Arrampicata sportiva olimpionica: Finale donne (speed, bouldering, lead)

Oggi, 6 agosto 2021, si svolgerà la fase finale olimpica femminile nelle discipline di arrampicata sportiva di velocità, boulder e lead. Riassumiamo e mostriamo continuamente i risultati.

AGGIORNAMENTO 13.42 Uhr

Ticker di testa / classifica: Giappone contro Janja, Pilz con classifica 7

Presto inizierà. La polacca Aleksandra Miroslaw sarà la prima ad entrare nella via finale. Tutto è ancora aperto. Janja Garnbret è ancora al primo posto nella classifica generale, ma se Janja Garnbret non vincesse nella scalata di testa, ma per esempio Miho Nonaka, che attualmente è terza, Janja sarebbe al secondo posto e Miho al primo. rimane emozionante fino alla fine. Ora Aleksandra Miroslaw sta andando avanti.

Fine anticipata per Miroslaw e Jaubert

Aleksandra Miroslaw, una classica speed climber, fallisce già al grip 9. La prossima è una speed climber, Anouck Jaubert. Quanto sarà alto? Si arrampica sul punto più alto di Aleksandra. Poco dopo ruggisce in modo bellicoso, persino aggrovigliata nella corda. Pochi secondi dopo, alla maniglia 13, c'è una caduta.

Brooke Raboutou al di sotto delle aspettative

Ora il primo climber si unisce alla via: Brooke Raboutou. Il ventenne americano proviene da una famosa famiglia di arrampicatori e ha vinto numerose Coppe del Mondo. Raggiunge rapidamente il punto più alto di Anouck Jaubert e poco dopo salta dinamicamente a due lune crescenti. Alla maniglia successiva si concede una breve scossa prima di proseguire vigorosamente. Ora è in un passaggio con i buchi delle dita e - vola via! Brooke Raboutou raggiunge il grip più alto finora (20), ma è sicuramente molto al di sotto delle sue aspettative e delle prestazioni dei suoi avversari più vicini.

Nuovo punto culminante per Noguchi

Successivamente, lo specialista del boulder Akiyo Noguchi inizia la via principale. Si arrampica con sicurezza al passaggio del foro. Quasi staticamente, Noguchi afferra il buco del dito in cui Raboutou ha fallito. Un primo urlo, passa alla modalità di combattimento, si arrampica attraverso il passaggio di compressione, tira - e cade all'impugnatura 29. Nuovo punto culminante. Janja Garnbret è la prossima alla partenza. Riusciranno a superare la rotta?

Altamente concentrata, si arrampica al passaggio del foro. Sa che non devono esserci errori. Ora inizia il tiro ampio, dove atterri su un grande gradino con il piede sinistro. Qui si scuote brevemente e poi afferra lentamente la maniglia su cui Raboutou ha fallito. Ora segui le maniglie ampiamente distanziate, il passaggio di compressione. Deve scuotere di nuovo una delle maniglie del passaggio. Continua. È chiaramente in difficoltà, fa un respiro profondo. Non è ancora al culmine di Noguchi. Quindi ora è fatto. Da un ampio svaso sulla destra si sale ad un altro appiglio in pendenza. Un gancio deve essere fissato con la destra e afferrato dinamicamente con la mano sinistra su una grande mezzaluna svasata su cui è avvitata una piccola maniglia. Lei va, colpisce, si ferma. Può fare il top? C'è ancora un passaggio complesso da fare, Garnbret è visibilmente scheggiato. Ma lei continua a combattere - e poi cade. Alla maniglia 37, è finita per Janja Garnbret. Se non viene scalato, vince l'oro. Ma nonaka, funghi e seo mancano ancora. Se Nonaka e Pilz salissero più in alto della slovena, lei cadrebbe dal trono.

Nonaka vincerà la medaglia d'oro?

Miho Nonaka entra e si arrampica attraverso l'area con le maniglie gialle e poi - Miho Nonaka cade! La maniglia 21 è la fine. Jessica Pilz è l'ultima a cominciare. Riuscirà lei, come il suo connazionale Jakob Schubert, a superare la classifica? Per Jessica significa in ogni caso: tutto o niente!

