Rapporto di esperienza: Roger Schäli e Jonas Schild in Patagonia

Nel febbraio 2020, i due alpinisti professionisti Roger Schäli e Jonas Schild si recarono in Patagonia. Durante il loro soggiorno sono state scalate quattro cime. Roger Schäli riferisce del successo del viaggio in Patagonia qui sotto.

Un rapporto sull'esperienza di Jonas Schild

Per l'ottava volta ho viaggiato con te alla fine di gennaio Scudo di Jonas da El Chalten in Patagonia, La zona con il suo tempo burrascoso, le sue maestose cime di granito Fitz Roy , Cerro Torre, è uno dei posti più belli del mondo per me e mi affascina magicamente.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Nell'ottobre 2002, da ragazzo, ho ricevuto ringraziamenti Stephan Siegrist, la prima volta a scalare in Patagonia. L'obiettivo è stato fissato con una passeggiata sul Maestri / Egger al Cerro Torre. Nonostante il nostro team di quattro persone competente e versatile con Ralf Weber e Alex Huber, siamo finalmente riusciti "solo" a scalare Cerro Standhardt.

Un must per i due svizzeri: un pacchetto di fonduta!

Prima possibilità poco dopo l'arrivo in Patagonia

Anche Jonas e io avevamo in mente obiettivi chiari, ma sapevamo anche delle difficili condizioni meteorologiche nel sud dell'Argentina. Quindi è successo che fino al nostro arrivo alla fine di gennaio, il tempo era praticamente cattivo e non è stato possibile intraprendere tour importanti.

Immediatamente dopo il nostro arrivo a El Chalten, ci hanno dato una prima finestra meteorologica di un giorno. Un po 'stanchi ma pieni di motivazione, abbiamo iniziato la nostra prima avventura insieme. Sapevamo che le condizioni non sarebbero state buone dopo così tante piogge. Durante la marcia per Laguna Sucia stavamo già piovendo per la prima volta e abbiamo bivaccato più in basso del previsto.

Opzioni limitate a causa delle condizioni

Dopo una breve notte ci siamo diretti verso Campo Suiza, sul lato est dell'Aguja de l'S. Prima di tutto volevamo controllare da vicino le condizioni prima di decidere un itinerario. La neve incollata e le temperature relativamente calde lasciavano poco spazio alle manovre. Alla fine abbiamo scalato l'Austriaca sull'Aguja de l'S. Un giorno dopo l'arrivo eravamo già al primo vertice. Una delle piccole montagne della Patagonia, in queste condizioni, sicuramente da non sottovalutare.

Nella valle, siamo riusciti a creare qualcosa e abituarci allo stile di vita Chalten. Incontrare amici, bere caffè, mangiare Assados, conversare bene, fare boulder e molto importante: controllo del tempo. Tutte queste belle cose hanno reso relativamente sopportabile il maltempo quotidiano.

Speranza soddisfatta: finestra lunga e bel tempo

Anche prima della nostra partenza, alcuni modelli meteorologici hanno mostrato una maggiore probabilità di un clima ad alta pressione più lungo all'inizio di febbraio. Fortunatamente, questo è stato confermato. Poco dopo il nostro primo tour eravamo già di nuovo in viaggio con la prospettiva di XNUMX-XNUMX giorni di bel tempo. Un'eccezione per la Patagonia. Allo stesso tempo, sapevamo della neve del giorno precedente, quindi abbiamo aspettato un giorno.

Il primo giorno i 20 km sono andati in Campo Polacos di fronte al gruppo Torre. I tre giorni seguenti abbiamo attraversato le tre cime Aguja de l'S, Aguja Saint-Exupéry e Aguja Rafael. A Saint-Exupéry abbiamo dovuto passare alla parete nord-ovest, poiché sul lato dell'ombra c'era ancora troppa neve fresca e faceva molto freddo. Sono stati tre giorni incredibili con grandi scalate, bellissimi bivacchi e discese selvagge. Sfortunatamente faceva molto freddo e la grande quantità di neve ha fatto rapidi progressi in questa esposizione a volte impossibile. Questo è stato anche il motivo per cui abbiamo deciso di non entrare nella possente parete sud del Poincenot in queste condizioni.

Meritata pausa a El Chalten

Dopo cinque giorni in montagna siamo stati felici a Chalten con una doccia calda, buon cibo e qualche giorno di maltempo per rilassarci. Dopo una finestra del tempo così straordinaria, non eravamo sicuri che avremmo avuto un'altra possibilità per un'altra finestra del bel tempo. Ma siamo stati fortunati e è stata prevista un'altra situazione di alta pressione. Ciò significava; Pianifica di nuovo e spera di scegliere il tour giusto alla giusta esposizione e altezza. Rispetto all'ultima volta, sono state annunciate temperature più calde, ma c'era molta neve nei giorni precedenti.

Nuovo tour a Torre Egger in vista

Così abbiamo deciso di provare una nuova linea sulla parete est di Torre Egger, che riceve molto sole ed è anche un po 'più protetta dal vento. Ma quando ci siamo fermati sotto il muro il primo giorno, abbiamo dovuto accettare che il lato est ha ottenuto molta più neve rispetto all'ultima volta e che il nostro progetto reale non è possibile. A breve termine, l'umore era cattivo. Durante la discesa abbiamo visto che il lato ovest del gruppo Fitz Roy sembrava significativamente più secco questa volta. A temperature calde, arrampicarsi all'ombra è sicuramente più piacevole. Quindi abbiamo deciso di continuare a guidare l'ultima volta che abbiamo iniziato a attraversare.

