Jacopo Larcher ripete la difficile via trad | Nel sole

Mercoledì 24 novembre 2021 Jacopo Larcher è riuscito a ripetere per la prima volta la via Trad Into the Sun nella Valle del Murg. Il percorso è stato percorso per la prima volta da Bernd Zangerl quattro anni fa.

Un resoconto personale di Jacopo Larcher

Dopo la spedizione in Pakistan ho sentito il bisogno di concentrarmi su vie monotiri e boulder, almeno per qualche mese. Niente jogging, niente lunghe giornate in montagna. Solo roccia e (per me) passaggi di arrampicata difficili.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Di recente, ero particolarmente interessato a scoprire diversi aspetti dell'arrampicata trad. All'interno della stessa disciplina c'è una moltitudine di stili diversi, a volte contraddittori, che rendono l'arrampicata trad così eccitante per me.

Quando ho letto della prima salita di Bernd Zangerl della via Into the Sun nel 2017, mi sono incuriosito. Sembrava che la via fosse diversa da qualsiasi altra via trad che ho provato o visto finora, il che mi ha motivato immensamente a guardare la via. Mi piace - e penso sia importante - guardare e provare altre prime salite. È stimolante e rinfrescante sperimentare la visione degli altri, possibilmente uscire dalla propria zona di comfort ed essere aperti a nuove possibilità. Ognuno vede qualcosa di diverso quando si trova di fronte a un muro o a un blocco e ha approcci diversi. Questa diversità fa progredire il nostro sport e noi stessi.

Jacopo Larcher davanti al blocco con le Tradroute Into the Sun. (Foto Andrea Cossu)
Jacopo Larcher davanti al blocco con le Tradroute Into the Sun. (Foto Andrea Cossu)

Quest'autunno ho finalmente deciso di andare nella Murgtal e provare la via di Bernd. Ad essere onesti, è stata la mia prima visita alla Valle del Murg e sono rimasto incredibilmente colpito dalla tranquillità e dalla bellezza di questa valle. La roccia tagliente non è ciò che si desidera per l'arrampicata, ma la natura e la tranquillità rendono questo luogo speciale.

La Tradroute Into the Sun si trova su un gigantesco blocco con numerose linee boulder e si snoda completamente dal basso a destra in alto a sinistra. In realtà, Into the Sun è un'opzione di uscita per il Boulder Very Important Parrot, che termina in un supporto perforato.

L'uscita del percorso Into the Sun. (Foto Andrea Cossu)
L'uscita del percorso Into the Sun. (Foto Andrea Cossu)

Lasciati gli spit della cabina, traversare a sinistra fino ad un'evidente fessura e uscire dall'altra parte del masso. Quest'ultima sezione è già stata salita come highball con un inizio diverso. Arrampicare è facile, ma la roccia è spesso umida e non sempre sembra solida, per questo motivo per me ha più senso mettersi in sicurezza con i dispositivi mobili di sicurezza.

Dopo la prima sessione sulla via, avevo un buon feeling perché sono riuscito a salire il lungo boulder in due sezioni. Gli ultimi movimenti del boulder sono diventati una sfida, ho dovuto investire diverse sessioni e molta energia.

Il percorso non era solo una sfida in termini di arrampicata. (Foto Andrea Cossu)
Il percorso non era solo una sfida in termini di arrampicata. (Foto Andrea Cossu)

A parte le difficoltà di arrampicata, le condizioni erano una sfida particolare. A causa della nebbia, le prese e i calci di partenza erano per lo più umidi e quindi il resto della via è stato per lo più salito con scarpe e mani bagnate. Gli incarichi regolari come tracciatori di percorsi spesso rendevano impossibile guidare spontaneamente nella Valle del Murg quando le condizioni erano giuste. Ma questo mi ha motivato ancora di più a ottenere il massimo dai giorni in cui sono stato in grado di pianificare il percorso.

"A parte le difficoltà di arrampicata, le condizioni erano una sfida particolare."

Jacopo Larcher

Dopo essere caduto più volte nell'ultimo difficile movimento, il giorno prima della grande nevicata - e quindi della fine della stagione - sono riuscito a fare il mio primo tentativo. In perfette condizioni di freddo. È stata una sensazione assolutamente brillante. Ad essere sincero, sono contento di aver salito l'ultima sezione con le protezioni mobili perché le mie dita erano completamente intorpidite e non sentivo assolutamente niente nelle dita quando ho dovuto fare l'ultimo mantello.

Highball o Tradroute? Visione impressionante! (Foto Andrea Cossu)
Highball o Tradroute? Visione impressionante! (Foto Andrea Cossu)

Ora tutti mi chiedono se Into the Sun è un boulder highball o una via trad. Come può essere determinato? Per me personalmente sorge un'altra domanda. Bisogna dare un nome a tutto ea tutti e metterlo in un cassetto? Non credo!

Per me, Into the Sun è la visione di Bernd Zangerl di scalare questa linea a modo suo. Era il suo approccio per sfidare se stesso e ritrovare la strada per l'arrampicata dopo aver lottato a lungo con un infortunio che i medici avevano predetto che non avrebbe mai più scalato.

"L'approccio di Bernd è stato quello di sfidare se stesso e ritrovare la strada per l'arrampicata".

Jacopo Larcher

Ha vinto questa grande sfida per se stesso e ha creato una nuova sfida per tutti. Ho accettato la sfida, l'ho trovata dannatamente difficile e ho apprezzato molto il processo. A mio parere, questo è esattamente ciò che dovrebbe rappresentare l'arrampicata. Un altro avrebbe perforato o scheggiato la via, e un altro ancora l'avrebbe salita in free solo o forse non l'avrebbe salita affatto.

Bernd Zangerl sull'ispezione di Into the Sun

Penso che Bernd l'abbia fatto esattamente nello stile giusto, proprio come avrei salito la via se fosse stata la mia prima salita. L'unica cosa che avrei fatto diversamente è l'inizio. Secondo me avrebbe avuto più senso iniziare la via in piedi invece di aggiungere i passaggi difficili all'inizio. Ma ancora una volta: questo è esattamente ciò che è ingegnoso nell'arrampicata, ognuno vede una linea in modo diverso. Grazie Bernd per questa esperienza sulla via e per la tua prima salita. E grazie Babsi, Mauro, Andrea e Michi per il supporto. Senza di te non sarebbe stato possibile.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++
Crediti: foto di copertina Andrea Cossu

Attuale

Jernej Kruder conquista una via ibrida 9a con topout offwidth

Nonostante le condizioni esterne: Jernej Kruder ripete la via ibrida 9a La Bruja di Ignacio Mulero a La Pedriza.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Jernej Kruder conquista una via ibrida 9a con topout offwidth

Nonostante le condizioni esterne: Jernej Kruder ripete la via ibrida 9a La Bruja di Ignacio Mulero a La Pedriza.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.