Si arrampica risoluta e sicura. La tua squadra ti incoraggia. Un po' troppo dinamicamente va a sinistra, alla fine del passaggio giallo, tiene la maniglia con arco e rumore e si riprende per la prima volta. Tira costantemente fino al noto foro per le dita, quindi proseguiamo nel passaggio di arrampicata in compressione. Un sacco di potere è lasciato qui. Sembra ancora molto forte, continua a salire senza lunghi scuotitori, a differenza di Janja e Noguchi. Si tira su in modo dinamico, gessetti. Sì, tiene anche in mano lo Sloper Crescent, proteso. Sembra promettente, ma poi viene buttata fuori.

Janja Garnbret intoccabile

Ma ora Chaehyun Seo è coinvolto. Può ancora cambiare la classifica, ma Janja Garnbret è inviolabile. La giovane coreana si arrampica in maniera controllata, si sente: dopo una deludente prestazione in velocità e boulder, vuole dimostrare cosa sa fare. Quando si tira la maniglia del foro, deve scendere di nuovo. Al prossimo tentativo funziona e lei si infila nella zona verde della via. È qui che è richiesta la forza di compressione. La piccola scalatrice usa i suoi piedi al massimo per scalare il passaggio il più facilmente possibile. Ora supera le due svasate a sinistra, scivola via facilmente. Oh Dio. Ma lei resiste e fissa il gancio con la destra. L'agitazione è all'ordine del giorno. Solo pochi treni li separano dall'Highpoint di Janja Garnbret - ma poi è finita!

Classifica finale femminile

Bouldering - ticker / classifica: gli speed climber disperano, Janja domina

Inizia il polacco Miroslaw. Come scalatrice di velocità, mostra il suo sforzo all'inizio del primo blocco. Si arrende anche se le restano ancora 40 secondi. La squadra delle pulizie non deve spazzolare molte delle maniglie finché il secondo atleta non arriva sul tappeto: Anouck Jaubert. Anche lei proviene dall'arrampicata sportiva, ma è molto più diversificata di Aleksandra Miroslaw. In questo modo, può scendere dalla maniglia di partenza al primo tentativo. Nel secondo tentativo arriva addirittura a zona, grazie ad una mossa alquanto dinamica.

Fungo e Seo cambiano beta troppo tardi

La terza al via è l'austriaca Jessica Pilz, che, a differenza delle due precedenti atlete, si sente a casa nella disciplina del boulder. Ma: inizia più volte con la stessa beta senza successo fino a quando non implementa la soluzione che ha già portato avanti Anouck Jaubert. Ma poi non c'è più tempo per Pilz, deve accontentarsi di una zona. Miho Nonaka cerca di trovare una via per la zona con un freno di mano, ma si rende conto che questa non è la soluzione. Sta ripensando e cambiando la beta? Manca solo un minuto e 29 secondi. Ancora e ancora inizia, piede verso il volume, proprio con supporto, caduta. Miho Nonaka torna in isolamento senza top e senza zona.

Anche la coreana Chaehyun Seo si affida alla soluzione con il movimento di appoggio sul volume giusto nel suo tentativo. Anche questa soluzione è in qualche modo possibile? Quando rinuncerà a questa beta e cercherà una soluzione alternativa? Tre secondi prima della fine arriva l'intuizione che vuole alzare il piede, ma poi arriva il tono finale. Seo esce a mani vuote.

Akiyo fa una sorpresa: supporto beta possibile

Akiyo Noguchi, il vecchio maestro sale sul tappeto e si prende il tempo, con la solita calma, di pulire lei stessa le maniglie prima di entrare. La beta di supporto viene utilizzata anche con lei. Momento a sorpresa! Akiyo riesce a implementare la beta di supporto. La variante prevista dai tracciatori funziona dunque. Quindi la zona l'ha catturata, ma sfortunatamente arriva un po' troppo lontano alla prossima grande mezzaluna gialla nell'angolo in alto a destra e manca il mini-grip avvitato su di esso. Deve accontentarsi della zona.

Piede in alto, ma con un movimento di supporto?

La 20enne Brooke Raboutou è l'unica a mettere il piede destro direttamente sul primo volume giallo al primo tentativo, quindi vuole implementare la soluzione di Jaubert, Pilz. Ma prima di eseguire il movimento, torna alla beta di supporto. E poi la grande sorpresa, si arrampica con disinvoltura con la solita beta alla zona, poi continua, sta sotto il top grip, guarda in alto, non sa come continuare, il tempo finisce prima che lei inizi a saltare verso il top grip . Sfortunatamente, non può trattenerlo. Che andare!

L'unico top grazie a Janja Garnbret

Nel primo tentativo, Janja Garnbret implementa la soluzione proposta dai tracciatori e prende direttamente la zona. Anche per loro è finita una mossa in più, il piede scivola via dal volume. A differenza della qualifica, Janja non rompe un masso al primo tentativo. Altre due volte padroneggia il primo punto in cui tutti gli atleti precedenti hanno lottato senza alcuno sforzo, ma cade sulla mossa successiva, che fa in modo molto dinamico. Ma ora basta, si dice. Nel quarto tentativo è la prima a superare il boulder tecnicamente impegnativo.

Un inizio bizzarro - ancora due soluzioni possibili

Uno sguardo al secondo masso suggerisce che inizia con tre estremità sul volume sinistro, con una sola mano sul volume destro. La prima atleta, Aleksandra Miroslaw, parte correttamente, ma non sa come liberarsi dalla posizione. Ride ancora e ancora, indicando la sua disperazione. Ancora e ancora inizia, è sconcertante davanti al problema del boulder - la perplessità è scritta sul suo viso. L'ultimo minuto sta arrivando, e ne soffriamo. A 40 secondi dice presto, finito con il sondaggio. Aleksandra Miroslaw è sopraffatta dal difficile masso. Questo sottolinea ancora una volta le differenze estreme tra le discipline del bouldering/lead e della velocità - non possiamo resistere. Dopo Miroslaw, la seconda specialista della velocità della finale femminile, Jaubert, è sotto il boulder numero 2. Anche lei si porta in posizione di partenza e si incunea tra i due grandi volumi grigi. Senza uscita. Abbastanza.

Jessica Pilz segue il percorso pianificato dai tracciatori

Dopo queste due esibizioni non vediamo l'ora che arrivi l'austriaca Jessica Pilz. Finalmente. Jessica Pilz sale il masso a testa in giù, con le spalle al muro, e raggiunge la zona al terzo tentativo. Quando il tempo è scaduto, non c'è nemmeno il top per Jessica Pilz: lo prenderà Miho Nonaka, che è il prossimo a gareggiare? Siamo stupiti, Miho Nonaka si arrampica nel boulder, come gli specialisti della velocità, con le spalle al pubblico - e soprattutto rimane a lungo con questa beta. Raggiunto il limite dei due minuti, si arrampica di nuovo dritta nel masso e, contrariamente all'idea del pianificatore del percorso, crea anche la zona in questo modo. Oh. Dopo aver tenuto la zona in modo controllato, si insinua cautamente più in alto nel volume inclinato, senza maniglie, tutto traballante. Strizza gli occhi alla maniglia superiore, vuole saltare e scivolare via. E il tempo è già scaduto. Miho Nonaka è attualmente al 4° posto nel boulder, ma questo valore può ancora cambiare.

Continua con Chaehyun Seo. Se si arrende a 20 secondi, la soluzione, almeno quella suggerita dai tracciatori, non si troverà.

Ancora una volta nessuno arriva in cima - tranne ...

Akiyo Noguchi rimane fedele a se stesso, prima pulisce il masso, si mette in silenzio davanti ad esso e poi entra. Con le spalle al pubblico. Le mani cercano disperatamente maniglie, sopra, di lato, sotto la piccola maniglia? È sparito, fuori dal muro. Si arrampica di nuovo dritta sul masso e, come la sua connazionale Miho Nonaka, arriva in zona con questa soluzione. Ma non va oltre, il tentativo di entrare in posizione di appoggio con la mano sinistra fallisce. Attualmente è al secondo posto, grazie a meno zone di Jessica Pilz.

Come quasi tutti gli altri, Brooke Raboutou inizialmente sta perseguendo la soluzione frontale, picchiettando il muro con le mani - anche questo ci suona familiare. Al terzo tentativo funziona, come con Noguchi e Nonaka, crea la zona. Poi si passa al volume successivo in maniera controllata. Mano fino all'ultimo volume prima della maniglia superiore. Il tempo stringe, sta per scadere - e poi Brooke inizia il salto finale, ma non regge la maniglia. Capelli affilati.

Anche Janja si arrampica in avanti nel masso, raggiungendo con successo la prima zona. Farà lampeggiare il masso? Più a sinistra del volume grigio, fa un respiro profondo. Rimane a lungo sul bordo del penultimo volume, alza lo sguardo, afferra l'ultimo volume in mezzo, poi torna giù con la mano. Poi: attacca, salta e tiene la presa in alto!

Solo tre zone sull'ultimo masso

Sul terzo ed ultimo masso, Miroslaw è proprio il primo sul tappeto. Di nuovo la stessa situazione: non riesce a liberarsi dalle prese di partenza, sorride timidamente. Abbiamo applaudito, ma senza effetto. Come se la cava Anouck Jaubert, che arriva secondo? È visibilmente più motivata ad affrontare il terzo boulder nella finale femminile. Aumenta la tensione necessaria per continuare ad afferrare la presa successiva nella posizione di partenza estesa e il gancio della punta sinistra. Continua fino a una crepa sottile, ma non può trattenerlo. Ancora e ancora lei entra, combatte fino all'ultimo secondo. Ma poi è finita.

Si continua con Jessica Pilz, che purtroppo finora ha raggiunto solo due zone. Va dritta alla fessura, la tiene, ma poi finisce anche con lei. Comunque un buon primo tentativo. Jessica arriva di nuovo alla fessura, cercando di far dondolare il piede destro nella posizione del gancio. Senza successo. Deve accontentarsi di una zona. Attualmente è al 5° posto.

Nel flash alla zona

Nonaka si inserisce molto promettente e sale subito in zona. Il salto fino al guscio verde è la fine della linea. La cima le è negata fino allo scadere del tempo. Grazie al fatto che ha raggiunto la zona al primo tentativo, è attualmente al secondo posto.

Successivamente, Seo si cimenta con il masso numero tre. È arrivata al crack, ma non è riuscita ad andare oltre, come nel caso di Jessica Pilz. Attualmente rimane al 7. Questo boulder è troppo difficile e risolvibile solo dalla favorita della corona Janja Garnbret? L'atleta più anziano in campo, Akiyo Noguchi, 32 anni, si arrampica, raggiunge la fessura, rimane a lungo in posizione per fissare il gancio del piede. Ma poi ti mancano le forze. Al secondo tentativo, sembra visibilmente esausta, impotente. Il turno di qualificazione di mercoledì e lo speed run di oggi sono nelle sue ossa.

Brooke Raboutou promette bene, tenendo il crack sotto controllo. Prima cerca di agganciare la maniglia sinistra, ma si rende conto che non è possibile. Cerca di impostare il gancio della punta, ma non funziona. Peccato. Brooke si prende abbastanza tempo per riprendersi, oscilla le braccia. Sa che ha bisogno di forza sufficiente per oscillare per impostare il gancio della punta. Al minuto 1:50 rientra e raggiunge la zona

Janja può aggiustarlo?

Ora arriva la donna che può ancora dimostrare che il masso può essere risolto: Janja Garnbret. Lo sloveno entra risolutamente, raggiunge la fessura. Ora che tutti stanno iniziando a restringere il gancio della punta, lei va dritta ed esplosiva verso la presa della zona. Janja non ha bisogno di calci, tiene la presa a zona. Dinamicamente fa partire il treno successivo, lo raggiunge, ma scivola e cade quasi appiattita sulla schiena. Ahia. Nonostante questo promettente tentativo e altri tentativi, Janja deve anche uscire dal tappeto senza un top - come numero 1 nella disciplina del boulder.

Classifica finale boulder


Velocità - risultato/riassunto: Miroslaw con un nuovo record mondiale di velocità, donne giapponesi al 3° e 4° posto

Al più tardi dopo la finale maschile di ieri era chiaro che il risultato della velocità ha un impatto molto alto sull'esito della competizione. Tanto maggiore è stata la tensione durante la corsa nella disciplina della velocità femminile. Al via due specialisti della velocità, la francese Anouck Jaubert e la polacca Aleksandra Miroslaw.

