Simon Gietl gestisce la prima traversata integrale in solitaria del Catinaccio

Simon Gietl ha scalato da solo tutte le vette principali dello skyline del Catinaccio. La guida alpina e alpinista professionista altoatesino è la prima a gestire questi integrali in solitaria e in inverno. In una conversazione con Lacrux, rivela cosa gli passa per la mente durante questi assoli e cosa significa per lui questa traversata.

Un totale di 5000 metri di dislivello superati Simon Gietl, quando dal 1 marzo al 3 marzo da solo ha scalato tutte le principali vette del giardino di rose scavalcato. Tre giorni intensi in completo isolamento, che lo confrontano con i propri punti di forza e di debolezza, gli regalano momenti di felicità e insegnano anche l'umiltà. Avere la libertà di vivere tali esperienze è un grande privilegio per lui, dice il 37enne. "Non è naturale che tu veda lassù la pace che non esiste più, non lontano da noi."

Simon-Gietl-Rosengarten-winter-solo-passing-skyline
Simon Gietl ha bisogno di tre giorni per attraversare da solo in inverno il massiccio del Catinaccio, lungo circa otto chilometri.

"Non è naturale che tu veda lassù la pace che non esiste più, non lontano da noi."

Simon Gietl

colpo dopo colpo

Il Catinaccio si trova tra la valle di Tires nel Alto Adige e la Val di Fassa in Trentino. Lo skyline del massiccio, lungo circa otto chilometri, è difficile da perdere. Nemmeno Simon Gietl riesce a staccare gli occhi di dosso quando va a scalare a Tiers. L'idea della traversata matura da diversi anni, e nel 2022 diventerà concreta.

Gietl ha contattato un collega della guida alpina locale poiché conosceva a malapena la zona. "Per dirla chiaramente, non avevo alcun piano", dice e ride. Insieme a Egon Resch , Daniel Habock, su cui molti tratti del Catinaccio sono già stati saliti in estate, si accetta subito di tentare una salita invernale in trio.

"L'infortunio alla mano era così evidente che abbiamo interrotto l'intera operazione".

Simon Gietl

L'impresa sta andando bene, le condizioni sono ideali. Ma poi Egon Resch è stato colpito dalla caduta di sassi il terzo giorno. "L'infortunio alla mano era così evidente che abbiamo interrotto l'intera campagna." La frattura promette di guarire completamente, ma una ripetizione del tour è fuori questione. Poiché anche Daniel Haböck ha rifiutato, Gietl ha avuto l'idea di provarlo da solo.

Abbiate il coraggio di riuscire a fallire

Due settimane e mezzo dopo, l'altoatesino carica nello zaino una piccola tenda, un sacco a pelo leggero, una corda da 8 mm, attrezzatura da arrampicata e provviste per quattro giorni e si avvia. Il suo obiettivo: provare fino a che punto può arrivare sulla strada senza depositi di materiale. "Si trattava più di avere il coraggio di essere disposti a fallire", dice.

Video: Impressioni dello sforzo solista di Simon Gietl

"Devi essere completamente concentrato ed è quella che è stata la grande sfida in generale".

Simon Gietl

Gietl sta facendo buoni progressi, anche se c'è molta neve fresca nei calanchi. L'Alto Adige si arrampica ovunque con gli scarponi da montagna. Le lunghezze di corda più difficili - presume siano in prima media - ma senza lo zaino da 6 chilogrammi sulla schiena. Di conseguenza, sale una seconda volta su queste lunghezze di corda, assicurato su una puleggia con un fermo antiritorno.

simon-gietl-rosengarten-winter-solo-transgression-exposed
L'altoatesino si arrampica per la maggior parte su terreni esposti che non perdonano errori e richiedono piena concentrazione.

