Presto ci sarà un bollettino valanghe uniforme per l'intera regione alpina?

L'iniziativa per una previsione valanghe uniforme in tutte le Alpi è impegnata in una previsione valanghe uniforme in tutte le Alpi e desidera sottolineare l'importanza della cooperazione interregionale nell'allerta valanghe.

Siamo in tre nei tre paesi della Silvretta. Uno di noi in Tirolo, uno nel Vorarlberg, uno nei Grigioni. Siamo situati in tre diverse zone amministrative in due diversi paesi. A seconda della direzione in cui partiamo, si applica una diversa previsione valanghe. Lo SLF in Svizzera parla di un livello di pericolo uno, il servizio di allarme valanghe di un due e i tirolesi ne danno addirittura un tre.

Un motivo per queste deviazioni non è evidente, perché le condizioni meteorologiche nelle vicinanze di questa montagna di confine erano quasi identiche durante l'inverno.

La natura è illimitata

Le montagne non hanno confini amministrativi. Lo stesso vale per la situazione della neve e delle valanghe. Per le Alpi, tuttavia, da 17 servizi di allarme valanghe pubblicato diverse previsioni valanghe. La prima sfida è trovare il sito Web giusto. Poiché le previsioni valanghe sono presentate in modo diverso, ogni pagina Web richiede una fase introduttiva e di familiarizzazione.

Standardizzato e interpretato in modo soggettivo diverso

I servizi di allarme valanghe europei sono basati su standardizzati Scala europea dei pericoli, Tuttavia, la scala viene utilizzata in modo più o meno diverso. La pratica mostra sempre differenze sorprendenti. Anche la preparazione delle previsioni basate sulla piramide dell'informazione non viene gestita in modo uniforme. Alla fine, gli atleti invernali si trovano spesso di fronte a informazioni contraddittorie nelle stesse circostanze.

Ecco come appare visione del futuro l'IFALP

Ecco perché IFALP ha una visione. iniziatori desiderio esiste una previsione delle valanghe coerente, per quanto possibile omogenea e multilingue, per l'intera regione alpina. Rappresentazione identica, nessuna differenza sostanziale nell'uso dei livelli di pericolo, senza artificiale, ma solo con quelli naturali Grenzen.

E questo potrebbe apparire così:

Iniziativa per una previsione valanghe uniforme in tutte le Alpi
Fig.1: Previsioni valanghe dal 14 marzo 2019 per l'intera regione alpina.

Fig.1: Previsioni valanghe dal 14 marzo 2019 per l'intera regione alpina

  • Il miglior allineamento possibile delle previsioni valanghe alle esigenze degli appassionati di sport sulla neve, perché rappresentano la stragrande maggioranza delle vittime valanghe
  • Uso coerente del livello di sicurezza. Un'opera di Techel et. al. (2018) mostra che qui è necessario agire, poiché diversi servizi di allarme spesso assegnano livelli diversi di pericolo in una situazione simile.
  • Uso uniforme e completo di tutti gli elementi del piramide informazioni.
  • Multilinguismo: almeno una lingua locale più inglese.
  • Stesso orario di rilascio la sera (17:XNUMX) con aggiornamento opzionale al mattino. Il rapporto serale si è dimostrato organizzativo per gli appassionati di sport sulla neve.
  • Rappresentazione uniforme su una mappa dinamica che abbraccia l'intero arco alpino.
  • Dimensioni simili delle regioni di avvertimento, che possono quindi essere aggregate in modo flessibile in aree di avvertimento (vedere grandi differenze nella mappa della FIG. 1).
  • Processi simili nel generare la previsione valanghe. Solo processi comparabili possono portare a risultati comparabili.
Iniziativa per una previsione valanghe uniforme in tutte le Alpi
Fig. 2: Piramide dell'informazione: la cosa più importante viene prima di tutto. (© EAWS)

Se fosse facile, non sarebbe una sfida

Siamo molto grati ai servizi di allarme valanghe per il meticoloso lavoro che svolgono ogni giorno. Siamo anche consapevoli che in passato sono stati compiuti sforzi enormi per avvicinarci di più. Sappiamo anche quanto sia difficile la cooperazione transfrontaliera. Tuttavia, crediamo anche che vi sia ancora un grande bisogno di azione.

Dove c'è una volontà, c'è un modo

Tutte queste non sono illusioni. Ciò mostra il progetto del Euregio Bollettino valanghe in Tirolo (Austria), Alto Adige e Trentino (entrambi Italia). Questa comune previsione valanghe viene pubblicata quotidianamente in tre lingue e rappresenta un grande passo avanti: la prova che la cooperazione transfrontaliera funziona, a condizione che tutti gli attori, dalla politica all'avvertimento valanghe, si uniscano.

Da qui l'iniziativa per una previsione uniforme delle valanghe attraverso le Alpi. L'IFALP desidera sottolineare l'importanza di collaborare agli avvisi sulle valanghe. Perché anche una sola vita umana salvata in questo modo vale più di tutte le risorse investite.

Questo potrebbe interessarti

+++
Crediti: immagine di copertina IFALP

Attuale

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Der junge Franzose Vadim Druelle besteigt den Nanga Parbat in 15h 15min und unterbietet damit die bisherige Fastest Known Time um 5 Stunden.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.

“Un solido 9A”: Aidan Roberts su Arrival of the Birds

Aidan Roberts conferma 9A-Boulder. Come ha vissuto la salita di Arrival of the Birds e perché valuta la linea 9A.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Der junge Franzose Vadim Druelle besteigt den Nanga Parbat in 15h 15min und unterbietet damit die bisherige Fastest Known Time um 5 Stunden.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.