Rapporto sul ghiacciaio: lo scioglimento continua inesorabilmente

I ghiacciai austriaci hanno perso una media di 15 metri di lunghezza in un solo anno - questo è confermato dall'attuale rapporto sui ghiacciai dell'Associazione alpina. L'inarrestabile ritiro dei ghiacciai mostra anche quanto sia urgente ridefinire la protezione delle aree di alta montagna.

La scorsa estate il team di misurazione dei ghiacciai del Club alpino ha misurato nuovamente 92 ghiacciai in tutta l'Austria. 85 di loro (92,4%) si sono ulteriormente ritirati nel periodo di osservazione 2019/2020, solo sette (7,6%) sono rimasti fermi con una variazione di lunghezza inferiore a un metro. Con un calo medio di 15 metri, il ritiro del ghiacciaio è rimasto a lungo termine ad un livello elevato, anche nelle statistiche attuali.

Sebbene le precipitazioni invernali nel 2019/20 abbiano superato la media a lungo termine nella maggior parte delle aree e gran parte dei ghiacciai siano state coperte dalla neve fino a luglio, si è verificato un forte scioglimento ad agosto e settembre con temperature fino a + 2 ° C al di sopra della media temperatura.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

L'ultimo anno di osservazione è un altro di un periodo di drastico ritiro dei ghiacciai che probabilmente continuerà per molto tempo

Oltre ai semplici cambiamenti di lunghezza, i coltelli del ghiacciaio hanno registrato notevoli cambiamenti visivi in ​​tutta l'Austria, che non possono essere registrati in numero, ma documentano in modo inequivocabile il ritiro del ghiacciaio.

Ad esempio, aree rocciose prive di ghiaccio, la frammentazione dei ghiacciai, il collasso del ghiaccio su larga scala, l'assottigliamento del ghiaccio, la formazione di imbuti di collasso, l'accumulo di detriti sulle superfici dei ghiacciai e la formazione di nuovi laghi.

Hornkees: dislivello di 104 metri

La variazione di lunghezza maggiore è stata rilevata nel 2020 sugli Hornkees nelle Alpi della Zillertal (Tirolo). Questo ghiacciaio si è accorciato di 104 metri in un solo anno. Altri quattro ghiacciai si sono ritirati di almeno 50 metri: l'Alpeinerferner (Alpi dello Stubai) con 67,2 m, il Pasterze (gruppo Glockner) con 52,5 m, il Gepatschferner (Alpi Venoste) con 51,5 me lo Schlatenkees (gruppo Venediger) con 50,0 m.

Pasterze accorciato di 52,5 metri in un anno

Il ghiacciaio più grande dell'Austria, il Pasterze sul Großglockner, ha perso di recente 52,5 metri di lunghezza, ancora una volta un valore superiore alla media. La lingua del tuo ghiacciaio è ancora piatta in fase di disintegrazione, poiché la fornitura di ghiaccio dalle parti più alte del ghiacciaio sta diminuendo. Il Pasterze è uno dei ghiacciai su cui si misurano regolarmente lo spessore del ghiaccio e il movimento del ghiacciaio. Rispetto all'anno precedente, l'intera lingua del ghiacciaio del Pasterze è affondata in media di 6,1 metri, un po 'più che nel periodo di misurazione 2018/2019. 

L'Associazione Alpina chiede la protezione del ghiacciaio senza se e senza ma

“Il fatto che il ritiro dei ghiacciai sia il risultato dell'aumento delle temperature non può essere negato. Questo sviluppo difficilmente può essere fermato, il sistema è troppo lento e le aree naturali troppo sensibili per questo. I nostri ghiacciai rendono questo lento ma costante cambiamento comprensibile in modo triste. Come silenziosi memoriali dei cambiamenti climatici, probabilmente non saranno più riconoscibili tra qualche decennio ”, sottolinea Ingrid Hayek, Vice Presidente del Club Alpino Austriaco.

Come silenziosi memoriali dei cambiamenti climatici, probabilmente non saranno più riconoscibili tra pochi decenni.

Ingrid Hayek, Vice Presidente del Club Alpino Austriaco

Un motivo in più per l'Associazione Alpina, come organizzazione per la conservazione della natura, per insistere non solo sulla protezione dei ghiacciai, ma anche sulla protezione delle alte regioni alpine circostanti. 

Lo status di protezione è stato revocato nel 2004

Soprattutto, il Club alpino è ancora contrario all'indebolimento della protezione dei ghiacciai nella legge tirolese sulla conservazione della natura. Dopo la protezione assoluta dei ghiacciai, l'avamposto glaciale e le morene del Tirolo erano stati legalmente ancorati nel 1991 e qualsiasi sviluppo tecnico dei ghiacciai e dei loro bacini idrografici è stato vietato, lo status di protezione globale è stato revocato nel 2004.

Nel 2006 è seguito un “programma di pianificazione del territorio per la protezione dei ghiacciai”. Tuttavia, ciò esclude deliberatamente le aree di interesse per lo scialpinismo dallo status di protezione - ad esempio quella tra le aree sciistiche del ghiacciaio Ötztal e Pitztal, o attualmente quella a Kaunertal.

La protezione del ghiacciaio è necessaria senza se e senza ma.

Ingrid Hayek, Vice Presidente del Club Alpino Austriaco

“Hai bisogno di una protezione del ghiacciaio senza se e senza ma. Protezione che tiene conto anche degli attuali cambiamenti in alta montagna. Non solo i ghiacciai stessi, ma anche le aree interessate dallo scioglimento sono sempre più sotto pressione. Nel contesto del diritto statale, questi sono spesso indicati come "deserto alpino". Ma questo terreno non è affatto "sprecato".

Risulta essere un terreno fertile con un potenziale di sviluppo incommensurabile. La protezione del ghiacciaio deve quindi essere ridefinita in questo contesto e il termine più ampio ghiacciaio deve essere preso in considerazione nella legge sulla valutazione dell'impatto ambientale ”, afferma Hayek.

Il ritiro del ghiacciaio in cifre (periodo di misurazione 2019/2020)

10 cali più forti - perdite di lunghezza in metri:

  1. Hornkees (Alpi della Zillertal, Tirolo): -104,0
  2. Alpeinerferner (Alpi dello Stubai, Tirolo): -67,2
  3. Pasterze (Gruppo Glockner, Carinzia): -52,5
  4. Gepatschferner (Alpi Venoste, Tirolo): -51,5
  5. Schlatenkees (Gruppo Venediger, Tirolo): -50,0

La perdita media di lunghezza degli 81 ghiacciai misurata sia nel 2019 che nel 2020 è stata di -15 m ed è quindi molto simile al valore dell'anno precedente di -14,3 m (calcolato per 84 ghiacciai).

Questo potrebbe interessarti

Attuale

Gli appassionati di outdoor si incontrano qui: Misoxperience Festival 2024

Attenzione agli appassionati di bouldering e outdoor: il Misoxperience Outdoor Festival si svolgerà per la terza volta a Misox, nei Grigioni, dal 4 al 12 maggio.

Jernej Kruder conquista una via ibrida 9a con topout offwidth

Nonostante le condizioni esterne: Jernej Kruder ripete la via ibrida 9a La Bruja di Ignacio Mulero a La Pedriza.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Gli appassionati di outdoor si incontrano qui: Misoxperience Festival 2024

Attenzione agli appassionati di bouldering e outdoor: il Misoxperience Outdoor Festival si svolgerà per la terza volta a Misox, nei Grigioni, dal 4 al 12 maggio.

Jernej Kruder conquista una via ibrida 9a con topout offwidth

Nonostante le condizioni esterne: Jernej Kruder ripete la via ibrida 9a La Bruja di Ignacio Mulero a La Pedriza.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.