Natalie Bärtschi: "La potente arrampicata con compressione mi ha catturato subito."

Natalie Bärtschi chiude un capitolo importante della sua vita da arrampicatrice salendo Neverending Story 1 nel Magic Wood. In un'intervista, la scalatrice spiega cosa significa per lei poter salire il suo boulder più difficile fino ad oggi dopo il ritiro dall'attività agonistica e come sia riuscita a mantenere alta la sua motivazione negli anni.

Natalie, di recente hai trascorso il giorno più bello della tua vita al Magic Wood. Come mai?

Era il primo fine settimana autunnale libero da quando siamo tornati da Maiorca e siamo partiti venerdì sera per passare di nuovo la notte sull'autobus VW. Dopo una piacevole colazione al sole e una breve sessione di riscaldamento sul trave, partiamo per Intermezzo.

L'intermezzo è generalmente considerato morbido, ma i movimenti pesanti con le dita su strisce lucide mi hanno spesso causato problemi in passato.

Natalie Bärtschi

Tuttavia, attraverso l'allenamento regolare della forza delle dita negli ultimi anni, ho fatto grandi progressi in quest'area ed ero fiducioso che finalmente avrei potuto farcela. In realtà sono riuscito a padroneggiare i singoli movimenti in tempi relativamente brevi e a scalare il masso solo pochi tentativi dopo.

Rectangle_Knatsch in Magic Wood

Dato che le condizioni per Neverending Story non sono davvero buone fino a sera, decidiamo di dare un'occhiata al piatto highball Flatlander.

I tiri in realtà sono abbastanza buoni sulla corda, ma ho molto rispetto per la scarsa frizione a diversi metri di altezza.

Natalie Bärtschi

Dopo diverse risalite senza cadute sulla corda superiore, decidiamo di provarlo senza corda. Durante l'arrampicata posso concentrarmi completamente sull'arrampicata e i tiri sembrano quasi più facili di prima sulla corda. Ciononostante mi sento sollevato di avere di nuovo la terra solida sotto i piedi e poco dopo anche il mio compagno Remo arriva in cima senza cadere.

Le nuvole si stanno lentamente addensando e sembra che piova, quindi ci dirigiamo verso il Bruno Block. Dopo aver fallito più volte nell'ultima mossa la settimana scorsa, sto riprendendo familiarità con il finale.

La tensione del corpo è lì, il gancio del tallone è a posto e la roccia sembra appiccicosa e bagnata, una caratteristica nota che la roccia di fiume sbiadita spesso mostra quando l'umidità è alta appena prima della pioggia. Senza esitazione oso provarlo dall'inizio e riesco a scalare il masso al primo tentativo, un sogno che diventa realtà!

Salire Intermezzo e Flatlander nello stesso giorno è stato già un grande successo per me, ma completare il mio primo boulder di 8A+ con Neverending Story è ovviamente fantastico!

Cosa significa per te questo masso?

Per me è la conferma che gli anni di allenamento stanno dando i loro frutti e che posso essere molto versatile come atleta. Dopo la Coppa del Mondo a Berna e il mio ritiro dallo sport agonistico, non ero sicuro di cosa sarebbe successo dopo. Ma sono altrettanto motivato a continuare a migliorare e a scoprire cosa è possibile per me sulla roccia.

Ricordi come sono stati i tuoi primi tentativi con La Storia Infinita?

Penso che sia stato nell'autunno del 2017, dopo il mio ritorno dal Sud Africa. È stato allora che ho capito per la prima volta che avevo il potenziale per arrampicare a questo livello di difficoltà. Ispirato da una giornata a Magic Wood con Anna Stöhr e Alex Puccio, ho cercato un progetto.

La potente arrampicata con compressione su pendii sbiaditi mi ha catturato subito e sicuramente mi si adatta meglio della maggior parte delle linee con poca presa nel bosco.

Natalie Bärtschi

Fatta eccezione per l'inizio, sono riuscito a salire i singoli movimenti nella prima o nella seconda sessione, ma la lunga crociata all'inizio era per me un mistero. Riposizionando il piede sinistro sono riuscito finalmente a padroneggiare questo movimento, ma rompere la posizione sembrava impossibile.

Quante volte sei tornato a Magic Wood per provare questa linea negli ultimi anni?

Ad essere sincero, non ho contato. Probabilmente sono stato più volte all'anno al Magic Wood durante la stagione, soprattutto da quando abito a Coira. In primavera, invece, la mia attenzione si è concentrata maggiormente sulle gare e anche in autunno ho provato spesso altri boulder o sono andato in Ticino.

Come si sono evoluti i tuoi progressi nel corso degli anni?

Nell'estate del 2018 ho fatto una sessione davvero buona e sono riuscito a superare la partenza per la prima volta. Anche se ha piovuto durante la notte e i primi passi erano ancora bagnati, le impugnature erano davvero buone. Sfortunatamente alla fine era un po' troppo bagnato per gli inguini e la mia resistenza non era pronta per la salita.

Purtroppo nella sessione successiva ho avuto molte più difficoltà solo a salire i singoli cavi e dopo diversi tentativi infruttuosi ho sentito un dolore crescente al ginocchio destro. Nel corso di ciò si è sviluppata una tendinite agli adduttori dell'anca e ai flessori del gomito, per cui non ho potuto riprovarci per alcuni mesi.

Dopodiché purtroppo il progresso è stato tutt'altro che lineare e solo circa 2 anni fa sono riuscito a salire di nuovo il masso in due parti. Tuttavia, non c'era molto tempo per l'arrampicata durante la stagione delle gare e all'improvviso è arrivato l'inverno. Quest'autunno ho tentato di nuovo la fortuna per la prima volta e sono rimasto sorpreso di riuscire a raggiungere la fine in pochi tentativi.