Nei quarti di finale, Aleksandra Miroslaw e Chaehyun Seo sono state le prime a sfidarsi. La specialista della velocità ha corso mezzo secondo al di sotto del suo miglior tempo, ma ha comunque prevalso facilmente su Seo. Per Seo era già chiaro: i ranghi 1-4 sono andati. Nel duello Pilz contro Noguchi, il giapponese è stato molto più agile, il che significa che Pilz poteva solo sperare in posti 5 a 8. La stessa cosa è successa alla favorita per la medaglia d'oro di oggi, la slovena Janja Garnbret. Ha avuto difficoltà nella prima manche, perché al secondo blocco di partenza accanto a lei c'era uno specialista della velocità: Anouck Jaubert. Come previsto, la donna francese ha prevalso su Garnbret e quindi ha sventato un bel mutuo per la donna slovena. Nell'ultima manche dei quarti di finale di velocità, c'è stato un duello tra l'americana Brooke Raboutou e la giapponese Miho Nonaka. Raboutou ha commesso un errore che ha provocato una caduta - di conseguenza, anche lei può lottare solo per i posti da 5 a 8.

Jessica Pilz con una vittoria importante nelle manche di piazzamento

Nelle corse di piazzamento per i ranghi 5-8, i perdenti dei quarti di finale hanno gareggiato l'uno contro l'altro. Jessica Pilz ha prevalso su Chaehyun Seo, cosa molto importante per l'austriaca. Nel duello Raboutou-Garnbret c'è un momento di orrore. Lo sloveno per poco non cade fuori rotta, ma riesce a resistere. Senza esitazione, dà di nuovo tutto e inizia a raggiungere l'americano, che ora è molto più in alto. Contro ogni aspettativa, preme il cicalino del percorso di velocità 0.1 secondi prima di Brooke Raboutou - wow!

Come previsto in semifinale

Dopo una breve pausa, continuano le semifinali, ovvero i duelli tra i vincitori dei quarti di finale. Lo specialista della velocità Miroslaw deve vincere per avere qualche possibilità di vincere una medaglia. E fa anche questo. Nessuna sorpresa nemmeno nel secondo duello, la francese specialista della velocità, Anouck Jaubert, vince contro la sua avversaria giapponese Miho Nonaka.

Le prossime sono le corse di posizionamento per i ranghi 7 e 8. Raboutou scala il muro molto più velocemente e completa la disciplina della velocità con il grado 7, Seo finisce all'ultimo posto. L'importante duello per il 5° posto si svolge tra Garnbret e Pilz. Fino al centro del muro entrambi volarono su per il muro alla stessa velocità. Poi la potenza di Pilz è diminuita - o per dirla in un altro modo - Janja Garnbret si è fatta avanti e ha premuto il cicalino a 7.81 secondi.

Specialisti della velocità nei posti 1 e 2

La disciplina della velocità è stata completata da Miho Nonaka con il 3° posto e Akiyo Noguchi con il 4° posto. Gli ultimi ai blocchi di partenza sono il polacco Miroslaw e il francese Jaubert. Il tempo di 7 secondi verrà rotto? Entrambi giacciono a lungo sullo stesso pavimento. Ma poi Miroslaw all'improvviso scaccia via - quasi incredibile! Ottiene il nuovo record mondiale femminile: 6.84 secondi. È chiaramente inferiore al precedente record mondiale di 6.96 secondi. era record mondiale finora.

Classifica finale boulder

+++
Crediti: Immagine di copertina Dimitris Tosidis / IFSC

Attuale

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.

Katherine Choong sale La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m)

Pezzo di prova del Verdon ripetuto: Katherine Choong ripete la difficile via di più tiri La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m).

Sonnie Trotter vince la scommessa 9a contro Honnold e Caldwell

Sonnie Trotter ripete la via 9a Spirit Quest e prevale su Honnold e Caldwell nella gara dei gentlemen.
00:11:46

La caccia silenziosa di Niky Ceria alle monarchie sarde

Accompagna il tranquillo esploratore e specialista del boulder Niky Ceria mentre apre un nuovo bouldering di alto livello in Sardegna.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.

Katherine Choong sale La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m)

Pezzo di prova del Verdon ripetuto: Katherine Choong ripete la difficile via di più tiri La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m).

Sonnie Trotter vince la scommessa 9a contro Honnold e Caldwell

Sonnie Trotter ripete la via 9a Spirit Quest e prevale su Honnold e Caldwell nella gara dei gentlemen.