Jakob Schubert sale Alphane (9A) | Anno di arrampicata di superlativi

Il professionista austriaco dell'arrampicata Jakob Schubert corona il suo anno sensazionale con la salita di Alphane a Chironico. È il primo atleta in assoluto a scalare un boulder di 9A e una via di 9c - in un anno.

Jakob Schubert L'anno dell'arrampicata 2023 è un anno da leggere nei libri di storia: il 32enne professionista dell'arrampicata non solo ha vinto due titoli mondiali, si è qualificato per le Olimpiadi e ha completato la via di arrampicata sportiva 9c B.I.G. salito per la prima volta, ma anche il boulder 9A poco prima della fine dell'anno alfani ripetuto.


Scalando Alphane mi sono fatto il regalo di Natale perfetto.

Jakob Schubert
Un anno da leggere nei libri di storia: Jakob Schubert davanti all'inquietante linea 9A Alphane a Chironico. Immagine: Michael Piccolruaz
Un anno da leggere nei libri di storia: Jakob Schubert davanti all'inquietante linea 9A Alphane a Chironico. Immagine: Michael Piccolruaz

Alphane: montagne russe di emozioni

Il percorso per salire sull'Alphane (9A) è stato un vero e proprio giro sulle montagne russe, dice Jakob Schubert. "Includeva di tutto, dai progressi incoerenti alle battute d'arresto, allo scivolare dopo la parte difficile, all'aspettare che le cattive condizioni finissero solo per sentirsi di nuovo peggio sul boulder ma in qualche modo lottare per superarlo, una storia di perseveranza personale."


Sono grato che l’arrampicata mi offra tali esperienze.

Jakob Schubert

Livello massimo di difficoltà nel bouldering e nell'arrampicata sportiva

Jakob Schubert corona il suo superlativo anno di arrampicata con la salita dell'Alphane. Nessun atleta prima di lui è mai riuscito a padroneggiare il livello di difficoltà più alto nel bouldering e nell'arrampicata sportiva. Per Jakob Schubert ci sono tra le prime salite GRANDE (9c) e la salita dell'Alphane (9A) in soli tre mesi!

La sua coerenza nei vari ambiti dell'arrampicata è impressionante. Quindi potrebbe farlo Doppia vittoria ai Mondiali di Berna e la qualificazione olimpica anticipata non solo raggiungono i suoi obiettivi agonistici, ma brillano anche sulla roccia e realizzano con successo i suoi progetti più importanti. Siamo ansiosi di vedere cosa seguirà nel 2024.

Arrampicare il 9c e fare boulder il 9A sono cose che nessuno era mai riuscito prima di Jakob Schubert. Immagine: Michael Piccolruaz
Arrampicare il 9c e fare boulder il 9A sono cose che nessuno era mai riuscito prima di Jakob Schubert. Immagine: Michael Piccolruaz

Estratto dall'arrampicata di Jakob Schubert anno 2023

  • A gennaio Jakob ha salito Trip to the moon (8B/B+), Boogalagga (8B), The Shelter (8B) e ha salito Second Life (8A) e Life goes on (8A+/8B) in flash.
  • A marzo si è classificato secondo allo Studio Bloc Masters di Darmstatt
  • Giugno: medaglia di bronzo al comando ai Mondiali casalinghi di Innsbruk
  • Luglio: Medaglia d'oro alla Coppa del Mondo Lead di Villars
  • Ai Mondiali di Berna di agosto Jakob ha vinto la medaglia d'oro nella Lead e nella combinata Boulder&Lead
  • Il 20 settembre ha effettuato la prima salita di B.I.G. (9c) a Flatanger
  • In ottobre ha vinto i campionati austriaci di lead e combinata
  • All'inizio di ottobre ripete la classica tirolese Qui (9a+) e poco dopo pubblica Dance of Time (8c+)
  • A inizio dicembre Jakob Schubert ripete Clash of the Titans e aggiorna la via Megos al 9b
  • Poco prima di Natale, Jakob boulder a Chironico Alphane (9A)

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina ©Michael Piccolruaz

Attuale

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.

“Un solido 9A”: Aidan Roberts su Arrival of the Birds

Aidan Roberts conferma 9A-Boulder. Come ha vissuto la salita di Arrival of the Birds e perché valuta la linea 9A.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Nuovo record di velocità sugli 8000m: Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti

Il giovane francese Vadim Druelle scala il Nanga Parbat in 15 ore e 15 minuti, battendo di 5 ore il precedente tempo più veloce conosciuto.

Philipp Geisenhoff: “Finora è stata la mia giornata migliore nel boulder”

Che giornata per Philipp Geisenhoff: il forte svizzero scala quattro massi duri fino a 8B+ nelle Rocklands.

Scalata la montagna inviolata più alta del mondo: successo in vetta sul Muchu Chhish (7453m)

Gli alpinisti estremi cechi Zdenek Hak, Radoslav Groh e Jaroslav Bansky effettuano la prima salita del Muchu Chhish.