K2: fortuna e sfortuna sulla seconda montagna più alta del mondo

Il K2 è stato scalato per la prima volta in inverno. Ma mentre gli alpinisti esultavano, uno dei loro colleghi è morto più a valle, che quella mattina era tornato indietro per prudenza.

Il messaggio di trionfo è arrivato tramite Instagram: "Ce l'abbiamo fatta!", Ha scritto Chhang Dawa Sherpa. Ieri, sabato, alle 16:58 locali, dieci nepalesi si trovavano in cima al K2. Avevano utilizzato una finestra di tempo favorevole e ottenuto ciò che molti avevano ritenuto impensabile il giorno prima. Chhang Dawa ha aggiunto: “È il K2 ed è inverno. Speriamo che tutti tornino al campo base in buona salute ". Poco dopo dovette diffondere la notizia della sua morte: lo spagnolo Sergi Mingote, che aveva deciso di non tentare la vetta all'ultimo momento, era precipitato in discesa. Un gruppo di soccorso potrebbe salvarlo solo morto.

In discesa è caduto lo spagnolo Sergi Mingote, che all'ultimo momento aveva saltato la vetta.

Gli alpinisti amano umanizzare le montagne a cui si avvicinano. La montagna chiama, controlla, dà per capire ... Oppure flette i muscoli. Così si potrebbe interpretare quanto accaduto la scorsa settimana, quando al K2 sono stati spazzati via i primi campi in quota della via abruzzese. Le tende e le loro preziose attrezzature - sacchi a pelo, indumenti di ricambio, utensili da cucina, bombole di ossigeno - sono state tutte sospinte dal vento mentre gli alpinisti erano di nuovo al campo base. Come se il K2 avesse scoperto una fastidiosa zanzara sulla sua spalla e l'avesse spazzata via.

nordvpn_display

Le tende con la loro preziosa attrezzatura: tutto al vento.

Essendo l'unico dei quattordici Ottomila, il K8000 ha resistito ostinatamente a una salita invernale. A 2 metri, è solo 8611 metri più profondo del Monte Everest, ma molto più difficile da scalare. A differenza dell'Everest, non ci sono quasi passaggi pianeggianti e non esiste nemmeno una via oggettivamente sicura. La salita più frequente conduce sulla cresta sud-est, il cosiddetto sperone abruzzese.

Il campo base al K2. (Immagine Lakpa Dendi Sherpa / Seven Summit Treks)

Dopo circa 3000 metri di difficile arrampicata, gli alpinisti raggiungono la spalla un po 'più piatta della montagna su fianchi di neve e ghiaccio intervallati da rocce. Il posto più pericoloso aspetta proprio alla fine, il cosiddetto «collo di bottiglia». L'unico modo per raggiungere la vetta è attraverso un ripido canale sotto un minaccioso ghiacciaio sospeso. Nel 2008, undici alpinisti sono morti a questo punto dopo una rottura del ghiaccio. Il K2 ha il secondo tasso di mortalità più alto dopo l'Annapurna: secondo le statistiche, la probabilità di non sopravvivere alla montagna è una su quattro.

Un clima disumano

Date le elevate difficoltà tecniche in arrampicata e le condizioni meteorologiche impegnative, non sorprende che sia passato così tanto tempo prima che la salita invernale del K2 avesse successo. È stato provato più volte dal 1987: sette squadre, principalmente russi e polacchi, che si sono fatti un nome come "guerrieri del ghiaccio" con le salite invernali, hanno fallito.

Sette squadre, per lo più russi e polacchi, che si sono fatti un nome come "guerrieri del ghiaccio" con le salite invernali, hanno fallito.

Nel 2003 il russo Denis Urubko e il polacco Marcin Kaczkan hanno raggiunto i 7650 metri. Nessuno è arrivato più in alto fino a quest'anno. In vetta sono previste temperature di meno 40 gradi. A seconda del tempo, il K2 tocca la corrente a getto, il che porta a turbolenze che possono essere avvertite come forti venti profondi nei fianchi. Poi ci sono valanghe che si sciolgono in alto.

Mentre gli 8000 sono invasi in primavera e in estate, c'è calma in inverno: le spedizioni si svolgono su piccola scala, non ci sono pendii prefissati sherpa per la vetta, gli alpinisti sono in gran parte responsabili di se stessi. Nonostante le circostanze molto più difficili, l'ossigeno in bottiglia è stato dispensato durante tutte le prime salite invernali ad eccezione del Monte Everest. Lo "stile pulito" è una legge non scritta.

Nonostante le circostanze molto più difficili, l'ossigeno in bottiglia è stato dispensato durante tutte le prime salite invernali ad eccezione del Monte Everest.

Quest'anno il campo base ai piedi del K2 è affollato da una sessantina di persone: una corsa sorprendente del tipo che è stato conosciuto qui solo nella stagione estiva. “Da un lato, è ovviamente dovuto al fatto che la salita invernale del K2 è praticamente l'ultimo grande problema dell'alpinismo a 8000m che deve essere risolto. Chi lo gestisce entrerà nei libri di storia ”, ha detto la scorsa settimana Stefan Nestler, giornalista e alpinista che segue da vicino l'alpinismo d'alta quota da più di vent'anni. Non è un caso che sulla montagna siano presenti due squadre nepalesi. “L'alpinismo fa parte dell'orgoglio nazionale del Nepal, e c'è un difetto che i nepalesi in realtà non hanno avuto alcun ruolo nelle precedenti salite invernali degli altri tredici ottomila. Il K8000 è l'ultima possibilità per correggerlo ".

L'alpinismo d'alta quota fa parte dell'orgoglio nazionale del Nepal.

Stefano Nestler

La salita è stata celebrata di conseguenza in modo euforico. Questo è uno dei più grandi momenti della storia dell'alpinismo, ha annunciato la squadra sui social network. È grazie al buon lavoro di squadra e al fatto che la montagna si è dimostrata amichevole. "Se la montagna vuole, nessuno può fermarti", ha scritto Chhang Dawa. In serata è stato annunciato che tutti e dieci gli alpinisti erano arrivati ​​sani e salvi al Campo 3 a 7350 metri.

Di Rolf Zemp - CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=11386761
Big Sérac sopra la strettoia a circa 8300 metri. (Immagine Rolf Zemp - CC BY-SA 3.0)

Le migliori squadre nepalesi non erano la ragione principale per cui il campo base era pieno a dicembre come di solito in estate. Anche l'agenzia Seven Summit Treks (SST), il più grande fornitore nepalese di turismo alpinistico d'alta quota, si è trasferita nei quartieri con un gruppo di aspiranti al vertice. Una novità. Con la sua strategia di prezzo contenuto, l'azienda conduce ogni anno circa 500 clienti sulle varie vette di 8000 metri e altri 1200 su montagne più profonde o tour di trekking. Questo rende SST la più grande azienda del Nepal, l'agenzia crea 2000 posti di lavoro.

Questo rende Seven Summit Treks la più grande azienda del Nepal, l'agenzia crea 2000 posti di lavoro.

La SST è considerata il contribuente più importante del Nepal oltre ad essere influente. I fondatori sono sherpa che un tempo lavoravano essi stessi come portatori, due di loro, Mingma e Chhang Dawa Sherpa, hanno ora scalato tutti i quattordici ottomila. Non nascondono il loro modello di business: l'alta montagna dovrebbe essere accessibile a prezzi bassi, si parla di democratizzazione delle montagne - ora anche in inverno. L'attuale spedizione al K8000 è stata messa in vendita sul sito alla stregua di un viaggio in pullman a Venezia: "Prenota questo viaggio". SST ha portato al campo base del K2 22 clienti, la cui esperienza e capacità variano notevolmente. Ci sono professionisti, ma anche alpinisti esperti per hobby. La svizzera Josette Vallotton ha cinque 2, gli altri zero.

Quando ho chiesto ai fondatori che avevano il più alto tasso di mortalità tra i fornitori commerciali, la risposta è stata: "Abbiamo anche il maggior numero di clienti".

Stefano Nestler

Date queste condizioni, il rischio che qualcuno avesse un incidente è stato grande sin dall'inizio. Alla domanda se l'azienda potesse permettersi questo danno alla propria immagine, Stefan Nestler ha risposto: “Non hanno già la migliore reputazione, eppure il modello di business funziona. Assumi una posizione piuttosto fatalista, nel senso di: siamo nel 21 ° secolo. Le persone sanno in cosa stanno entrando. Quando una volta ho chiesto ai fondatori che avevano il più alto tasso di mortalità tra i fornitori commerciali, la risposta è stata: ‹Abbiamo anche il maggior numero di clienti.› »

Impossibile senza ossigeno?

