Record di velocità nell'alpinismo: perché, perché, perché?

Nell'ebbrezza della velocità a tempi record. Perché lo fai? Quanto sono alti i rischi e come possono essere limitati? Christian Penning ha parlato con quattro alpinisti del tema della velocità.

Di Christian Penning - Pubblicato per la prima volta sulla rivista specializzata bergundstieg

Daniel Arnold, 36 anni

  • Alpinista estremo, guida alpina
  • Residente a Bürglen (Svizzera)
  • Free-Solo-Speed ​​Große Zinne, parete nord: 46:30 min
  • Grandes Jorasses, parete nord: 2:04 h
  • parete nord dell'Eiger: 2:28 h
  • Cervino parete nord: 1:46 h

“Da un punto di vista razionale, le salite in velocità sono completamente prive di significato, proprio come l'arrampicata in generale. Non abbiamo bisogno di nessuno di questi per vivere. Ma l'uomo è anche un homo Ludens. Un essere che sviluppa le sue abilità attraverso il gioco. I progetti di velocità sono una forma di alpinismo.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

La mia preoccupazione principale è quella di ottimizzare i processi dell'alpinismo tradizionale in automatismi. Per i non addetti ai lavori, potrebbe sembrare una corsa sfrenata attraverso la parete nord dell'Eiger in due ore e mezza. Dipende infatti dal rapporto tra il livello oggettivo di difficoltà da un lato e fattori personali quali esperienza, capacità, forma fisica e preparazione dall'altro.

Dani Arnold con il suo record di velocità in free solo sul Großer Zinne. Foto: Franz Hinterbrandner
Dani Arnold con il suo record di velocità in free solo sul Großer Zinne. (Foto Franz Hinterbrandner)

Per padroneggiare i progetti di velocità in sicurezza, devi essere tecnicamente abbastanza bravo da rendere il percorso relativamente facile per te. A seconda della difficoltà tecnica, dell'esposizione del percorso, delle condizioni fisiche e mentali, la velocità diventa da un certo punto un rischio. Ma direi che non sono mai arrivato a questo punto.

Più spesso salgo vie esposte non sicure, maggiore è la probabilità statistica che qualcosa vada storto.

Daniele Arnaldo

Nell'arrampicata in velocità è essenziale un'autovalutazione assolutamente realistica. Se stessi prendendo in giro me stesso, potrei presto morire.In sostanza, raramente guido estremamente duro e non provo nemmeno a battere i miei record di velocità. Perché più salgo vie esposte non sicure, maggiore è la probabilità statistica che qualcosa vada storto.

Ripercorro spesso punti chiave come la ginnastica molte volte nella mia testa per mesi, come durante la mia salita in free solo in velocità sul Großer Zinne. Prima del tour, controllo se le condizioni sono corrette al 100%. Lascio aperta fino all'ultimo momento l'opzione del “no”. Anche se questo deluderebbe fotografi o sponsor.

Rimane ancora un certo rischio residuo. Ma credo che per i sogni e quella sensazione di totale libertà valga la pena correre un certo rischio. Non tutto nella vita deve avere un senso".


Mayan Smith-Gobat, 40 anni

Mayan Smith-Gobat, 40 anni
  • Scalatore di livello mondiale, Nuova Zelanda / Plankenfels (Franconia)
  • Record di velocità femminile “The Nose” El Capitan (con Libby Sauter): 4:43 h
  • Record di velocità mista “The Nose” El Capitan (con Sean Leary): 3:29 h
  • Collegamento Half Dome - Naso (con Chantel Astorga): 20:09 h

“È stato solo un breve momento mentre mi allenavo con il mio compagno di cordata Sean Leary per il record di velocità mista sulla parete di 1000 metri “The Nose” su El Capitan. Abbiamo scalato la corda contemporaneamente, con solo poche soste tra di noi. Sean è scivolato ma è riuscito a riprendersi. Se non fosse riuscito a farlo, lo sarebbe stato. Per lui, ma anche per me. Non avrei potuto tenerlo libero sulla corda. Ero consapevole delle possibili conseguenze. Ma avevo fiducia nel mio compagno di cordata e per me valeva la pena rischiare. Almeno allora. Pensavo che la struttura in cui mi muovevo fosse relativamente sicura. Oggi la vedo diversamente: in realtà nulla era certo.

