Martin Feistl: “Quanto maggiori sono le paure, tanto maggiore è l’esperienza”

Insieme ai suoi compagni di corda, Martin Feistl ha scalato per la prima volta in poche settimane tre impressionanti linee di ghiaccio e misto nelle Dolomiti. L'alpinista tedesco e aspirante guida alpina spiega in un'intervista perché per lui è molto importante uno stile di salita pulito, come valuta i rischi su vie difficili e quale incidente è accaduto durante il suo primo tour con Simon Gietl.

Martin Feistl Il suo entusiasmo per la montagna è nato nella sua culla. Fin da piccolo ha intrapreso con la sua famiglia tour sugli sci, tour alpinistici e arrampicate alpine, imparando l'alpinismo da zero. La squadra della spedizione DAV diventa per lui un trampolino di lancio.

Con vie come Stalingrad (1000m, M8, WI7), Fear Control (800m, M8, WI6) o Victimes des étique(ttes) (110m, M10, WI3) si sta facendo un nome come prima salita purista con una preferenza per la protezione tradizionale - Anche se a volte mette dei freni agli sviluppi per il grande pubblico.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

All'inizio dell'inverno Martin Feistl ha approfittato delle condizioni straordinarie delle Dolomiti e per la prima volta in una settimana ha scalato alcune impegnative linee di ghiaccio e misto. È giunto il momento di fare una conversazione.

"Più è ripido e più stretto, meglio è." Martin Feistl durante la prima salita di Ice Patrol. Foto: Robert Grasegger
"Più è ripido e più stretto, meglio è." Martin Feistl durante la prima salita di Ice Patrol. Foto: Robert Grasegger

Martin, sei passato attraverso la fucina della squadra DAV. Sei già un professionista e puoi guadagnarti da vivere?

Ho provato a lungo a non volerlo. Direi che ho resistito attivamente a essere pagato per quello che faccio in montagna. 

Perché ho paura che non potrò o non sarò più disposto a permettermi i miei ideali una volta che ad essi sarà legata un'esistenza.

Martin Feistl

Sono fortunato che devo prendermi cura solo di me stesso e posso trarne vantaggio. Probabilmente ora sono più professionale di quanto vorrei ammettere a me stesso. ma non vivo di questo. 

Da dove viene il tuo idealismo?

Penso che questo si sia sviluppato nel corso degli anni. Magari anche attraverso la mia visione critica dell'essere professionista. Ho visto ad alcuni professionisti che è successa esattamente questa cosa. In modo che attraverso l'influenza del denaro abbiano fatto e commercializzato cose per le quali sappiamo che non sono indietro al 100%. 

Penso che questo mi abbia plasmato, combinato con il mio privilegio, di non dover guadagnarmi da vivere. Penso anche di essere generalmente una persona che, quando fa le cose, le fa nel modo più perfetto possibile. 

Se guardi il tuo diario del tour, noterai che fai molte prime salite. Preferiresti avventurarti nell'ignoto piuttosto che seguire le orme degli altri?

Innanzitutto: credo che sia davvero importante ripetere percorsi perché è lì che puoi crescere davvero, dove impari a valutare e valutare le cose. Se adesso facessi solo prime salite, penso che rimarresti presto bloccato nel tuo stile.

Per me l'aspetto esplorativo è un fattore importante quando si tratta della prima salita. Sapere che prima non c'era nessuno e che ora solo tu hai il controllo su ciò che lasci dietro di te. 

Martin Feistl

Considero molte delle mie prime salite come una sorta di opera d'arte, come espressione di ciò che sono riuscito a realizzare quel giorno.

Anche se preferisce ispezioni pulite, viene utilizzato anche il trapano. Martin Feistl durante la prima salita di Tears of Memory. Foto: Lukas Müller
Anche se preferisce ispezioni pulite, viene utilizzato anche il trapano. Martin Feistl durante la prima salita di Tears of Memory. Foto: Lukas Müller

Quali criteri deve soddisfare un percorso per piacerti?

