Via di arrampicata più difficile negli USA: Seb Bouin sale Suprême Jumbo Love (9b +)

Il climber professionista francese Seb Bouin sale un vecchio progetto di Chris Sharma a Clark Mountain. La via chiamata Suprême Jumbo Love è la via più difficile del Nord America con una difficoltà di 9b+.

Seb Bouin è inarrestabile. Poco più di una settimana fa, ha gestito l'Endurance Hammer Jumbo Love (9b) da ripetere a Clark Mountain (Lacrux segnalato). Adesso lo raddoppia con l'ancor più difficile variante diretta, che aggiunge alla linea altri 20 metri di dura arrampicata in nono grado francese. Battezza la sua prima salita Supremo amore gigante. Con un rating proposto di 9b+, rende la linea la via più difficile degli Stati Uniti.

«Non sarebbe potuta andare più perfettamente che concludere questo viaggio di arrampicata con l'inizio diretto di Jumbo Love.»

Seb Bouin
Seb Bouin con il visionario Randy Leavitt, che all'epoca perforò la via originale. Immagine: Clarisse Bompard
Seb Bouin con il visionario Randy Leavitt, che all'epoca perforò la via originale. Immagine: Clarisse Bombard

Suprême Jumbo Love: martello da 70 metri

20 metri in più di arrampicata davvero dura fino al vero punto chiave di Jumbo Love, rendono la variante diretta uno sforzo sostenuto. "E poi segue la seconda parte di Jumbo Love, che è fisicamente molto impegnativa e stimolante", dice Seb Bouin. Il clou della via sono stati gli ultimi metri di arrampicata su placca.

Suprême Jumbo Love è lungo circa 70 metri. Secondo la prima salita Bouin, la difficoltà principale è combinare tutto. Quindi il difficile 9a all'inizio, il passaggio chiave di Jumbo Love, l'estenuante uscita dallo strapiombo e il record finale.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Clarisse Bombard

Attuale

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.

“Un solido 9A”: Aidan Roberts su Arrival of the Birds

Aidan Roberts conferma 9A-Boulder. Come ha vissuto la salita di Arrival of the Birds e perché valuta la linea 9A.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.