Sean è scivolato ma è riuscito a riprendersi. Se non fosse riuscito a farlo, lo sarebbe stato. Per lui, ma anche per me.

Smith-Gobat di Maya

Sono poche le donne che arrampicano nello stile della velocità alpina. Le donne nella nostra società sono socializzate più cautamente delle madri premurose e attente. Questo è più profondo dentro di noi di quanto vogliamo percepire. Probabilmente ero un'eccezione. Come mai? Ero troppo curioso, volevo sapere almeno approssimativamente come si sentono i dischi di Alex Honnold o Dean Potter. Anche se ero lontano dai loro tempi.

Mayan Smith-Gobat nel portaledge a Torres Central, Patagonia. (Foto Thomas Senf / Franz Walter)
Mayan Smith-Gobat nel portaledge a Torres Central, Patagonia. (Foto Thomas Senf / Franz Walter)

E, sì, volevo anche soddisfare il mio istinto di autoespressione. Da bambino ero molto timido e avevo poca fiducia in me stesso. Attraverso il mio successo nell'arrampicata ho acquisito forza interiore e la sensazione di "valere" qualcosa. Dopo il record di velocità femminile nel 2015, lo sapevo: si può fare ancora più velocemente. Come molti altri scalatori, ero guidato. Nel frattempo ho detto addio all'arrampicata estrema passo dopo passo. La morte di diversi amici arrampicatori me lo ha dimostrato: faccio solo finta di avere tutto sotto controllo. Ridurre le mie ambizioni era ed è una sfida.

Come molti altri scalatori, ero guidato.

Cerco di divertirmi con progetti di arrampicata meno impegnativi. Nuovi obiettivi mi aiutano in questo. Negli ultimi anni mi sono dedicato ad una seconda passione con la stessa energia che usavo in arrampicata. Ho costruito un allevamento di cavalli. In retrospettiva, i miei anni di velocità rimangono esperienze meravigliose, ho imparato molto. Ma dal punto di vista di oggi non voglio più fare una cosa del genere perché altre cose sono più importanti per me".


Andreas Steindl, 31 anni

Andy Steindl_Record Dufour
  • Scialpinisti e trail runner di livello mondiale, guide alpine, Zermatt (Svizzera)
  • Lago Maggiore - Punta Dufour, 98 km / 4795 m dislivello: 8:10 h
  • Zermatt - Cervino - Zermatt: 3:59:52 h
  • Quattro creste del Cervino (con Francois Cazzanelli): 16:04
  • Spaghetti tour (con Ueli Steck), 17 quattromila tra il rifugio Monte Rosa e il Kleines Matterhorn: 14:35 h

“Certo, ci possono essere incidenti con progetti di velocità su terreni esposti. Naturalmente, si può mettere in discussione il significato e la funzione di modello di ruolo di tali azioni. Proprio come puoi metterlo in dubbio, correndo in tondo con auto dannatamente veloci. Ma vedo anche i progetti di velocità come uno sviluppo chiaro e logico nell'alpinismo.

Sono state scalate tutte le vette rilevanti e le vie più sensate della regione alpina. Tuttavia, l'essere umano rimane uno scopritore. Con attrezzature moderne e leggere possiamo viaggiare molto più velocemente. Questo crea nuovi sogni e obiettivi personali. Voglio crescere ulteriormente anche dal punto di vista sportivo. Come guida alpina, questo a volte mi mette in difficoltà. Da un lato, funzione di responsabilità e modello di ruolo. Dall'altra la sfida sportiva e atletica che mi attira.

Andy Steindl sul suo disco Lago Maggiore - Dufourspitze. (Foto Luca Rolli)
Andy Steindl sul suo disco Lago Maggiore - Dufourspitze. (Foto Luca Rolli)

Gli incidenti sono generalmente dovuti a negligenza o errori di valutazione. La base deve quindi essere una valutazione realistica delle proprie capacità. Ho bisogno di sapere esattamente dove è il limite a dove posso rimanere concentrato. C'è molta preparazione dietro i record di velocità: anni, decenni. Sono stato sul Cervino 80 volte, conosco ogni passo, conosco ogni pietra che tiene. Questo è essenziale per la sopravvivenza: in discesa devo decidere in millisecondi come mettere il piede correttamente.