Quindi arrampico in estate e in inverno, il che è estremamente diverso. D'inverno non mi interessa, purché ci siano due metri di ghiaccio sospesi da qualche parte. Più è ripido e tortuoso, meglio è, ovviamente. Penso che sia anche un po' lo spirito dei tempi il fatto che le persone accettino sempre più roccia attraverso il dry tooling. 

Ciò che è importante per me in generale, sia in estate che in inverno, è che non sia influenzato il più possibile da altre linee. 

Martin Feistl

È abbastanza difficile da trovare sulle Alpi, dato che si può percorrere 10 metri a sinistra senza temere subito di incrociare due vecchi percorsi. Che hai la libertà di decidere dove andare. È stata un'esperienza davvero fantastica in Groenlandia, dove hai un intero muro tutto per te.

C'è una prima salita nella tua carriera che significa di più per te personalmente?

Sì, direi che sono due, entrambi invernali. Una volta a Stalingrado nel Karwendel con David Bruder. Da un lato, per me è stata la prossima esperienza borderline di sempre, con confini personali, ma anche con David. 

È stato così difficile al limite e ha funzionato solo perché eravamo entrambi insieme e ci spingevamo a vicenda così forte. 

Martin Feistl

La particolarità della linea è che si tratta semplicemente di 1000 metri di nuovo terreno di arrampicata, senza la vecchia via a sinistra o a destra. E una linea così logica in tutta la sua lunghezza, è incredibile che si possa ancora trovare qualcosa del genere sulle Alpi. 

Il secondo è il controllo della paura sul fuoco. È simile, sempre a 800 metri, in inverno, una linea di cono brillante. Non c'è nessun'altra via su tutta la montagna, c'è solo questa linea su tutta la parete. Inoltre l'abbiamo raggiunta con i mezzi pubblici da Innsbruck. 

Martin Feistl durante la prima salita di Stalingrado (1000m, M8, WI7). Foto: David Bruder
Martin Feistl durante la prima salita di Stalingrado (1000m, M8, WI7). Foto: David Bruder

Sei un sostenitore dell'arrampicata sugli Ecopoint. Da dove proviene?

Questo è cresciuto negli ultimi anni. Ho vissuto a lungo ad Augusta, quindi era assolutamente normale per me passare almeno un'ora in macchina per fare attività fisica. Ora a Innsbruck ho il privilegio che ci siano opzioni dannatamente buone per pochissimi soldi. 

A questo si aggiungono i miei studi di geografia. È logico se implementi ciò che vedi ogni giorno anche nella tua vita privata. Molte cose sono venute fuori provando cose, dove ho capito: funziona davvero molto bene e forse non è una perdita di tempo se ho bisogno di mezz'ora in più. Può anche darti qualcosa in cambio.

Quali principi ti stanno a cuore quando si parla di arrampicata?

Direi principalmente arrampicata libera. Non posso fare nulla con l'arrampicata tecnica, nemmeno come mezzo per raggiungere un fine. 

Cerco davvero di arrampicare liberamente dal basso, anche nelle prime salite, almeno dalle soste intermedie. Questo è molto importante per me.

Martin Feistl

E poi non appena sei sotto gli occhi del pubblico e diventi professionista e ci sono soldi dietro, dietro quello che pubblichi, devi solo essere brutalmente onesto.

Martin Feistl nella linea estetica Crack a Gogo (7a). Foto: Fabian Weisshaar
Martin Feistl nella linea estetica Crack a Gogo (7a). Foto: Fabian Weisshaar

Cosa è importante per te delle persone con cui ti impegni in un'avventura?

Più invecchio, più diventa importante con chi fai qualcosa del genere. Penso che quando avevo 18 anni probabilmente andavo in cordata con chiunque potesse in qualche modo mettersi al sicuro. Quei giorni sono ormai lontani.

Per i progetti di grandi dimensioni, potrei avere una o due persone che sono davvero da prendere in considerazione. Si tratta per lo più di persone che mi conoscono meglio personalmente, che mi conoscono in situazioni estreme e possono affrontarmi, alle quali non sento di dover spiegare il mio stile duro.

Per me è importante non sentirmi come se stessi forzando la mia comprensione del buon stile al mio partner quando in realtà preferirebbe di gran lunga farlo in modo completamente diverso.

Martin Feistl

Recentemente hai fatto una gita con un gelato con Simon Gietl per la prima volta, come hai scritto, "celebrare la tua comprensione condivisa del buon alpinismo". Com’è stata per lui questa prima salita?

Ci conosciamo da molto tempo e abbiamo parlato personalmente di Lowa. Ma essere in viaggio con lui adesso è stato ovviamente molto interessante e fantastico.

È stato anche un po' divertente perché avevo dimenticato i ramponi in macchina. Stavo all'ingresso e ho pensato: oh mio Dio, adesso sono sul Simon Gietl e ho dimenticato i ramponi, non è possibile. 

D'altra parte, Simon ha anche detto che non ha dormito quasi per niente perché viaggiava con quel matto, o qualunque sia la sua reputazione. 

Ed è stato davvero bello vedere come siamo entrambi semplicemente esseri umani, ma quando si tratta dello stile della prima salita, non dobbiamo parlare a lungo, ma ci capiamo bene.

Martin Feistl

In passato hai fatto molte vie audaci che raramente sono state ripetute. Cosa cerchi in battute del genere?

Penso che nel ghiaccio sia davvero l'estetica della linea. Più la linea del ghiaccio è sottile, più la trovo bella anche solo a guardarla. E se riesci ancora a scalarlo, allora è la cosa più bella. Una volta che hai imparato a muoverti nel ghiaccio e sei abbastanza fortunato, allora puoi fare cose davvero pazze. 

Come trovi la taglia giusta per te?

Ho avuto il mio ultimo incidente davvero grave nel 2018, dove è stata colpa mia per aver valutato male i piazzamenti. Da allora ho la sensazione che corro ancora almeno gli stessi rischi di allora. Ma quando lo faccio – anzitutto lo faccio meno spesso – allora sono più consapevole delle conseguenze. 

Quindi, prima di iniziare un articolo, lo guardo attentamente: dove posso posizionare il supporto in modo che sia sicuro nel caso in cui qualcosa crolli? Darò un'occhiata, posso magari mettere un dispositivo di sicurezza galleggiante da qualche parte? Dove sto volando? Quanto lontano volo?

Soprattutto le vie miste, spesso vengono percepite come molto selvagge se si arrampica su uno o due ganci assicurati ad alcuni chiodi, come su Ethics Gardener. 

Ma alla fine non ti potrà succedere nulla: se il perno si rompe, ti cadrà davanti e rimarrai assicurato alla roccia. 

Martin Feistl
La prima salita in giornata e punto rosso di Martin Feistl di Pandora Image David Bruder
Martin Feistl: "Ho sempre avuto una specie di interruttore che dice o arrampicata o assicurazione." Sulla prima salita in giornata e in punto rosso del Pandora. Immagine: David Bruder

Sei sempre stato dotato di una forte psiche?

Credo di sì, ma il livello è aumentato e con esso la pericolosità di quello che faccio sul ghiaccio. Ma ho sempre avuto una sorta di interruttore che consente l'arrampicata o l'assicurazione. 

Posso stare fermo nello stesso posto per 10 minuti e preoccuparmi solo dell'assicurazione. Ma se poi decido di passare all'arrampicata, allora salgo fino al punto che avevo precedentemente immaginato nella mia analisi dei rischi.

Una volta hai detto: “Quanto maggiori sono le paure, tanto maggiore è l’esperienza”. Lo firmeresti ancora?

Sì, sicuramente. I momenti in cui hai più paura sono quelli che mi accompagnano più a lungo. Ma la paura non deve necessariamente essere sempre del tutto negativa; purché non sia panico, può davvero essere una buona cosa. 
 

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: foto di copertina Garry Knopp

Attuale

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Stile alpino: Nuova via attraverso la parete ovest dell'Hungchi (7029m)

I due alpinisti Charles Dubouloz e Symon Welfriger hanno effettuato un'impressionante prima salita in stile alpino sui 7000m Hungchi.

Alex Honnold polverizza il record di velocità in solitaria del Salathé Wall

Alex “No-Big-Deal” Honnold ha stabilito un nuovo record di velocità in solitaria su corda su El Capitan: la Salathé Wall in 11 ore e 18 minuti.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood