Miška Izakovičová riesce a salire in libera la via della Big Wall del Golden Gate

La 34enne slovacca Miška Izakovičová sale in libera Golden Gate su El Capitan. La linea è stata liberata nel 2000 da Thomas e Alex Huber e nel corso degli anni è diventata una classica big wall nella Yosemite Valley.

Un resoconto dell'esperienza di Miška Izakovičová

Yosemite Valley è uno dei miei posti preferiti al mondo e scalare El Capitan è stato il mio sogno da quando ho iniziato ad arrampicare. Dopo aver scalato Freerider nel 2018, ho messo gli occhi su un'altra via: Golden Gate.

L'ho provato brevemente nel 2019, ma in quel momento era troppo difficile per me e scalarla mi sembrava assolutamente impossibile.

Sono tornato a valle l'anno scorso, ma dopo qualche anno di pausa tutto sembrava così grande e spaventoso. Ho deciso di provare il percorso ed è andato sorprendentemente bene. Sentivo che avrei potuto avere la possibilità di farlo un giorno, ma sembrava comunque troppo difficile.

Non riuscivo a fare i movimenti sul tiro Move e il resto della via mi è sembrato difficile anche se ero in grado di salire la maggior parte dei tiri. Sapevo che volevo tornare, ma più forte e meglio preparato.

Dopo Freerider, Golden Gate è la seconda via big wall che Miška Izakovičová ha potuto scalare liberamente.
Dopo Freerider, Golden Gate è la seconda via big wall che Miška Izakovičová ha potuto scalare liberamente.

Pausa obbligatoria per infortunio

Sfortunatamente, a volte le cose non vanno come ti aspetti. In primavera mi sono infortunato alla caviglia e per quasi tre mesi ho dovuto rinunciare alle arrampicate e persino alle escursioni. Pensavo fosse improbabile che avrei scalato la via quest'anno.

Ma la stagione autunnale stava andando molto bene per me a casa, quindi ho deciso di tornare a valle e provarci. Mi sentivo diverso rispetto a un anno fa, ero molto motivato, fiducioso e per niente spaventato.

Dal primo giorno ho scalato meglio e mi sono sentito più forte che mai. Dopo tre settimane nella Valley, tutto è andato per il verso giusto e finalmente ho potuto avventurarmi in parete.

Il giusto partner di corda

Ho scalato con il mio amico Karel dalla Repubblica Ceca. Ha deciso di sostenere il mio sogno e ne sono molto felice perché era proprio il partner di cui avevo bisogno lassù.

Ci siamo trascinati fino alle Heart Ledges, ci siamo riposati e poi ci siamo lanciati da terra. Il primo giorno è andato molto bene, ho avuto un flusso davvero buono e siamo arrivati ​​a Hollow Flake Ledge al tramonto.

Bivacco sulla Torre al Popolo
Miška Izakovičová con il suo compagno di corda Karel. Foto: Tim Greenwood

Inizio brillante

Il secondo giorno siamo saliti fino alla discesa (5.13a), il primo dei quattro tiri chiave della via. Volevo provarlo la mattina presto del giorno dopo, prima che il sole colpisse il muro.

Ho pensato che mi ci sarebbe voluto un po' di tempo per salire sul tiro, quindi abbiamo pensato che saremmo rimasti qui almeno un'altra notte. Ma la realtà era diversa perché sono riuscito a salire il tiro al secondo tentativo e alle 8 siamo tornati al nostro campo e abbiamo deciso di continuare ad arrampicare.

Il piano era salire sulla Torre del Popolo e accamparsi lì. Quel giorno non ho provato veramente Move Titch (5.13a), il secondo tiro chiave, dato che lo abbiamo salito a metà giornata quando faceva troppo caldo per tentativi seri. Abbiamo raggiunto la torre la sera del terzo giorno e, dato che stavo salendo ogni tiro e facendo la maggior parte della via, ero piuttosto esausto.

Dopo aver finalmente trovato la beta giusta dopo tanti tentativi, lo slovacco è riuscito subito a superare il tiro. Foto: Guglielmo Fazio
Dopo aver finalmente trovato la beta giusta dopo tanti tentativi, lo slovacco è riuscito subito a superare il tiro. Foto: Guglielmo Fazio

Trovare la beta giusta

La mattina dopo abbiamo dormito fino a tardi, non avevo l'energia per provare il movimento del pitch. Abbiamo trascorso gran parte della giornata rilassandoci nella torre, mangiando e bevendo molta acqua.

Dopo il tramonto siamo scesi al Move Pitch e ho iniziato a tentare il passo chiave. All'inizio sembrava impossibile, ho passato più di un'ora a provare almeno dieci opzioni diverse ma nessuna mi sembrava neanche lontanamente buona.

Successivamente sono tornato in tribuna per riposarmi. Ero piuttosto triste, speravo che ci fossero almeno dei progressi rispetto all'anno scorso, ma il resto della via mi è sembrato più difficile e non riuscivo ancora a fare quei movimenti.

Dopo la pausa ho provato un'ultima beta a cui potevo pensare e con mia grande sorpresa sono riuscito a superare il masso, sono caduto e l'ho fatto di nuovo. All'improvviso ci sono riuscito, ero semplicemente troppo stanco per tentare seriamente un punto rosso quella sera.

Siamo tornati al nostro portaledge con la jumart e mentre mi addormentavo ho scalato il masso almeno 20 volte nella mia testa.

La mattina dopo siamo tornati e ho salito il tiro al primo tentativo. Le condizioni per arrampicare quel giorno erano terribili, il sole era molto forte e faceva troppo caldo per arrampicare difficili.

Miška Izakovičová si prepara per il prossimo tiro difficile: Il Deserto d'Oro. Foto: Jonah Philips
Miška Izakovičová si prepara per il prossimo tiro difficile: Il Deserto d'Oro. Foto: Jonah Philips 

Caduta con conseguenze

Quindi ho aspettato di nuovo fino al tramonto per provare il tiro chiave successivo, The Golden Desert (5.13a). Pensavo che questo tiro sarebbe stato facile da salire e che sarei riuscito a salirlo in serata.

Forse li ho sottovalutati, o forse semplicemente li ricordavo come non così difficili, ma ho davvero faticato. Al mio primo tentativo ho fatto un decollo piuttosto lungo quando sono caduto durante il clipping e mi hanno persino strappato una sicura da sotto.

Per un attimo ho pensato che sarei atterrato sul portaledge, ma per fortuna mi sono fermato prima.

Al mio secondo tentativo, sono scivolato di nuovo mentre cercavo di trattenermi nell'angolo poco profondo. Il mio piede destro graffia la roccia mentre cado, ferendomi la caviglia già danneggiata.

Ne avevo abbastanza per quella notte, mi faceva male la caviglia e non volevo più arrampicare. Mi sentivo davvero male, pensavo che forse per me sarebbe finita.

Miška Izakovičová sale il difficile tiro del Golden Desert. Foto: Jonah Philips
Miška Izakovičová sale il difficile tiro del Golden Desert. Foto: Jonah Philips 

Il fondo morale è in fondo

Quando mi sono svegliato la mattina dopo avevo la caviglia gonfia, leggermente contusa e dolorante, ma ero determinato a provare ad arrampicare. Dovevo farlo! Doveva essere il nostro penultimo giorno in parete.

Avevamo solo due giorni prima del temporale di 4 giorni e dovevamo raggiungere la vetta prima che piovesse. Il mio primo tentativo al mattino al Golden Desert è stato molto traballante, avevo paura di cadere e la mia caviglia era piuttosto rigida e dolorante e ho provato solo il passo chiave.

Mi sono calato e ho riprovato. Sono caduto altre tre volte quella mattina ed ero completamente esausto e non potevo più provare. Sapevo di non avere molto tempo a disposizione, quindi ho deciso di tentare il traverso A5 (5.13a), l'ultimo tiro chiave.

L'ho provata due volte quel giorno ma ho fatto molta fatica, c'era già il sole e mi sembrava impossibile salirla. Successivamente ero piuttosto esausto e non avevo più pelle sui polpastrelli, quindi ho deciso di smetterla e sono tornato al portaledge.

a Portaledge
Una squadra affiatata: Miška e Karel

Il tempo sta finendo

A questo punto pensavo che non sarei più riuscita a salire la via, ci restava solo un giorno e dovevamo ancora arrivare in vetta.

Non ho scalato quella sera e ho deciso di provare un'altra volta il Golden Desert e la A5 Traverse la mattina successiva. Volevo dare il massimo, anche se sembrava improbabile che ce l'avrei fatta.

Combatti fino all'ultimo

La mia ultima mattina in parete ho iniziato con Golden Desert e fin dai primi tiri mi sono sentito molto meglio di prima. Ho potuto dare il massimo e scalare il campo. Mancava un ultimo tiro chiave e sapevo che probabilmente avevo solo un tentativo.

Non credo di aver mai combattuto così duramente su un tiro come in questo tentativo sulla traversata A5. A metà corda rischiavo di cadere ad ogni tiro, avevo i crampi agli avambracci, ma in qualche modo mi sono rifiutato di mollare la presa e sono riuscito a farcela.

Non potevo credere a quello che era appena successo. Non volevo festeggiare troppo perché mancavano ancora 5 tiri alla vetta, ma sapevo che questo non mi avrebbe impedito di salire la via.

Golden Gate è di gran lunga la cosa più difficile che abbia mai salito, e apprezzo molto questa salita perché ho salito la via dal basso e ho scalato e salito in libera ogni singolo tiro.

Questo era esattamente il tipo di salita che sognavo e ancora non riesco a credere che sia successo.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Giona Philips 

Attuale

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Livello successivo: ecco come superi il 7° grado

Andate avanti dove ci sono molti scalatori in coda: con questi consigli professionali potrete fare il salto fino al 7° grado.

Stefano Ghisolfi sale la mitica Action Directe (9a) | video

Primo 9a al mondo: Con Action Directe, Stefano Ghisolfi ha ripetuto una delle linee più iconiche del mondo lo scorso autunno.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Livello successivo: ecco come superi il 7° grado

Andate avanti dove ci sono molti scalatori in coda: con questi consigli professionali potrete fare il salto fino al 7° grado.