C'è molta preparazione dietro i record di velocità: anni, decenni.

Andreas Steindl

Certo, come guida alpina, sono più cauto e più lento con gli ospiti. Ma ricevo anche sempre più richieste dai miei clienti per lunghi tour che devono essere molto veloci. Le persone stanno diventando più in forma. Per molti oggi l'alpinismo classico non basta più. Perché anche? Dovremmo scalare di nuovo le montagne con le scarpe chiodate? La ricerca di nuove sfide è nella natura umana. In futuro, anche con tentativi di record, diventerà sempre più difficile farne uno migliore - e ad un certo punto sarà anche più rischioso».


Toni Palzer, 27 anni

Immagine Lorenz Richard / Red Bull Content Pool
  • Scialpinisti e trail runner di livello mondiale, Ramsau vicino a Berchtesgaden (Germania)
  • Traversata Watzmann (2300 m dislivello / 23 km): 2:47 h
  • Prime posizioni nelle gare alpine di montagna come il Großglockner Berglauf, Drei Zinnen Alpine Run
  • Scialpinismo di classe mondiale, membro della squadra nazionale tedesca

    Immagine Lorenz Richard / Red Bull Content Pool

“L'esperienza e la preparazione sono la chiave non solo per essere veloci ma anche il più sicuri possibile. A mio parere, il rischio sembra maggiore agli estranei di quanto non sia in realtà. La possibilità di essere sorpresi da un temporale sul Watzmann è notevolmente inferiore con una corsa di tre ore al mattino rispetto a quando sono fuori per un giorno o due. Posso quindi ridurre al minimo la mia attrezzatura di conseguenza, ma solo allora. Certo, c'è ancora un rischio residuo. Perché qui non giochiamo a golf oa tennis.

Toni Palzer attraversa il Watzmann. (Foto di Philipp Reiter)
Toni Palzer attraversa il Watzmann. (Foto di Philipp Reiter)

Negli sport di montagna dobbiamo fare i conti anche con una possibile morte. Per evitarlo, è importante rimanere sempre concentrati. Questo è ancora più facile per me a velocità più elevate su terreni impegnativi. Sono in un flusso di attenzione. Se faccio solo una passeggiata tranquilla, sono meno concentrato. Quindi non dovresti essere troppo o sotto-sfidato. Le aree chiave sono passaggi esposti e ripidi. Non perdonano gli errori, soprattutto quando si tratta di una discesa veloce. Ecco perché un piano B mi corre sempre in testa allo stesso tempo: cosa faccio se sbaglio? Dove altro posso prendere una caduta? La paura è un indicatore importante qui. Se dovessi nasconderli, sarebbe un male per la mia aspettativa di vita.

È importante rimanere sempre concentrati. Questo è ancora più facile per me a velocità più elevate su terreni impegnativi. Sono in un flusso di attenzione.

Tony Palzer

La mia voce interiore è un segnale importante per un'azione ponderata, sia che mi stia consigliando di pentirmi o di arrendermi. È legittimo che gli alpinisti tradizionali ci critichino ripetutamente per i progetti di velocità. Ma penso che progetti del genere facciano anche parte della storia dell'alpinismo. Siamo cattivi modelli con questo? Come sciatore medio, non cado su una discesa ghiacciata come la “Streif” a 150 km/h.

La responsabilità per se stessi e per gli altri ne fa parte tanto quanto una sana autovalutazione. Personalmente, non ho bisogno del pieno rischio ogni giorno. Il solo fatto di potersi muovere in montagna è abbastanza fortunato". 


Informazioni sulla rivista bergundstieg

Bergundstieg è una rivista internazionale per la sicurezza e il rischio negli sport di montagna e illumina i temi dell'attrezzatura, del soccorso alpino, della tecnologia delle funi, degli incidenti e della conoscenza delle valanghe. Bergundstieg è pubblicato dalle associazioni alpine dell'Austria (PES), Germania (DAV), Alto Adige (AVS) e Svizzera (BORSE).


+++
Crediti: questo articolo è apparso per la prima volta sulla rivista alpinismo.

Attuale

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Black Diamond ricorda i ramponi Neve Strap

Black Diamond Equipment richiama i ramponi Neve Strap (versione verde 2024) e i relativi accessori/ricambi. 

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood