Nirmal Purja ha completato la salita invernale del K2 senza ossigeno artificiale

Dopo il rapporto di successo sulla prima salita invernale del K2 da parte di una squadra di dieci persone, segue un altro dettaglio sulla salita. La stella cadente dell'alpinismo d'alta quota, Nirmal Purja, ha raggiunto la vetta del K2 senza ossigeno artificiale.

Sabato 16 gennaio 2021, dieci alpinisti nepalesi hanno scritto la storia alpina. Per la prima volta sono riusciti a scalare la seconda montagna più alta del mondo, il K2, in inverno. Dopo l'inno iniziale di lode per la prestazione dei dieci alpinisti, sempre più voci critiche si sono espresse sulla salita.

Legge non scritta: salite invernali senza ossigeno artificiale

In tutte le precedenti salite invernali, ad eccezione dell'Everest, l'ossigeno in bottiglia non è stato utilizzato. Questa era una legge non scritta tra gli alpinisti. Dopo il successo della spedizione nepalese e la foto di uno sherpa con una maschera per l'ossigeno in cima al K2, si sono subito levate voci critiche nei confronti della spedizione.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Ma ora uno dei partecipanti alla spedizione sgancia una bomba: Nirmal Purja comunica sul suo sito che avrebbe commesso il K2 senza ossigeno artificiale. Ecco un estratto dalla sua dichiarazione.


Dichiarazione di Nirmal Purja

La salita invernale del K2 è stata una grande sfida. Credo fermamente che prestazioni di questo calibro non siano mai possibili se non viene perseguito un obiettivo generale e serve solo a glorificarsi.

Ho sempre saputo di cosa sono capaci la mia mente e il mio corpo. Per essere chiari: nelle mie precedenti imprese ho portato con me ossigeno artificiale da un'altitudine di 8 metri ed ero soddisfatto della mia prestazione senza ossigeno fino a un'altitudine di 000 metri. Questa pratica nelle spedizioni precedenti è stata una scelta personale e avevo le mie ragioni e la mia filosofia.

Questa pratica nelle spedizioni precedenti è stata una mia scelta personale e avevo le mie ragioni e la mia filosofia.

Con il K2, è stato un compito difficile prendere questa decisione se salire con o senza ossigeno aggiuntivo. A causa delle condizioni meteorologiche e del lasso di tempo, non mi ero acclimatato a sufficienza. Potevo dormire solo all'altezza del Campo 2 (6.600 m). Idealmente, gli scalatori devono dormire o almeno avanzare al campo 4 prima di raggiungere la vetta. La mancanza di acclimatazione, il congelamento sviluppato alla prima rotazione e il rallentamento degli altri membri del team che mettono in pericolo la sicurezza di tutti sono state le principali incertezze ad essa associate.

La sicurezza della mia squadra era ed è la mia massima priorità. Finora ho condotto 20 spedizioni di successo e tutti i membri del mio team sono tornati a casa esattamente come avevano lasciato la casa, cioè senza perdere le dita delle mani o dei piedi.

Questa volta ho preso un rischio calcolato e ho proceduto senza ossigeno supplementare.

Questa volta ho preso un rischio calcolato e ho proceduto senza ossigeno supplementare. La mia fiducia, la conoscenza della forza, delle capacità e dell'esperienza del mio corpo nel salire i 14 Ottomila mi hanno permesso di stare al passo con il resto dei membri del team e continuare a guidare.

Lavoro fatto. K2 impegnato in inverno senza ossigeno artificiale.

Sono molte le salite in cui gli alpinisti si vantano di essere arrivati ​​in vetta senza ossigeno. Ma hanno seguito i nostri percorsi preparati e hanno usato le corde fisse che avevamo preparato. Alcuni di questi protagonisti appartengono alla cerchia più intima della comunità alpinista. Allora cosa è giusto?

Personalmente, non è mai stato e ancora non è un grosso problema per me. Come ex membro di un'unità speciale britannica, ho fatto ogni genere di cose ma non ho fatto storie su quello che abbiamo fatto. È una scelta personale. La natura e le montagne sono lì per tutti.


Un podcast sull'ex membro di un'unità speciale britannica e l'alpinista di oggi Nirmal Purja.

Questo potrebbe interessarti

+++
Crediti: immagine di copertina Gelje Sherpa

Attuale

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.