Simon Gietl e Vittorio Messini: tre mura settentrionali nelle ore 48

I due alpinisti Simon Gietl e Vittorio Messini hanno stabilito un nuovo record di velocità. Si arrampicano sulla parete nord dell'Ortles, della Großer Zinne e del Grossglockner in meno di 48 ore e rimettono la pista in mezzo.

Era la fine dell'estate del 1991 quando due degli alpinisti più audaci, Hans Kammerlander e Hans-Peter Eisendle, affrontarono una nuova sfida ibrida e progressiva nelle loro montagne native. Volevano salire in un giorno la parete nord dell'Ortles e la parete nord del Großer Zinne. Hanno coperto la distanza tra le due montagne (246 km) in bicicletta. Quello che era iniziato più o meno come un espediente è diventato una pietra miliare in una nuova concezione degli sport di montagna.

Simon Gietl e Vittorio Messini arricchiscono il progetto

Quasi tre decenni dopo, l'altoatesino Simon Gietl e il suo compagno Vittorio Messini se la passano meglio. Aggiungi una parete nord al tour di Hans-Peter e Hans e quindi anche una pista ciclabile e vuoi percorrere tutta la tappa in meno di 48 ore. Detto e fatto. “Seguire le orme di persone che 27 anni fa hanno immaginato il futuro dell'alpinismo è già di per sé una sfida. Il nostro obiettivo non era solo un omaggio o una seconda edizione. Volevamo spingerci ancora oltre i nostri limiti e porre un nuovo traguardo per l'alpinismo ibrido", commentano Simon e Vittorio sulla loro salita.

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning
Stanco e soddisfatto - Simon Gietl e Vittorio Messini dopo la fortunata salita in velocità
Stanchi e soddisfatti - Simon Gietl e Vittorio Messini dopo il successo della salita in velocità (Fig Salewa)

Il progetto in numeri

Tre volti nord - due alpinisti - due sport

Il progetto di velocità di Simon Gietl e Vittorio Messini in cifre

A proposito di Simon Gietl

Simon Gietl - alpinista tirolese
Simon Gietl (foto Salewa)

Simon, nato 1984, vive a Lutago in Valle Aurina ed è un atleta professionista. La vita di Simon ruota attorno alla scoperta, alla definizione e alla scalata di percorsi moderni e stimolanti, ma in uno stile tradizionale. Ama viaggiare e esplorare luoghi nuovi e inaspettati. Tuttavia, le Dolomiti sono ancora la fonte di ispirazione e il numero del parco giochi 1 per lui.

È un alpinista in tutto e per tutto, ma è anche contrario alla corsa, al ciclismo e allo sci alpinismo, perché questi sport non sono solo buoni per allenamento e divertimento, ma lo portano anche direttamente a destinazione: in montagna.

Di Vittorio Messini

Alpinista Vittorio Messini
Vittorio Messini (immagine Salewa)

Vittorio, 1988 nato a Firenze, vive dalla sua infanzia a Kals, ai piedi del Grossglockner. Lavora come guida alpina, condividendo la sua passione per la montagna con gli altri. Lui è una persona umile e motivata. Ama andare sulle montagne nel modo più pulito possibile, senza lasciare nulla dietro, ma solo per portare buoni ricordi e storie a casa con lui.

-

Crediti: immagini e informazioni di testo Salewa

Attuale

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

Commenta l'articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui