Jernej Kruder sale il pezzo di prova di Alex Huber Bellavista (8b +, 500m)

Il climber sloveno Jernej Kruder ripete la via Huber, molto strapiombante, Bellavista (8b+, 500m) sul pinnacolo occidentale. In precedenza ha salito la classica alpina Weg durch den Fisch (7b+, 37 SL) sulla parete sud della Marmolada e la Via Italia (8a, 280 m) sul Piz Ciavazes.

Il forte sloveno Jernej Kruder è stato coinvolto con successo in competizioni internazionali per oltre dieci anni e attira regolarmente l'attenzione su di sé con ispezioni di massi duri e vie di arrampicata sportiva difficili. Come ha recentemente dimostrato, è forte anche in ambiente alpino: An den Tre Cime ha ripetuto il percorso Bellavista (8b+, 500m), che si caratterizza per il tetto fortemente strapiombante del culmine occidentale conduce. Prima di allora, è arrivato lì con il suo compagno di cordata Bor Levičnik le rotte Strada attraverso il pesce (7b+, 37 SL). Via Italia (8a, 280 m).

jernej-kruder-tre cime
A inizio/metà luglio, Jernej Kruder dà un'occhiata a Bellavista durante due giorni di arrampicata sulle Tre Cime. Immagine: Bor Levičnik

Bellavista - Una pietra miliare alpina

Con la sua via Bellavista, aperta da solo nell'inverno del 2000 e salita in punta rossa un anno dopo, ha regalato Alex Huber un vero banco di prova alpino nel mondo dell'arrampicata. Ancora oggi, a più di vent'anni di distanza, il tour è una delle vie di più tiri più difficili al mondo.

nordvpn_display

Molti forti arrampicatori sono attratti dalla sfida di questa pietra miliare, incluso Jernej Kruder. "È pazzesco quando improvvisamente tutto combacia a un certo punto", dice il 31enne. La cosa più difficile è stata trovare un compagno di cordata e allo stesso tempo trovare buone condizioni.

"È pazzesco quando tutto all'improvviso combacia a un certo punto."

Jernej Kruder

Ha trovato due compagni di cordata, buone condizioni solo il giorno prima della salita. Quando i tre si arrampicarono verso il tetto strapiombante, faceva freddo e le maniglie erano unte. L'inerzia della squadra di tre persone ha fatto sì che Jernej Kruder abbia dovuto aspettare quasi due ore prima di poter tentare il tiro chiave. Ciononostante, non voleva perdere i suoi due amici: "Non mi pento di essere stato lì con due bravi ragazzi, perché ci siamo divertiti molto e abbiamo scherzato".

"Ho combattuto tutte le 85 mosse e ho raggiunto il deflettore completamente esausto."

Jernej Kruder

Dopo essere tornato pompato e congelato dal suo primo tentativo, le speranze di una scalata sono svanite. La stanchezza è evidente e il tempo scorre loro il fiato sul collo. Tuttavia, lo sloveno ha fatto un altro tentativo. "Ho combattuto tutte le 85 mosse e ho raggiunto il deflettore completamente esausto."

jernej-kruder-dolomiti5
Alla fine di luglio 2022, Jernej Kruder e Bor Levičnik hanno salito la classica alpina Weg durch den Fisch in un giorno. Immagine: Bor Levičnik

Per la prima volta oltre 1000 metri di dislivello in un giorno

Jernej Kruder, per ampliare il suo repertorio alpino e acquisire maggiore esperienza nell'affrontare le assicurazioni mobili, ha visitato le Dolomiti a metà/fine luglio, o più precisamente le Dolomiti Parete sud della Marmolada. "Il nostro obiettivo era scalare la Marmolada in un giorno", dice. "Era la prima volta che salivo più di 1000 metri in un giorno e scegliere la via tra i pesci è stato un successo".

“Ci sono alcuni percorsi che ti motivano davvero e ti spaventano allo stesso tempo. Il passaggio attraverso il pesce è uno di quelli".

Bor Levičnik

Con una difficoltà massima di 7b+, la via è al di sotto del limite di Jernej Kruder. Di conseguenza, è stato in grado di godersi ogni momento. "Mi sono sentito bene sui piatti, in alto sopra il suolo e nel mezzo anche sopra i ganci."

Il compagno di arrampicata Bor Levičnik riassume così il percorso attraverso i pesci: “Ci sono alcuni percorsi che ti motivano davvero e ti spaventano allo stesso tempo. Il pesce è uno di quelli". In termini di difficoltà, il tono chiave non sembrava così difficile. I 7a sono stati difficili.

jernej-kruder-dolomiti
Jernej Kruder raccoglie esperienze alpine e big wall nelle Dolomiti. Immagine: Bor Levičnik

Motivati ​​dal loro successo, i due alpinisti hanno salito la via di più tiri leggermente più difficile ma molto più breve dopo un giorno di riposo Via Italia (8a, 250m) in poi. La conclusione di Jernej Kruder dopo l'avventura dolomitica: "Sto facendo sempre più esperienza nell'arrampicata su big wall". Siamo entusiasti di vedere cos'altro verrà.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Felice Valentino

Attuale

Storico: Prima libera di Riders on the Storm (1200m, 7c+)

Siebe Vanhee, Sean Villanueve, Nico Favresse e Drew Smith effettuano la prima salita in libera di Riders on the Storm.

Grande linea invernale ripetuta sulla parete nord del Triglav | Il canale dei sogni

Nel mese di gennaio diverse cordate hanno potuto scalare una delle grandi vie invernali slovene, il Dream Couloir sulla parete nord del Triglav.

Il Wild Collective Mountain Sports Festival entra nel secondo turno

L'1 e il 2 marzo il Wild Collective Mountain Sports Festival a Herisau, nell'Appenzello, giunge alla sua seconda edizione.

L'arrampicatrice professionista allena il padre 60enne al suo primo 7a+

Toccante storia di famiglia: la professionista dell'arrampicata Emily Harrington accompagna suo padre sulla sua prima via di 60a+ all'età di 7 anni.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Storico: Prima libera di Riders on the Storm (1200m, 7c+)

Siebe Vanhee, Sean Villanueve, Nico Favresse e Drew Smith effettuano la prima salita in libera di Riders on the Storm.

Grande linea invernale ripetuta sulla parete nord del Triglav | Il canale dei sogni

Nel mese di gennaio diverse cordate hanno potuto scalare una delle grandi vie invernali slovene, il Dream Couloir sulla parete nord del Triglav.

Il Wild Collective Mountain Sports Festival entra nel secondo turno

L'1 e il 2 marzo il Wild Collective Mountain Sports Festival a Herisau, nell'Appenzello, giunge alla sua seconda edizione.