Neve fresca o pioggia, è stato un disastro. Quando ho potuto effettivamente iniziare, era la fine di maggio. Penso di aver fatto solo dieci tour a quel punto. Gli altri 30 li ho fatti tutti tra giugno e ottobre.

Controllare il meteo e pianificare i tour: due attività che percorrono come un filo conduttore l'intero progetto. Immagine: Nicolas Det
Controllare il meteo e pianificare i tour: due attività che percorrono come un filo conduttore l'intero progetto. Immagine: Nicolas Det

E probabilmente il tempo non è stato l'unico fattore esterno ad influenzare, vero?

Esattamente. Ho dovuto affrontare la cosa in modo molto più spontaneo di quanto avrei voluto perché dovevo sempre rispondere alle persone con cui scalavo. E se erano in Svizzera, comprensibilmente non volevano andare in Stiria e viceversa. Ho dovuto adattare spesso i percorsi alle persone.

Hai arrampicato con tanti partner diversi. Qual è stata la cosa più impegnativa per te tra le persone e la comunicazione in montagna?

Sono più una persona a cui piace arrampicare con persone che conosco bene. Ma probabilmente lo dicono tutti. Di solito non sono in viaggio in modo tale da dover incontrare costantemente nuove persone. Ma ora ero quasi costretto a farlo, il che in parte era bello. Ho trovato ottimi compagni di cordata con i quali continuerò sicuramente ad arrampicare.

La parte più difficile era semplicemente doversi adattare costantemente a qualcuno di nuovo.

AlbaLucia Neder

A volte stavo ancora uscendo da un tour e dovevo pensare a dove stavo andando e chi avrei incontrato.

Alba Lucia Neder affronta il suo progetto Pause con molti partner diversi. Alla Cima d'Ambiez con Sybille Rödig. Immagine: Nicolas Det
Alba Lucia Neder affronta il suo progetto Pause con molti partner diversi. Alla Cima d’Ambiez con Sybille Rödig. Immagine: Nicolas Det

Il tempo e i compagni di arrampicata sono due fattori abbastanza imprevedibili. Come gestisci la mancanza di controllo?

Penso che all'inizio mi abbia irritato di più perché avevo programmato di salire 20 vie entro la fine di aprile. Non è stato affatto così. Ad un certo punto, dopo qualche tour, ho capito: OK, questo non funziona, anche se lo voglio, non funzionerà così. Devo solo rallentare e godermi ogni singolo tour.

Non esiste un tour di pausa gratuito.

AlbaLucia Neder

Ad un certo punto ho semplicemente fatto i conti con il fatto che le cose non stavano andando così velocemente come avrei voluto. Ho dovuto imparare che non posso forzare troppo.

Hai trovato difficile riformulare il tuo obiettivo originale da “100 tournée” a “il maggior numero possibile”?

Non credo, perché ad un certo punto è stato chiaro che non stavo facendo i progressi che speravo. È stato durante un tentativo a Chamonix che mi sono reso conto che probabilmente quest'anno non sarei riuscito a salire nemmeno la metà dei tour.

Dover tornare indietro: crisi nel Rätikon all'inizio di giugno. Immagine: Nicolas Det
Dover tornare indietro: crisi nel Rätikon all'inizio di giugno. Immagine: Nicolas Det

A fine giugno sembrava che tu avessi avuto una vera e propria crisi sensoriale. Ci sono stati spesso momenti in cui hai messo in discussione te stesso e il tuo progetto?

SÌ. Direi più spesso nei primi mesi. Ora, alla fine, tutto è andato meglio e in modo più fluido. Forse perché volevo forzare di meno.

Mi sono anche chiesto prima perché mi faccio questo. Perché l'arrampicata è generalmente relativamente inutile.

AlbaLucia Neder

Se lo guardi in modo neutrale, non ha alcun significato più profondo. Quando ti tormenti e soffri, hai paura e hai freddo, a volte ti chiedi perché lo fai.

Non so esattamente come sono uscito da questo punto basso. Penso di essermi preso una pausa, in piena estate e nonostante una finestra di bel tempo. È stato difficile. Mi sentivo davvero in colpa per non aver fatto nulla per così tanto tempo, anche se il tempo era bello.

E poi ho ricominciato dicendomi: farò la via che mi piace tanto, semplicemente perché mi piace. La parete nord della Seekarlspitze non è certo una via che tutti trovano bella.

Ma l'ho trovato piuttosto interessante. Era semplicemente impegnativo, alpino, accidentato, a volte leggermente muschioso, ma in qualche modo era esattamente il mio stile. E poi le cose sono andate di nuovo in salita.

AlbaLucia Neder
Per uscire dalla crisi, Alba Lucia Neder si prende una lunga pausa dal progetto Pause in estate, nonostante il bel tempo. Immagine: Nicolas Det
Per uscire dalla crisi, Alba Lucia Neder si prende una lunga pausa dal progetto Pause in estate, nonostante il bel tempo. Immagine: Nicolas Det

Hai dovuto chiamare i soccorsi al pilastro centrale dell'Heiligkreuzkofel. Perché ti giudichi così severamente?

È stato difficile. Per me è stato quasi più difficile chiamare i soccorsi che dire, okay, proviamo a bivaccare. Guardando indietro, è stato molto positivo averlo fatto, sotto ogni aspetto. Ho bivaccato in vetta alcune volte ormai e so quanto sarebbe stato freddo con i pochi vestiti che avevamo con noi.

Ma in quel momento sembrava una grande sconfitta. Avevo più esperienza, ci avevo guidato e ci avevo portato lì. L’unico modo sicuro per tirarci fuori da lì era chiamare i servizi di emergenza. Ma ovviamente è qualcosa che non ti piace fare.

È stata una catena di decisioni. Volevo molto e pensavo che sarebbe andato tutto bene.

AlbaLucia Neder
Anche se molti tour importanti si svolgono su neve e ghiaccio, Alba Lucia Neder si sente a casa nell'arenaria. Durante un'ispezione cieca di una cabina telefonica (7-) a Heubach/Odenwald. Immagine: Nicolas Det
Anche se molti tour importanti si svolgono su neve e ghiaccio, Alba Lucia Neder si sente a casa nell'arenaria. Durante un'ispezione cieca di una cabina telefonica (7-) a Heubach/Odenwald. Immagine: Nicolas Det

Ci sono state altre situazioni in questo progetto in cui non sei riuscito a soddisfare i tuoi standard?

Ho notato che sono un po' timido riguardo ai grandi tour nella zona del Monte Bianco. C'era un tale risentimento perché ero lì una volta e non ha funzionato affatto. Mi sono reso conto che probabilmente ho troppo rispetto per queste salite. Più di quanto volessi ammettere a me stesso.

Ad un certo punto ho ammesso a me stesso che non sono ancora pronto per questi tour e che devo ancora crescere.

AlbaLucia Neder

Sono uno scalatore, non un alpinista. Tutta questa faccenda della “neve e ghiaccio” è piuttosto nuova per me. Ecco perché ho voluto fare questi tour con partner più in forma di me in questo ambito. Ma poi è stato difficile rinunciare di nuovo al controllo perché di solito sono abituato ad avere almeno la stessa esperienza del mio compagno di corda, o anche di più.

Alba all'Hasse-Brandler alla Große Zinne. Immagine: Johnny Demaine
Alba all'Hasse-Brandler alla Große Zinne. Immagine: Johnny Demaine

C’è qualche tour che ricordi particolarmente?

Ricorderò sicuramente Heiligkreuzkofel, semplicemente perché è stato grande e ricco di eventi. È stata un'esperienza davvero straordinaria. Sono anche molto orgoglioso della Lalider North Face Schmid-Krebs perché sembrava una via grande perché era anche molto lunga e piuttosto fragile.

Ricordo che l'incrocio Schijenfluh West nel Rätikon era molto bello. È stato semplicemente fantastico arrampicarsi. Direi quasi che è stato uno dei percorsi migliori. È andata davvero bene e l'arrampicata è stata semplicemente divertente.

Mi sono piaciute di più le vie in cui la difficoltà principale era l'arrampicata stessa e non l'avvicinamento, la discesa o il resto.

AlbaLucia Neder
Lunga, fragile, alpina: la parete nord Schmid-Krebs del Lalider piace ad Alba. Tour in pausa con Sybille Rödig. Immagine: Alba Lucia Neder
Lunga, fragile, alpina: la parete nord Schmid-Krebs del Lalider piace ad Alba. Tour in pausa con Sybille Rödig. Immagine: Alba Lucia Neder

Hai gestito un totale di 40 break tour in un anno. Cosa ne trai per te stesso?

Penso di aver maturato molta esperienza alpina. Sono stato di recente in Marocco e probabilmente non mi sarei trovato in una posizione così buona se avessi trascorso il 2023 in modo diverso. Oppure nella Valle del Sarca, la mia seconda casa. Mi sono avvicinato in modo rilassato a cose che due anni fa avrei percepito in modo molto diverso.

Sono state sicuramente belle esperienze, anche a livello decisionale. Acquisire costantemente nuove esperienze alpine e diventare più in forma per il successivo ad ogni tour è stato davvero fantastico. Sicuramente mantengo questo progetto, ma ovviamente ho ancora molte idee per progetti futuri.

AlbaLucia Neder

Se volete saperne di più su Alba Lucia Neder e sul suo progetto break, ve la consigliamo Sito web per visitarla e seguirla su Instagram @albomat3000.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Attuale

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood