La Cina batterà il record degli 8000 metri di Kristin Harila?

La norvegese Kristin Harila si è posta l'obiettivo di scalare tutti i 14 ottomila del mondo in una stagione. Ha già scalato undici vette, le ultime tre sono previste per questo autunno. Per poter battere il record di tempo di Nirmal Purja, tuttavia, dipende dai permessi dalla Cina.

Kristin Haril non solo vuole scalare tutti gli 8000 metri del mondo, vuole anche farlo a velocità record. Per il norvegese vale per il nepalese Nimal Purja da battere, che con 189 giorni ha impiegato meno tempo per scalare tutti e 14 gli ottomila. Completa i restanti tre picchi a 36 anni Manaslù, Cho oyu , Shishapangma prima del 2 novembre sarebbe diventata la nuova detentrice del record.

Permesso mancante dalla Cina

Dopo il Manaslu alto 8156 metri, nel progetto norvegese 14 Peaks sono rimaste due vette: Cho Oyo e Shishapangma. Entrambi confinano con la Cina e rendono il tentativo di record dipendente dall'approvazione della Cina. Il Cho Oyo può essere scalato dal Nepal e dal Tibet, ma per lo Shishapangma è obbligatorio un permesso cinese. Sfortunatamente, i loro sforzi non hanno avuto successo finora, cosa che Kristin Harila attribuisce in parte alle rigide restrizioni della corona.

La corsa disperata di Kristin Harila in cerca di aiuto sul traguardo

Bombola di ossigeno, alimentazione Sherpa ed elicottero

Nel suo tentativo di record, Kristin Harila tira fuori tutte le tappe che l'alpinismo moderno in alta quota ha da offrire. Usa l'ossigeno artificiale per le sue ascensioni, si affida a una squadra Sherpa molto forte e consolidata e usa voli in elicottero per spostarsi rapidamente da un campo base all'altro.

Una strategia che sembra funzionare: nella prima fase del loro progetto, Kristin Harila e il suo team sono riusciti a scalare i primi sei ottomila (Annapurna, Dhaulagiri, Kanchenjunga, Monte Everest, Lhotse , Makalu) in soli 29 giorni.

Per i cinque ottomila sul suolo pachistano (Nanga Parbat, K2, Ampio picco oltre Gasherbrum 1 e 2) hanno avuto bisogno di 41 giorni. Anche la sua valutazione delle difficoltà è interessante in questo senso. "Per me, nonostante la sua storia e i tassi di mortalità, il K2 è stato uno dei più facili in Pakistan", afferma Kristina Harila.

Ciò era dovuto principalmente al fatto che molte persone erano in giro per la montagna. “Molte persone significano che ci sono corde fisse per lunghi tratti e ci sono veri e propri sentieri e gradini. Ma molte persone aumentano anche il rischio di ingorghi e caduta di sassi”.

"Per me, nonostante la sua storia e i tassi di mortalità, il K2 è stato uno dei più facili in Pakistan".

Kristin Haril
Immagini come dall'Everest: innumerevoli alpinisti in fila per la vetta del K2. Immagine: Kristin Harila
Immagini come dall'Everest: innumerevoli alpinisti in fila per la vetta del K2. Immagine: Kristin Harila

Pericolo di ingorghi a Manaslu

Tuttavia, un gran numero di aspiranti alla vetta può portare rapidamente a ingorghi e tempi di attesa. Il norvegese aspetta molte persone al Manaslu a causa delle restrizioni Covid degli ultimi anni. “Ci aspettiamo di incontrare circa 400 alpinisti. Potrebbe essere una sfida poiché lo spazio al campo base è limitato e c'è il rischio di ingorghi". Di conseguenza, potrebbe essere che siano partiti prima della posa delle corde fisse.

“È bello ricominciare. Al Manaslu sarò supportato da diverse squadre, tra cui quella di Nimsdai Purja, che stenderà le corde fisse in vetta.»

Kristin Haril

Kristin Harila ha sperimentato in prima persona cosa significa su Nanga Parbat e Gasherbrum 1. «Devo dire che la più grande differenza e la più grande sfida di queste montagne è stata l'arrampicata senza corde fisse. È un tipo di arrampicata completamente diverso".

«Devo dire che la più grande differenza e la più grande sfida di queste montagne è stata l'arrampicata senza corde fisse. È un tipo di arrampicata completamente diverso".

Kristin Haril
Supporto chiave: in montagna, Kristin Harila può contare sugli esperti alpinisti Pasdawa Sherpa e Dawa Ongju Sherpa. Immagine: Kristin Harila
Supporto importante: in montagna, Kristin Harila può contare sugli 8000 metri di Pasdawa Sherpa e Dawa Ongju Sherpa. Immagine: Kristin Harila

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Non perderti nulla: ricevi la nostra newsletter

* obbligatorio
Interessen

+++

Crediti: immagine di copertina Kristin Haril

Attuale

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Livello successivo: ecco come superi il 7° grado

Andate avanti dove ci sono molti scalatori in coda: con questi consigli professionali potrete fare il salto fino al 7° grado.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.