L'attraversamento è costituito principalmente da arrampicata in cresta esposta. Terreno difficile da mettere in sicurezza e allo stesso tempo non perdona gli errori. "Devi essere completamente concentrato ed è quella che è stata la sfida più grande in generale", dice. Perché da solo difficilmente puoi proteggerti in cresta, altrimenti sei lassù per due settimane.

decisioni e conseguenze

Per Simon Gietl, fare da soli significa affrontare intensamente se stessi, i propri punti di forza e le proprie paure. "Scopri chi sei quando sei solo", nota al primo bivacco. Questa frase dice tutto ciò che contiene e provoca quando sei da solo. "Decidi tu stesso ogni situazione e vivi con le conseguenze."

"Decidi tu stesso ogni situazione e vivi con le conseguenze."

Simon Gietl

La combinazione di solitudine, oscurità e solitudine ha una connotazione molto negativa, secondo l'alpinista. Ma questo travolgente può anche trasformarsi in qualcosa di positivo. "E questa è la chiave del successo in tali situazioni." Come fa? Tra le altre cose, questo ha a che fare con il fatto che il processo di osare da soli, così come l'intenso confronto mentale con esso, inizia prima.

Nella settimana prima della trasgressione, ne ha passate tante, ancora e ancora. “Mi ha fatto capire quanto sia importante per me vivere questa esperienza.” Gietl paragona la sensazione di ritrovarsi in questa situazione in seguito con un film. Un film che voleva vedere una settimana prima. Un film in cui ora è nel mezzo. "E poi posso godermela anche io, perché so che sarò in questo film solo una volta".

simon-gietl-rosengarten-crossing-solo-winter-bivacco
“Scopri chi sei quando sei solo.” Simon Gietl al primo bivacco.

Trova la strada

Quando la sera si siede vicino alla tenda e lascia vagare gli occhi, non è solo grato ma anche umile. Il 37enne era un solitario nella sua infanzia. Nessuno voleva avere a che fare con lui perché non solo non capiva il materiale scolastico, ma non si sentiva nemmeno una persona. "Con l'arrampicata e l'alpinismo ho trovato la strada che cercavo da tempo." È molto grato per questa felicità e augura a tutti questa felicità.

"Con l'arrampicata e l'alpinismo ho trovato la strada che cercavo da tempo."

Simon Gietl

Alla fine della terza giornata, Stefan Gietl ha alle spalle la cresta esposta. Poiché la sua concentrazione sta calando, decide di bivaccare ai piedi della parete e di scendere il giorno successivo. Quando lo racconta al suo collega guida alpina di Tires, che lo aveva guidato di vetta in vetta con la sua enorme conoscenza della zona, quest'ultimo lo saluta. Sono già in salita, gli spaghetti pronti e la birra ghiacciata. È stato un gesto molto gentile e amichevole da parte dei due, dice Gietl. Celebrano la sua traversata in solitaria del gruppo del Catinaccio fino a tarda notte.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: Foto di copertina: Simon Gietl

Attuale

Jernej Kruder ripete la via ticinese Butterfly Circus (8b)

In Val Bavona il professionista dell'arrampicata sloveno Jernej...

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.

La cavalcata di Adam Ondra sull'onda del successo

Viaggio di arrampicata riuscito: dopo aver scalato Bon Voyage, Adam Ondra segna altre vie difficili sulla via di casa.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Jernej Kruder ripete la via ticinese Butterfly Circus (8b)

In Val Bavona il professionista dell'arrampicata sloveno Jernej Kruder si è assicurato la prima ripetizione del Butterfly Circus. La linea in fessura lunga 25 metri è stata creata da Fred...

Fai 3 su 1: arrampicata, sci alpinismo e ciclismo con un casco

Certificazione multipla, funzione protettiva, standard importanti: cinque fatti importanti quando si acquista un casco per gli sport di montagna.

Jorge Díaz-Rullo ripete Il leone dormiente

Leone dormiente per la terza volta: il forte spagnolo Jorge Díaz-Rullo ripete la nuova kingline di Chris Sharma a Siurana.