Summer Challenge: le tre vie più difficili sulla parete nord slovena del Triglav

La parete nord del Triglav è la parete più famosa della Slovenia e per questo viene spesso definita LA parete delle Alpi Giulie. Il giovane alpinista e scalatore sloveno Bor Levičnik ha messo gli occhi su tre vie lunghe più difficili sulla parete nord in una stagione.

Una testimonianza di Bor Levičnik

Negli ultimi sette anni di alpinismo ho viaggiato molto, soprattutto durante l'estate. Per lo più ho tralasciato le destinazioni non lontane da casa mia. Ma perché in realtà?

Devo davvero viaggiare dall'altra parte del mondo quando vivo in Europa e ho un paradiso dell'arrampicata a portata di mano?

Bor Levičnik
L'ultima e più difficile sezione
Jernej Kruder nell'ultima e più dura sezione della via Korenina sulla parete nord del Triglav.

Ecco perché quest'estate ho deciso di visitare alcune destinazioni di arrampicata nella mia amata Slovenia per lavorare e scoprire alcuni angoli nascosti che ancora non avevo scoperto. Guardando indietro, posso dire con sicurezza: “È stata una grande idea”.

La parete nord del Triglav è alto 1000 metri e offre salite impegnative con protezione per lo più discutibile. Il Triglav è la montagna più alta della Slovenia, il simbolo della nazione e da decenni è il parco giochi di quasi tutti gli alpinisti sloveni.

La mia trilogia del Triglav

Avevo programmato di scalare le vie più difficili sulla parete nord del Triglav in una stagione. Per la prima volta ciò ha portato alla domanda su quale sia la via più difficile: è quella con il livello di difficoltà più alto, quella con la peggiore qualità della roccia e la peggiore protezione, o quella con la difficoltà sostenuta più alta?

Per poter sperimentare tutti i tipi di difficoltà sul Triglav, ho scelto tre percorsi che sono tra i più difficili nelle rispettive categorie.

Bor Levičnik

Sarebbe: Obraz Sfinge con la lunghezza di corda più difficile per arrampicarsi liberamente, Korenina con la massima serietà a causa della sicurezza minima, e Ulina Smer con il più alto livello di difficoltà persistente.

Obraz Sfinge (160m, IX+)

Ho iniziato la mia trilogia sul Triglav con la via Obraz Sfinge (Il volto della Sfinge), che ha il più alto livello di difficoltà e allo stesso tempo la migliore e più regolare protezione con ganci. La linea è piuttosto ricca di storia, poiché è stata l'ultima grande sfida nel 1966.

Ante Mahkota e Peter Ščetinin hanno realizzato la prima salita nell'arrampicata tecnica. Ciò ha reso realtà il sogno di molti dell’“Era del Ferro”. Circa 30 anni dopo, nel 1995, Gregor Kresal e Miha Kajzelj sono riusciti a liberarsi dall'iconico tetto, creando l'arrampicata in libera più difficile fino ad oggi su tutta la parete.

  • Kristof cerca la strada giusta.
  • Il tetto iconico di Obraz Sfinge
  • Resti dell'età del ferro.
  • Tratti di corda più facili ci portano in vetta.

Quasi 30 anni dopo, mi trovo sotto questo tetto iconico con Kristof Frelih e mi chiedo se ho la stoffa per arrampicarmi.

Nel primo tentativo sono riuscito a superare la lunghezza della corda, nel secondo tentativo sono riuscito a scalarla. Dato che è l'unico tiro difficile del tour, la nostra giornata è passata in fretta e nel pomeriggio ci siamo ritrovati a mangiare una pizza nel famoso Picerija Kot di Mojstrana.

Korenina (1000m, VIII)

Korenina è una via degna di ammirazione. Ad oggi ha visto solo tre repliche. Avevo molta paura di questa linea perché è nota per la sua scarsa qualità della roccia e la scarsa protezione.

Ci sono circa 1000 chiodi ogni 10 metri

Bor Levičnik

Questa linea, che rappresenta ancora oggi una sfida importante, è stata creata niente meno che da Francek Knez, che era molto in anticipo sui tempi.

Mi sto imbarcando in questa epica avventura di un giorno con Jernej Kruder. Questa linea è un ottimo esempio di salto generazionale, perché prima si scalava ovunque ci fosse una linea logica senza preoccuparsi troppo della qualità della roccia.

Oggi si scelgono vie nuove dove c'è buona roccia, e quindi le vie di nuova generazione sono solitamente più difficili, più belle da scalare e meglio attrezzate.

La Korenina non è difficile per gli standard odierni, ma la scarsa qualità della roccia e la protezione la rendono molto avventurosa e bisogna avere la mente calma.

Bor Levičnik

Ulina smer (1000m, IX)

L'ultima parte della nostra trilogia ci ha portato a Ulina smer, una linea che avevo in mente da anni. Nel 2011 la potente coppia slovena Tina di Batista e Tomaž Jakofčič ha aperto questa mega linea. Ci sono voluti diversi tentativi per attrezzarsi e percorrere il percorso. Dopo averla liberata in una spinta di 2 giorni, le hanno dato il nome della loro figlia Ula.

Secondo me Ulina smer è la linea più dura e complessa di tutta la Slovenia.

Bor Levičnik

È uno dei pochi percorsi in cui occorrono due giorni per salire 1000 metri in arrampicata libera. Ripeterli in un giorno rimane una sfida gigantesca.

Blaž sul primo tiro (VIII+-IX-) della giornata.
Blaž sul primo tiro (VIII+-IX-) della giornata.

Questa volta dall'altra parte della corda c'era Blaž Karner. Abbiamo puntato la sveglia alle 4 del mattino e, dopo una colazione anticipata, abbiamo caricato sul muro i nostri pesanti bagagli carichi di acqua e cibo per due giorni.

La nostra giornata è iniziata con un'esperienza negativa quando il nostro sacco da trasporto si è strappato sul secondo tiro. Abbiamo quasi perso le nostre giacche e l'attrezzatura per l'arrampicata.

Bor Levičnik

Eravamo entrambi piuttosto nervosi perché sapevamo quanti tiri difficili ci aspettavano. Quando abbiamo raggiunto la parte più difficile del primo giorno, Blaž ci ha provato ma è caduto. Ha deciso di non ripetere questa sezione, soprattutto a causa dei tiri superiori difficili.

Sono riuscito a flasharla al secondo posto e ho continuato a salire. Sono riuscito ad affrontare il punto chiave del tiro successivo, ma nella parte più facile si è rotta una presa. Sono caduto, sono sceso di nuovo e sono salito sul tiro al secondo tentativo.

A metà del tour ci sono tiri più facili, ma comunque seri.
A metà del tour ci sono tiri più facili, ma comunque seri.

La parte centrale della via che porta alla nostra cengia dove abbiamo bivaccato è stata molto più difficile e meno attrezzata di quanto ci aspettassimo.

Abbiamo dovuto installare da soli quasi tutte le soste, il che è stata più una sfida di quanto avremmo voluto dato che arrampicavamo senza martelli o ganci.

Bor Levičnik

Quando raggiungemmo la grande sporgenza al centro del muro, si udì un tuono nel cielo e cominciò a cadere una leggera pioggia. Temendo di essere esposti alla pioggia per i prossimi tiri, abbiamo cercato rifugio sotto una piccola tettoia.

Dopo un'ora e mezza di ansiosa attesa, fortunatamente la tempesta è passata e ha ravvivato la nostra speranza di una scalata riuscita. Abbiamo continuato a salire e, proprio al calare della notte, abbiamo raggiunto l'«Hotel Triglav», una piccola grotta sotto la sezione più difficile.

Il comodo bivacco direttamente sotto gli ultimi tiri chiave.
Il comodo bivacco direttamente sotto gli ultimi tiri chiave.

Abbiamo dormito molto meglio della notte prima e la mattina dopo mi aspettava per la colazione il tiro più difficile, un IX un po' impraticabile.

Anche se ho faticato moltissimo con il tiro della corda, sono riuscito a salire il tiro a-vista.

Bor Levičnik

D'ora in poi dovevo solo ripetere un altro IX-, tutto il resto è andato liscio. Il nostro morale si è risollevato presto quando abbiamo raggiunto la famosa traversata di Čop, dove all'improvviso ci siamo ritrovati a salire su un terreno più facile e molto più sicuro.

Il progetto è terminato e siamo felicissimi.
Triglav Trilogy: Il progetto è terminato e siamo felicissimi.

Con solo 100 metri di salita da percorrere, la nostra avventura di due giorni stava lentamente giungendo al termine. Ci siamo goduti il ​​momento prima di scendere a passo lento verso il fiume di montagna a Vrata. Lì ci rinfrescammo e dissetammo.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Non perderti nulla: ricevi la nostra newsletter

* obbligatorio
Interessen

+++

Crediti: immagine di copertina Gregor Cresal Immagini nell'articolo Bor Levičnik

Attuale

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Guarda l'episodio Sleeping Lion di Reel Rock con Chris Sharma gratuitamente

Accompagna Chris Sharma nel suo mega progetto Sleeping Lion dagli innumerevoli tentativi di pianificazione fino alla realizzazione finale.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.