Babsi Zangerl: “Quello è stato il momento più scioccante di tutta la via”

Su El Capitan nella Yosemite Valley, Babsi Zangerl e Lara Neumeier riescono a salire in libera il collegamento Muir Blast/El Corazon big wall. In sei giorni salgono 35 tiri con difficoltà fino all'8a e vivono un terribile momento di shock mentre effettuano una lunga traversata.

Per lo specialista del commercio austriaco Babsi Zangerl è l' Muir Blast/El Corazon già la sesta via big wall El Capitan, su cui può arrampicarsi liberamente. Per il suo compagno di corda Lara Neumeier D'altro canto, le pareti di granito alte 1000 metri a Yosemite, in California, sono un territorio nuovo e per questo motivo il loro libero accesso è ancora più impressionante.

Lara si è comportata incredibilmente bene fin dall'inizio. Ecco perché abbiamo deciso di approfittare della finestra di bel tempo e iniziare la nostra missione per scalare il Muir-El Corazon in una sola spinta.

Babsi Zangerl
Babsi Zangerl-El Corazon-09787_Ian_Dzilenski
Una coppia forte: la debuttante di El Cap Lara Neumeier e Babsi Zangerl salgono in libera Muir Blast/El Corazon su El Capitan in 6 giorni. Immagine: Ian_Dzilenski

Non è un inizio perfetto

L'impresa dei due di salire la combinazione Muir Blast/El Corazon Groud-Up è iniziata tutt'altro che in modo ottimale. "Mi sono fatto male a un dito, il nostro sacco da trasporto si è inceppato e Lara ha lasciato cadere una scarpa e un Jumar", racconta Babsi Zangerl.

Nonostante queste difficoltà iniziali, il primo giorno sono riusciti a salire 11 tiri e il giorno successivo 6. Da Bird Beak si sono calati direttamente al Mammut Ledge per portare tutto il materiale fino al punto più alto il giorno successivo.

Casa dolce casa: casa ariosa in alto su El Cap. Immagine: Miška Izakovičová
Casa dolce casa: casa ariosa in alto su El Cap. Immagine: Miška Izakovičová

L'incubo del trasporto

Hanno iniziato il duro lavoro alle 3 del mattino. Durante una traversata di 50 metri con rocce abbastanza sciolte, il pesante sacco da trasporto si è impigliato su una bilancia. "Abbiamo tirato la corda da entrambi i lati, ma il sacco non si è mosso", ricorda Babsi Zangerl.

Pochi secondi dopo abbiamo notato che l'intera bilancia si è spostata di 20 centimetri dal muro e quasi si è rotta.

Babsi Zangerl

Quello è stato sicuramente il momento più scioccante dell'intero percorso. "Una grande caduta di massi su El Cap ha rappresentato un grande rischio per gli altri alpinisti sotto di noi e per i turisti alla base della parete." 

La prima cosa che hanno fatto i due è stata aggiustare il sacco da trasporto. Lara poi si è arrampicata su di lui, lo ha staccato dalla bilancia e ha cercato di aggiustarla.

Tuttavia, la bilancia era troppo pesante da sollevare e quindi ha riportato Lara in una posizione che sembrava abbastanza sicura da consentirci di continuare a salire.

Babsi Zangerl
La novizia di El Cap Lara Neumeier a El Corazon. Immagine: Ian_Dzilenski
Lara Neumeier in El Corazón. Immagine: Ian_Dzilenski

Casco da arrampicata incastrato nella fessura

Il giorno 4 è iniziato con il tiro di 7c, che i due non erano riusciti a liberare sotto il sole cocente il giorno prima. Mentre Lara ha trovato una soluzione dinamica, Babsi ha puntato su listelli sottili. Attraverso un tecnico e pianeggiante 7b+ sono entrati in un sistema di fessure più larghe di quelle a cui erano abituati.

Li attendeva un enorme e intimidatorio camino. "Era il mio turno di arrampicare e devo dire che nelle fessure larghe mi sento ancora un principiante", dice Babsi Zangerl.

È così intimidatorio ed è sempre estremamente faticoso farsi strada combattendo attraverso le larghezze e i camini.

Babsi Zangerl

Il fatto di non essersi tolta il casco per questo tiro si sarebbe presto rivelato un errore. "Poco dopo ero effettivamente bloccato con il casco e ho dovuto tirarlo fuori con la mano libera senza cadere io stesso dalla fessura." Il piano ha avuto successo e Babsi si è fatto strada fino alla posizione successiva con le ultime forze.

Sapevo di non avere l'energia per riprovare. Questo tiro è stata una delle salite a-vista di cui sono più orgoglioso.

Babsi Zangerl

Poi è stata la volta di Lara. Ha dato il massimo ed è caduta solo poco prima dello stand. Con sorpresa di Babsi Zangerl, ci riprovò. "Non pensavo che avrebbe mai voluto provare di nuovo questa cosa dopo una battaglia così straziantemente lunga." Ma il secondo tentativo è andato a buon fine e i due sono tornati “in gioco”.

Dopo un camino di 6b che sembrava 8a, gli alpinisti si sono messi a dormire sotto gli ultimi tiri chiave. Era ormai l'una di notte. Alle 2 del mattino si sistemarono tutti e si concessero un pasto.

Pausa obbligatoria autoimposta

Dopo appena tre ore di sonno, i due si sentono come se fossero stati investiti da un camion. I quattro giorni precedenti di intensa arrampicata e di sollevamento senza sosta avevano lasciato il segno. Così si sono concessi una giornata di arrampicata e relax e si sono subito riaddormentati.

Eravamo così feriti dai combattimenti del giorno prima. E le dita di Lara - a dire il vero, tutto il suo corpo - sembrava che avesse avuto un incidente d'auto.

Babsi Zangerl
Le dita malconce di Lara Neumeier parlano da sole.
Le dita malconce di Lara Neumeier parlano da sole.

Il tempo sta finendo

Un totale di 10 tiri, tra cui un 8a, tre 7c+ e alcuni sette difficili, separavano le due vie dall'uscita. Date le loro condizioni, non era certo che sarebbero riusciti a farcela in un giorno, dice Babsi Zangerl.

Ad ogni modo, eravamo molto motivati ​​a dare il massimo perché sapevamo che sarebbe stato il nostro ultimo giorno in parete.

Babsi Zangerl

Entrambi hanno salito in libera il primo tiro chiave al primo tentativo, con Lara che per la prima volta ha lanciato forti grida di battaglia. Ora non restava che affrontare il grande tetto.

“Ho cercato di convincerla a provare a usare il flash”, ricorda Babsi, “e mezz'ora dopo ha fatto esattamente questo: ha flashato il tetto. Che momento!” Dopo che Babsi ha liberato anche la lunghezza, si sono concessi una lunga pausa.

È fatta: Lara Neumeier e Babsi Zangerl felici ma completamente distrutte dopo la loro ultima avventura a El Cap.
Il gioco è fatto: Lara Neumeier e Babsi Zangerl raggiungono la vetta alle tre del mattino.

Successivamente hanno lottato passo dopo passo. E anche se le difficoltà aumentavano verso la cima, trovare la via si è rivelato difficile, soprattutto perché le loro luci frontali hanno gradualmente smesso di funzionare. "A dire il vero, è sembrata un'eternità prima di arrivare finalmente in cima."

Alle tre del mattino arrivammo all'uscita completamente distrutti.

Babsi Zangerl

«Ci ​​sentivamo tremanti e ne avevamo abbastanza di arrampicare su big wall. Allo stesso tempo eravamo così felici: avevamo raggiunto il nostro obiettivo di scalare tutto in libera e abbiamo dovuto davvero soffrire per questo. Un’altra grande avventura che ricorderemo per sempre.”

Copia di Shower_time_Lara_Neumeier
Babsi Zangerl: “Anche dopo un giorno non possiamo ancora toccare nulla perché ci fanno ancora molto male le dita delle mani e dei piedi. Ma siamo felici di poter dormire in un letto normale, fare la doccia e usare un bagno normale."

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Miška Izakovičová

Attuale

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.

Le Kingline spagnole si ripetono

Jorg Verhoeven, Gabriele Moroni e Leo Ketil Bøe ripetono le classiche del 9° grado francese a Siurana, Oliana e Margalef.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.