L'everestizzazione raggiunge il K2

Per molto tempo il K2 è stato considerato troppo pericoloso per le spedizioni commerciali ed è stato quindi scalato solo da esperti alpinisti. Questo è cambiato radicalmente negli ultimi anni. Mentre 2021 alpinisti hanno raggiunto la vetta del K48 nel luglio 2, solo nello stesso mese di quest'anno sono state 145 persone in un giorno.

Centinaia di alpinisti, avvolti in spessi piumini, in piedi con le gambe piegate in una fila enorme, tali immagini erano note solo dal Monte Everest. Al più tardi dal 26 luglio 2022, è chiaro che anche il modello di business della montagna più alta del mondo sarà K2 muoviti in sosta. Con le relative conseguenze. In quel giorno record di fine luglio, si è formata la coda nella parte più pericolosa della montagna, il famigerato collo di bottiglia.

L'inversione di tendenza è arrivata più velocemente del previsto

Solo un anno fa, lo pensava l'esperto americano Alan Arnette improbabile che il K2 venga assediato dal turismo nella stessa misura dell'Everest. "In termini di requisiti, il K2 non è una montagna turistica e non lo sarà mai".

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Il K2 è stato meta di spedizioni commerciali sin dagli anni '90. "Ma in passato si trattava sempre di piccole squadre con pochi clienti", afferma l'esperto scalatore d'alta quota Ralf Djumovits.

"In termini di requisiti, il K2 non è una montagna turistica e non lo sarà mai".

Alan Arnette

Nuovo percorso previsto

Il record della vetta del 26 luglio e i numerosi fornitori di spedizioni che si posizionano sul K2 indicano che anche il turismo di massa ha raggiunto il K2. Sei autorizzato all'annuncio di Nimal Purja Che ci crediate o no, gli aspiranti al K2 possono presto aspettarsi un percorso nuovo e più sicuro.

nirmal-purja-nuovo-percorso-su-k2
Nirmal Purja, qui con 33 ospiti in montagna, vuole aprire una nuova via sul K2. Immagine: Nimal Purja

Secondo l'alpinista, quest'anno sulla via abruzzese erano circa 300 le persone. “Era molto pericoloso e inquietante. C'era una caduta di sassi ogni due minuti e alcuni erano enormi. Sfortunatamente, alcuni alpinisti hanno perso la vita nel processo». Ecco perché Nimsdai vuole stabilire una nuova rotta verso la seconda montagna più alta del mondo per portare i clienti in vetta senza ingorghi.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Mingma G

Attuale

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.