Disseta la tua sete con acqua sciolta.

Continuazione del superamento come piano B

Il mattino seguente entrammo nel Fonrouge Rosasco, lungo 900 metri, nella parete sud del Poincenot. Dopo i primi 100 metri arrivammo a un incrocio con una cascata che la percorreva. Ottima doccia mattutina! Con una testa fredda continuò in un terreno confuso. In parte attraverso i caminetti classici, in parte schegge perfette. La sezione di muro più ripida nella parte superiore aveva molta neve negli incroci, che abbiamo dovuto evitare in scomoda arrampicata su rocce fragili, il che ha reso il tutto molto più impegnativo e più lento. La parte superiore ha condotto in moderata arrampicata sulla classica via Whillans-Cochrane, attraverso la quale abbiamo raggiunto la vetta in due lunghezze contemporaneamente scalate.

Soddisfa la tua fame con cibo abbondante e una birra fresca!

Fino all'anca nella neve fradicia

Che sensazione di poter godere il tramonto su questo ago, con vista sul ghiaccio interno, il gruppo Torre, il Fitzroy e El Chalten. Discesa in corda doppia di notte, oltre la rampa Whillans è andato abbastanza rapidamente. La discesa sul ghiacciaio fino a Languna de los Tres era tutt'altro che piacevole; Abbiamo affondato costantemente fino alla cintola nella neve fradicia. Fu infine annunciata una marcia di 10 km verso Chalten, dove ci godemmo una raffinata cotoletta esattamente 24 ore dopo l'imbarco. Non alle 7 del mattino, ovviamente.

"Sono davvero felice di essere riuscito ora a salire su tutte le vette del Fitz Roy e delle tre cime del Torre!"

Roger Schäli

Nel complesso, siamo stati benissimo a El Chalten. Sfortunatamente, le condizioni non consentivano ciò che intendevamo realmente, ma dal nostro punto di vista, ne abbiamo tratto il meglio e siamo ben preparati a tornare l'anno prossimo. Grazie alle quattro cime che Jonas ho scalato in questa stagione, sono stato in grado di contare su tutti i miei viaggi, nel frattempo in piedi su tutte e otto le Fitz Roy e le tre cime della Torre (anche il Cerro Torre due volte), di cui sono molto contento. Tuttavia, mi sono reso conto che le grandi cime della Patagonia sono talvolta più facili da scalare attraverso le rotte classiche rispetto alle vette "più piccole" come Aguja Saint-Exupéry e Aguja Rafael, che Jonas e io abbiamo scalato quest'anno. O che dopo alcuni percorsi classici di successo sarà anche molto più difficile realizzare sogni nuovi e molto complessi in Patagonia.

"Ho sottovalutato le piccole vette."

Scudo di Jonas

Ad essere sincero, ho un po 'sottovalutato queste "piccole" vette e nel nostro caso è stato anche il caso che Jonas, con molta meno "esperienza in Patagonia", abbia dato un contributo significativo al nostro successo grazie alla sua rispettosa e ben preparata pianificazione del tour. Quindi un grande complimento al giovane alpinista e amico!

Oltre all'arrampicata e all'alpinismo, è stato un viaggio meraviglioso. Siamo stati in grado di fare molti nuovi amici, incontrare di nuovo vecchi amici. Ci siamo goduti il ​​tempo in questo ambiente motivante e forte. In particolare, vorremmo ringraziare Rolando Garibotti, che ci ha fornito un supporto incredibile con informazioni importanti e previsioni del tempo. Oltre all'arrampicata, è stato enormemente arricchente conversare su Dio e sul mondo con lui, come con molti altri, che per me sono ricordi preziosi come le esperienze sulla montagna.

+++
Crediti: immagine e testo Scudo di Jonas / Roger Schäli

Questo potrebbe interessarti

Attuale

Melissa Le Nevé è la prima donna a salire The Dagger (8B+)

Un anno e mezzo dopo la salita, Melissa Le Nevé ha annunciato la prima salita femminile del boulder 8B+ The Dagger.

La Crème de la crème lotta per il titolo di campione svizzero di boulder

Questo sabato i migliori scalatori svizzeri si batteranno per il titolo di campionato boulder nel Quadrel Boulder.

Potenza femminile ad Annot: Soline Kentzel sale la via trad Le Voyage (E10, 7a)

La giovane francese Soline Kentzel si è assicurata la quarta salita femminile della dura via trad Le Voyage (E10, 7a).

Martin Feistl ha avuto un incidente mortale

Sabato scorso il grande alpinista tedesco Martin Feistl è rimasto vittima di un incidente mortale sulla parete sud dello Scharnitzspitze.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Melissa Le Nevé è la prima donna a salire The Dagger (8B+)

Un anno e mezzo dopo la salita, Melissa Le Nevé ha annunciato la prima salita femminile del boulder 8B+ The Dagger.

La Crème de la crème lotta per il titolo di campione svizzero di boulder

Questo sabato i migliori scalatori svizzeri si batteranno per il titolo di campionato boulder nel Quadrel Boulder.

Potenza femminile ad Annot: Soline Kentzel sale la via trad Le Voyage (E10, 7a)

La giovane francese Soline Kentzel si è assicurata la quarta salita femminile della dura via trad Le Voyage (E10, 7a).
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood