Charles Dubouloz: salita invernale in solitaria della parete nord delle Grandes Jorasses | Percorso Rolling Stones

L'alpinista francese Charles Dubouloz ha realizzato una spettacolare salita sulla parete nord delle Grandes Jorasses. È il primo a riuscire in inverno a salire l'impegnativa via di misto Rolling Stones attraverso la parete nord delle Grandes Jorasses - da solo.

Con la sua ultima impresa nel massiccio del Monte Bianco, Charles Dubouloz entrerà nella storia dell'alpinismo. Il francese ha trascorso un totale di sei giorni con temperature fino a meno 30 gradi e forti venti sulla parete alta più di 1 metri.

Sono appena arrivato a Courmayeur e ancora non riesco a crederci. Sognavo questa salita da molto, molto tempo.

Carlo Dubouloz
Le dita dei piedi e delle dita sono state gravemente colpite. (Foto Charles Dubouloz)
Le dita dei piedi e delle dita sono state gravemente colpite. (Foto Charles Dubouloz)

Ascensione invernale in solitaria della parete nord - assolutamente no

Anche se la parete nord delle Grandes Jorasses ha già sperimentato alcune ascensioni invernali di nomi illustri come Ueli Steck, Tom Ballard o Catherine Destivelle, nessuno ha osato arrampicare la parete da solo. Finora. Il francese ha trascorso sei giorni, cinque scomode notti in bivacco con 35 chilogrammi di bagaglio al seguito sulla rotta Rolling Stones, classificata ED, M8, A3+, 6a, WI5+.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Charles Dubouloz durante la sua impressionante salita in solitaria

Attraverso il percorso dei Rolling Stones

La via è stata aperta per la prima volta nell'estate del 1979 dalla cordata ceca Thomas Prochaska, Jroslav Rutil, Ludek Schlechta e Jiri Svejda. A causa del rischio di caduta massi, tra l'altro, la via veniva ripetuta raramente, almeno nei mesi estivi. I Rolling Stones hanno sperimentato la prima salita invernale nel febbraio 1984 da parte dei due francesi Benoît Grison ed Eric Grammond. La prima libera in inverno va al racconto degli alpinisti sloveni Luka Krajnc e Luka Lindič.

La via dei Rolling Stones sulla parete nord delle Grandes Jorasses. (Immagine: Cedric Perillot)
La via dei Rolling Stones sulla parete nord delle Grandes Jorasses. (Immagine: Cedric Perillot)

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++
Crediti: immagine di copertina Sebastien montaz

Attuale

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.

Brione per principianti: I boulder più belli fino al 7A

Brione è anche facile: oggi vi mostriamo dove si possono trovare bellissimi boulder di moderata intensità in Valle Verzasca.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Andare più in alto durante l'arrampicata: ecco come farlo

Salire più in alto durante l'arrampicata: l'esercizio dello yoga della rana allunga l'interno coscia con un effetto notevole.

Il veterano del Piolet d'Or progetta di registrare un record sull'Everest

Tentativo di record: il 59enne alpinista Valeriy Babanov intende diventare la persona più anziana a scalare l'Everest senza ossigeno artificiale.