Grande salita invernale sulla selvaggia parete nord: Gietl, Hinterberger e Wohlleben salgono Ultima Perla dal basso

Simon Gietl, Lukas Hinterberger e Michi Wohlleben completano la prima salita dal basso della linea di misto Ultima Perla. Dal 27 al 29 dicembre hanno scalato la complessa e imponente parete nord del Monte Agnèr. Per raggiungere la cascata di ghiaccio nella parte superiore della parete, i tre hanno salito la Messner/Holzer, una via che era stata salita solo una volta in inverno.

A fine novembre 2023 Nicola Bertoldo e Diego Dellai hanno fatto scalpore realizzando la spettacolare linea di gelati e misti di Monte Agnèr Ultima Perla prima commesso. Per raggiungere la formazione di ghiaccio mozzafiato, si sono calati dalla vetta. Quasi un mese dopo è la volta dei tre alpinisti e guide alpine Luca Hinterberger, Michi Wohlleben , Simon Gietl sono riuscito a percorrere la fila dal basso. Hanno trascorso tre giorni e due bivacchi esposti sulla ripida parete nord dell'Agnèr.

Se guardi la parete a 2000 metri di altezza dalla valle e vedi la cascata che svetta sopra, allora è relativamente impressionante e anche un po' spaventosa.

Michi Wohlleben
Ripida, esposta, complessa: la parete nord del Monte Agnèr. Immagine: Simon Gietl, Lukas Hinterberger e Michi Wohlleben
Ripida, esposta, complessa: la parete nord del Monte Agnèr.

Ricerca complessa del percorso, arrampicata persistentemente impegnativa

Il piano del forte trio proveniente da Svizzera, Germania e Alto Adige è stato deciso rapidamente: attraverso la via Messner/Holzer, percorsa prima in inverno, fino alla cascata di ghiaccio e poi attraverso l'Ultima Perla fino alla vetta del Monte Agnèr.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

La realizzazione di questo enorme progetto ha messo alla prova i tre alpinisti professionisti su livelli molto diversi. "Una delle maggiori difficoltà in un tour come questo è iniziare mentalmente", dice Michi Wohlleben. Se alzi lo sguardo dalla valle a 2000 metri e vedi la cascata che svetta sopra, è relativamente impressionante e anche un po' spaventosa.

Ciò che mi ha veramente sorpreso è stata la ripidezza della parete nord dell'Agnèr. Normalmente le pareti innevate spesso non sono così ripide come sembrano, ma ad Agnèr c'era neve anche sulle placche ripide a 70 gradi. 

Luca Hinterberger
Simon Gietl sulle ripide placche davanti a Ultima Perla. Immagine: Michi Wohlleben e Lukas Hinterberger
Simon Gietl sulle ripide placche prima dell'ingresso di Ultima Perla.

A ciò si aggiungeva la complessa ricerca del percorso sulla grande parete nord. "Abbiamo trovato un vecchio ostacolo a 800 metri nel Messner/Holzer", dice Simon Gietl. Michi Wohlleben aggiunge che in estate il percorso è relativamente facile da trovare perché è il percorso con meno resistenza. "Sul posto, l'inizio e la parte dopo la corda si sono rivelati piuttosto complicati. Abbiamo avuto un pasticcio, c'erano due opzioni, ho salito quella sbagliata, ma poi me ne sono accorto abbastanza rapidamente su un terreno molto brutto."

I tre alpinisti ricordano le placche prima di entrare nelle lunghezze di ghiaccio come molto impegnative – sia in termini di tecnologia di arrampicata che in termini di sicurezza. Una sfida mentale non solo per i principianti.

Gli spalti non erano particolarmente belli e la sicurezza era scarsa, quindi puoi immaginare cosa ti passa per la testa.

Michi Wohlleben

Una delle linee di ghiaccio più spettacolari delle Dolomiti

Le tre guide alpine potevano già vedere dal basso che la cascata di Ultima Perla si era notevolmente ridotta di spessore e aveva sofferto le calde temperature del periodo natalizio. Una valutazione che si è rivelata vera in partenza. "La parte più bassa della cascata non era più scalabile o era troppo pericolosa perché si era staccata e seccata", racconta Lukas Hinterberger. Superano quindi questo punto utilizzando un'arrampicata tecnica sul confine ghiaccio/roccia.

Dato che le temperature calde avevano messo a dura prova il ghiaccio, i primi due tiri erano molto più impegnativi di quanto avevano valutato i primi alpinisti.

Simon Gietl

Simon Gietl è entusiasta del fatto che il resto sia stato fantastico da scalare. «Questa linea di ghiaccio è sicuramente una delle più grandi e spettacolari delle Dolomiti.

Potente squadra di cordata

Le tre guide alpine e alpinisti professionisti erano per la prima volta sulla montagna con questa combinazione, ma si sono subito trovati bene. "Simon e io ci conoscevamo solo per sentito dire", dice Lukas Hinterberger. Con il modo calmo e motivante di Gietl, unito al suo fascino altoatesino, nulla sarebbe potuto andare storto. Oltre agli aspetti interpersonali, gli abitanti della Svizzera orientale sono rimasti colpiti anche dall'artigianato altoatesino.

«Simon trova i buoni posizionamenti in modo incredibilmente veloce. A volte colpiva la terra o la roccia tenera con il martello da qualche parte e trovava una clessidra per fissarlo.

Luca Hinterberger
Esposto e coccoloso: bivacco sulla parete nord dell'Agnèr. Immagine: Simon Gietl, Michi Wohlleben e Lukas Hinterberger
Esposto e coccoloso: bivacco sulla parete nord dell'Agnèr.

Anche Michi Wohlleben era di buon umore fin dall'inizio. «Mi trovo perfettamente d'accordo con Lukas e la traversata della merlatura ha funzionato bene con Simon. Cosa potrebbe andare storto?" Inoltre, il loro umorismo li ha aiutati durante le notti lunghe ed estremamente strette che sentivano di aver trascorso uno sopra l'altro.

Simon Gietl riassume così l’avventura sulla parete nord dell’Agnèr: “Salire i quasi 30 tiri del Messner/Holzer per arrivare alla cascata e dover bivaccare due volte è davvero unico.”

Non avrei potuto concludere l'anno in modo migliore che scalando una linea così unica in questo scenario meraviglioso.

Simon Gietl
Ultima Perla Ground Up: la via di Lukas Hinterberger, Simon Gietl e Michi Wohlleben attraverso la parete nord del Monte Agnèr.
Ultima Perla Ground Up: la via di Lukas Hinterberger, Simon Gietl e Michi Wohlleben attraverso la parete nord del Monte Agnèr.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: Foto di copertina e immagini nell'articolo Luca Hinterberger, Simon Gietl, Michi Wohlleben

Attuale

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.