È ironico che Sergi Mingote tra tutte le persone abbia lasciato la sua vita al K2. Il 50enne spagnolo è stato ingaggiato dalla compagnia SST per guidare la loro spedizione, ha scalato il K2018 nell'estate del 2 ed era considerato un esperto di vette di 8000 m. Secondo il quotidiano “Marca”, voleva fare la salita invernale senza ossigeno. Quando la mattina del tentativo di vetta ha percepito che le sue forze non sarebbero state sufficienti, si è voltato. Ma non è mai arrivato al campo base. È discutibile se la spedizione SST verrà ora continuata.

È discutibile se la spedizione SST verrà ora continuata.

Poco prima della riuscita salita invernale, il giornalista specializzato Nestler ha affermato di ritenere realistico che una delle squadre nepalesi possa raggiungere la vetta. "Ma oso dubitare che andranno in vetta senza ossigeno, come è stato annunciato in alcuni casi". Stava affrontando un argomento molto dibattuto tra gli alpinisti estremi. Può la prima salita del K2 in inverno rompere con la tradizione dello stile pulito? Nel punto più settentrionale degli 8000, la pressione atmosferica è più bassa, quindi l'aria è ancora più rarefatta. Non è quindi chiaro se la saturazione di ossigeno sia sufficiente per salire senza bottiglia. Forse questo verrà chiarito quando i nepalesi annunceranno esattamente come sono saliti in cima al K2.

Il K2 è molto difficile da scalare. Non ci sono quasi passaggi pianeggianti e nessun percorso oggettivamente sicuro per la vetta alta 8611 metri.

Sergio Mingote
Lo spagnolo, scomparso sabato sul K2, era considerato un esperto sulle vette più alte. Nel 2001 è stato il primo a scalare in solitaria la parete nord dell'Everest. Mingote voleva conquistare tutti i 2019 ottomila entro 20 giorni senza ossigeno artificiale nel 14/1000, ma ha dovuto interrompere il progetto a causa di Corona. Questo è stato il motivo per cui si è iscritto alla fatale spedizione invernale sul K2.

Questo potrebbe interessarti

+++
Crediti: testo Dominik Osswald, foto di copertina Kuno Lechner CC BY-SA 3.0, Collo di bottiglia dell'immagine Rolf Zemp - CC BY-SA 3.0

Attuale

Storico: Prima libera di Riders on the Storm (1200m, 7c+)

Siebe Vanhee, Sean Villanueve, Nico Favresse e Drew Smith effettuano la prima salita in libera di Riders on the Storm.

Grande linea invernale ripetuta sulla parete nord del Triglav | Il canale dei sogni

Nel mese di gennaio diverse cordate hanno potuto scalare una delle grandi vie invernali slovene, il Dream Couloir sulla parete nord del Triglav.

Il Wild Collective Mountain Sports Festival entra nel secondo turno

L'1 e il 2 marzo il Wild Collective Mountain Sports Festival a Herisau, nell'Appenzello, giunge alla sua seconda edizione.

L'arrampicatrice professionista allena il padre 60enne al suo primo 7a+

Toccante storia di famiglia: la professionista dell'arrampicata Emily Harrington accompagna suo padre sulla sua prima via di 60a+ all'età di 7 anni.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Storico: Prima libera di Riders on the Storm (1200m, 7c+)

Siebe Vanhee, Sean Villanueve, Nico Favresse e Drew Smith effettuano la prima salita in libera di Riders on the Storm.

Grande linea invernale ripetuta sulla parete nord del Triglav | Il canale dei sogni

Nel mese di gennaio diverse cordate hanno potuto scalare una delle grandi vie invernali slovene, il Dream Couloir sulla parete nord del Triglav.

Il Wild Collective Mountain Sports Festival entra nel secondo turno

L'1 e il 2 marzo il Wild Collective Mountain Sports Festival a Herisau, nell'Appenzello, giunge alla sua seconda edizione.