Pochi giorni dopo sono caduto più volte sull'ultimo treno e, anche se ho fallito di nuovo per poco, mi sono convinto che avrebbe potuto funzionare ancora quest'anno. Due giorni dopo è arrivato il giorno di arrampicata più bello della mia vita.

Natalie Bärtschi

Ti sei allenato specificatamente per questo masso?

Non proprio, fino a poco tempo fa la maggior parte dei miei allenamenti erano orientati alle competizioni. Sono però convinto che questo allenamento mi abbia aiutato anche su roccia.

Dato che le prese nella Storia Infinita non hanno quasi alcun attrito, la posizione corretta del corpo è essenziale e i movimenti richiedono molta tensione del corpo e forza delle gambe, nonché la resistenza necessaria per scalare tutto in una volta.

Natalie Bärtschi

Queste competenze sono centrali anche nella competizione e quindi hanno un'alta priorità nella formazione.

Una volta hai scritto che i ganci intensi in La Storia Infinita ti hanno danneggiato le ginocchia e le compressioni ti hanno innescato il gomito. Come hai fatto a tenere la cosa sotto controllo?

Durante la fase di sviluppo nell'inverno 2019, ho iniziato ad allenarmi regolarmente in sala pesi e ho incluso per la prima volta la forza delle gambe nel mio programma. Da allora non ho più avuto dolori al ginocchio e mi sento molto più forte sui ganci del tallone. In realtà sembra logico, ma mi ci sono voluti quasi 15 anni per iniziare.

Sento ancora sporadicamente la base dei gomiti, penso che sia a causa delle spalle rigide e delle dita deboli, ma ci sto lavorando.

Natalie Bärtschi

Come sei riuscito a trovare sufficiente motivazione nel corso degli anni?

Spesso mi manca la motivazione per pianificare un singolo boulder per un periodo di tempo più lungo e mi manca la varietà. Fortunatamente, l’arrampicata è uno sport molto vario e ho innumerevoli altri progetti, sia a Magic Wood che altrove.

Preferisco arrampicare con gli amici e sono flessibile nella scelta dei miei progetti. Soprattutto in estate, quando le condizioni non sono ottimali per la pianificazione del progetto, mi piace cercare la sfida altrove (ad esempio Highball, DWS).

Quindi la mia attenzione cambia con le stagioni, ma in realtà la motivazione è sempre lì.

Natalie Bärtschi

Cosa ti ha sfidato di più della Storia Infinita 1?

La sfida più grande per me è stata trovare la resistenza necessaria per la fine e trovare le giuste condizioni. Spesso solo l'inizio o solo la fine mi sembrava bello e in cattive condizioni a volte avevo la sensazione di fare dei passi indietro.

Alla fine probabilmente è stato un misto di pazienza e calma, entrambe qualità che non considererei necessariamente i miei punti di forza.

Puoi rivederci ancora la salita?

Nel corso degli anni, il mio corpo ha memorizzato i movimenti in modo così preciso che posso semplicemente ricordarli senza pensarci, ed è esattamente quello che ho provato quando sono salito. Inoltre ero già così soddisfatto di come era andata la giornata di arrampicata che non mi sono messo alcuna pressione.

Le due sessioni precedenti mi hanno dato la fiducia di cui avevo bisogno e per la prima volta mi sono sentito abbastanza forte.

Natalie Bärtschi
A metà ottobre Natalie Bärtschi è riuscita a scalare il masso Neverending Story 1 a Magic Wood. Immagine: David Tomlinson / Quadrel Boulder
A metà ottobre Natalie Bärtschi è riuscita a scalare il masso Neverending Story 1 a Magic Wood. Immagine: David Tomlinson / Masso Quadrel

Naturalmente è stato un grande sollievo che quel giorno abbia funzionato al primo tentativo. Successivamente ho provato innanzitutto un profondo senso di soddisfazione e un po’ di orgoglio, subito seguito dall’attesa per tutto quello che sarebbe successo.

Quali saranno i tuoi prossimi progetti/obiettivi dopo questo successo?

Ho quindi provato il primo movimento della seconda parte della Storia Infinita e sono rimasto sorpreso di rimanere bloccato sulla barra dopo solo pochi tentativi. Finora non ho avuto abbastanza distanza o non ho esercitato abbastanza pressione sul gancio in discesa. Purtroppo non è bastato per superare quella giornata, soprattutto perché i prossimi movimenti saranno quasi altrettanto difficili, ma sono fiducioso.

Nessuno sa se riuscirò mai a mettere insieme i due pezzi, ma il nome non è casuale.

Natalie Bärtschi

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina David Tomlinson / Masso Quadrel

Attuale

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Black Diamond ricorda i ramponi Neve Strap

Black Diamond Equipment richiama i ramponi Neve Strap (versione verde 2024) e i relativi accessori/ricambi. 

Melissa Le Nevé è la prima donna a salire The Dagger (8B+)

Un anno e mezzo dopo la salita, Melissa Le Nevé ha annunciato la prima salita femminile del boulder 8B+ The Dagger.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Petra Klingler e Julien Clémence sono Campioni svizzeri di Boulder 2024

Petra Klingler vince il suo undicesimo titolo di campionessa svizzera di boulder. Julien Clémence ottiene la sua terza vittoria.

Rara salita del Trad-Testpiece Into the Sun di Zangerl (8c+)

Prima Trad e poi Into the Sun (8c+): Andreas Hofherr ripete la via di Zangerl nella Murgtal.

Black Diamond ricorda i ramponi Neve Strap

Black Diamond Equipment richiama i ramponi Neve Strap (versione verde 2024) e i relativi accessori/ricambi. 
×Display 350x90_Knatsch in Magic Wood