Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Il grande alpinista russo Valeriy Babanov vuole scalare l'Everest questa primavera senza ossigeno artificiale. Se riuscisse nel suo progetto sulla montagna più alta del mondo, il 59enne sarebbe la persona più anziana a raggiungere la vetta in questo stile.

La guida alpina e alpinista russa Valeri Babanov Nella sua lunga carriera alpinistica ha scalato diversi Ottomila senza bombola di ossigeno, ha dominato salite estreme come lo spigolo nord-ovest dello Jannu (7710 m) in stile alpino ed è stato il primo a salire numerose vie. È stato premiato due volte con il Piolet d'Or per la prima salita del Meru Central e per la sua nuova via sul Nuptse East. Ora il veterano ha intenzione di stabilire un record Everest:

Ho 59 anni e ho intenzione di diventare l'alpinista più anziano a scalare il tetto del mondo senza ossigeno in bottiglia. Mi sono preparato a questo per tutta la vita.

Valeri Babanov
Valeriy Babanov si sta attualmente preparando per la scalata dell'Everest a Lobuche.
Valeriy Babanov si sta attualmente preparando per la scalata dell'Everest a Lobuche. Immagine: Valeriy Babanov

Spedizione sull'Everest: iniziato l'acclimatamento

Per la sua spedizione, Valeriy Babanov ha ottenuto il sostegno della rinomata agenzia Seven Summit Treks. Come annunciato di recente, il russo ha intenzione di scalare la montagna più alta del mondo attraverso la via normale del Colle Sud. Pochi giorni fa, in preparazione all'Everest, ha scalato il Lobuche, una vetta di 6000 metri nella valle del Khumbu, famosa per l'acclimatazione.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Valeriy Babanov: 40 anni di esperienza

A differenza di molti altri aspiranti all'Everest, Valeriy Babanov ha una vasta esperienza alpinistica. L'alpinista, che ora vive a Chamonix, ha scalato oltre 600 montagne in quattro decenni.

Si fermò otto volte sui settemila del Pamir e del Tien Shan. In un giorno si sono svolte due ascensioni ad alta velocità in stile "campo-a-campo": Korzhenevskaya Peak (7103 m) e Lenin Peak (7134 m).

Valeriy Babanov ha scalato sei ottomila, cinque dei quali senza ossigeno artificiale. “Inoltre”, racconta l’alpinista, “abbiamo scalato il Broad Peak e il Gasherbrum 1 utilizzando nuove vie”.

Inoltre, il libro degli itinerari del pluripremiato alpinista comprende circa 45 salite lunghe ed estremamente difficili nelle montagne del Pamir, nel Tien Shan, così come nelle Alpi, nello Yosemite, in Alaska e in Himalaya.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Valeri Babanov

Attuale

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno artificiale

Doppia salita di 8000 metri con stile: il polacco Piotr Krzyzowski scala il Lhotse e l'Everest senza ossigeno in bottiglia in meno di 48 ore.

Jonathan Siegrist con una dura prima salita: Anemology (9b)

Jonathan Siegrist apre la via 9b: il forte americano effettua la prima salita di Anemology nelle colline dello Utah.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood