Questi 4 grammi possono salvarti la vita: riflettore Recco

Conosci questi piccoli piatti cuciti nella tua attrezzatura invernale? In caso contrario, dai un'occhiata più da vicino, molto probabilmente troverai una piccola protuberanza da qualche parte sulla giacca o sui pantaloni, etichettata "Recco". Dietro c'è un piccolo riflettore: ti mostreremo di cosa si tratta.

Un contributo di Fabian Reichle - Bächli Bergsport

Tutto inizia con una storia tragica: lo svedese Magnus Grandheld ne perde uno nel 1973 valanga un amico. I cani e il sondaggio impiegano troppo tempo, mira a sviluppare un metodo di ricerca più veloce. Nasce l'idea della tecnologia Recco.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Il primo sistema è stato introdotto nel 1983 e l'azienda di Recco è nata.

L'idea di Grandheld è tanto semplice quanto geniale. Gli alpinisti dovrebbero indossare un catarifrangente e i ricercatori possono utilizzare un rilevatore per localizzare le persone sepolte dalle valanghe e le persone scomparse.

Complemento anziché concorrenza

L'idea di rintracciare le vittime delle valanghe con ausili elettronici non era una novità all'epoca. Il Barryvox di Mammut è stato il primo ricetrasmettitore da valanga ad arrivare sul mercato nel 1974. È qui che entra in gioco un punto importante.

Il sistema Recco è quello opposto LVS primitivo e i rilevatori sono di proprietà esclusiva dei soccorritori alpini ufficiali. Perché una tecnologia che all'epoca era già obsoleta e che può essere utilizzata solo da professionisti dovrebbe offrire sicurezza? Si sente la domanda ancora e ancora, rispetto alle profezie di sventura Rico non sono rari. Sbagliato, perché il sistema ha i suoi vantaggi.

La visione di Recco è sempre stata quella di offrire una tecnologia complementare che, insieme alla comune attrezzatura da valanga, porti con sé un ulteriore fattore di sicurezza.

Prima di tutto, bisogna capire che Recco non è mai stato sviluppato come un sostituto o addirittura un concorrente dell'LVS. La visione alla base di questo è sempre stata quella di offrire una tecnologia complementare che, insieme alla comune attrezzatura da valanga, porta con sé un ulteriore fattore di sicurezza. Ma Recco non si concentra solo sulla quasi appendice alla dotazione di serie. Ci sono alcuni buoni motivi per portare con te quei piccoli riflettori.

Semplice: estate e inverno

Un vantaggio è la semplicità di Recco. Il riflettore non è più grande di un cerotto, pesa solo pochi grammi e non necessita di batterie. Quindi non deve essere acceso, non perde mai la potenza del segnale e non richiede alcuna manutenzione.

Poiché è anche saldamente integrato nella tua attrezzatura personale, è impossibile dimenticarlo e la possibilità di perderlo in un incidente è trascurabile. I riflettori sono disponibili anche separatamente e possono essere fissati a uno zaino, un casco o una cintura. Quindi, se hai vestiti senza riflettore integrato, può aggiornare di conseguenza.

Il sistema ottiene punteggi con un raggio di ricerca enormemente elevato.
Il sistema ottiene punteggi con un raggio di ricerca enormemente elevato.

Raggio di ricerca elevato

Un altro fattore è il raggio di ricerca. I moderni rilevatori Recco sono montati sugli elicotteri, tra le altre cose. Ciò consente un immenso cono di ricerca che può essere pilotato rapidamente. Questo è un vantaggio, soprattutto nelle regioni alpine di difficile accesso a piedi. Il che ci porta alla vera ragione dell'operazione: l'incidente stesso.

Un immenso cono di ricerca può essere volato rapidamente, soprattutto nelle regioni alpine di difficile accesso a piedi.

Un ricetrasmettitore da valanga può salvare vite umane. Ma cosa succede se coloro che sono stati sepolti o che stavano cercando non indossassero un ricetrasmettitore da valanga? Non stiamo parlando di tourer consapevoli, ma di vittime che altrimenti rimarrebbero colte da valanghe. Questo può accadere anche su piste battute, come purtroppo è accaduto più volte negli ultimi anni. In questi casi, Recco è l'unico strumento tracciabile.

La maggior parte degli incidenti avviene in estate

Anche altre stagioni sono pericolose. La maggior parte degli incidenti in montagna si verifica nei mesi estivi: anche qui può essere fondamentale trovarsi rapidamente su terreni difficili.

Il riflettore Recco stesso è tecnicamente estremamente semplice e quindi così ingegnoso.

Sfortunatamente, ci sono molte situazioni pericolose: un fronte di maltempo durante l'alpinismo con conseguente ipotermia pericolosa, un infortunio su terreni accidentati senza ricezione del telefono cellulare. In tali situazioni ogni alpinista è felice di essere salvato rapidamente.

Il riflettore Recco stesso è tecnicamente estremamente semplice e quindi così ingegnoso. Ha quindi senso prestare attenzione al piatto piccolo quando si acquista un'attrezzatura per sport di montagna o da aggiungere alla propria attrezzatura, perché può salvare vite umane.

Questo potrebbe interessarti

A proposito di sport di montagna Bächli

Bächli sport di montagna è il principale negozio specializzato in Svizzera per arrampicata, alpinismo, spedizioni, escursioni, sci alpinismo e ciaspolate. Nelle attuali sedi 13 in Svizzera, Bächli Bergsport offre ai suoi clienti una consulenza competente e un servizio di alta qualità. Pubblicato su LACRUX Bächli sport di montagna a intervalli regolari contributi entusiasmanti ai temi arrampicata, bouldering e alpinismo.

+++
Crediti: immagine e testo Bächli Bergsport

Attuale

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.