Simon Gietl: "Per me l'Edelrid Rage è attualmente lo strumento da ghiaccio più bello."

Quest'inverno Edelrid lancia uno strumento da ghiaccio estremamente versatile che consente sia ai principianti che ai professionisti di muoversi verticalmente in modo efficiente e preciso. Per realizzare il grimaldello brevettato con il minor effetto esplosivo possibile e l'impugnatura ergonomica a risparmio energetico è stato dedicato un grande lavoro di sviluppo.

L'efficienza nel dry tooling, nell'arrampicata su ghiaccio e mista significa tenuta e oscillazione con risparmio di energia, colpi precisi e buon controllo dell'attrezzatura.

Ciò è stato raggiunto Edelrid con la nuova macchina per il ghiaccio Rage grazie alla geometria ergonomica dell'impugnatura, che è il risultato di innumerevoli prototipi durante un intero inverno con approfonditi test di sospensione e impatto.

Edelrid-Rage-nuovo-strumento-per-ghiaccio
Che si tratti di dry tooling, ghiaccio, arrampicata mista o alpina: il Rage di Edelrid è attualmente uno degli attrezzi da ghiaccio più versatili.

Strumento per il ghiaccio Rage: geometria dell'impugnatura completamente nuova

La forma della scanalatura nella parte inferiore dell'impugnatura è progettata per sostenere il bordo della mano verso il basso mentre si appoggia comodamente ad angolo. Il dorso pronunciato si adatta bene al tallone della mano,
che consente al dispositivo di essere guidato e controllato in modo ottimale durante l'oscillazione e il colpo.

La seconda impugnatura consente di cambiare mano in modo fluido e senza sforzo su terreni ripidi

Il team di sviluppo ha prestato particolare attenzione anche alla geometria dell'impugnatura in modo che funzioni con mani di diverse dimensioni ed ha deliberatamente evitato una divisione tra indice e medio.

Sia su ghiaccio ripido che su terreni misti impegnativi: l'alpinista Simon Gietl è entusiasta del nuovo attrezzo per ghiaccio Rage di Edelrid. Immagine: Daniel Abbraccio
Sia su ghiaccio ripido che su terreni misti impegnativi: l'alpinista Simon Gietl è entusiasta del nuovo attrezzo per ghiaccio Rage di Edelrid. Immagine: Daniel abbraccio

Possibilità di adattamento individuale

Grazie al distanziale incluso, la maniglia può essere regolata anche per adattarsi alle mani più piccole. Questo distanziatore è inserito nella parte superiore dell'impugnatura, il che significa che la mano rimane sempre nella stessa posizione - vicino al punto di rotazione - e il comportamento del dispositivo non cambia.

La rabbia degli attrezzi da ghiaccio di Edelrid
Sia i principianti che i professionisti apprezzeranno il nuovo strumento per il ghiaccio Rage.

Nuova scelta con effetto esplosivo minimo

Il nuovo piccone brevettato si distingue per il suo piccolo effetto esplosivo, che fa risparmiare colpi inutili e, soprattutto, preziosa energia.

La geometria Hauen è la differenza principale rispetto a tutti gli strumenti da ghiaccio precedenti presenti sul mercato. Il nostro obiettivo è stato a lungo quello di sviluppare un plettro che si rompa il meno possibile.

Philippe Westenberger, Responsabile Prodotto di Edelrid.

La costruzione modulare offre la massima flessibilità

Grazie alla sua struttura modulare e ai numerosi accessori come zappa mista aggiuntiva, martello, pala o pesi aggiuntivi per la zappa, il Rage è molto variabile e può essere adattato individualmente alle più diverse condizioni e aree di utilizzo.

Dispone inoltre di dentellature pronunciate sull'impugnatura, che garantiscono una buona presa su terreni pianeggianti, e un'ampia varietà di moschettoni si inseriscono nel foro della testa particolarmente grande.

Il picchetto in acciaio, particolarmente robusto e portante con 8 kN, resiste a una caduta al guinzaglio e protegge gli alpinisti dalla perdita dell'attrezzo da ghiaccio e da una situazione molto spiacevole.

In sintesi: strumento per il ghiaccio Rage di Edelrid

  1. Nuova scelta con scarso effetto esplosivo. Numerosi accessori come la zappa mista o i pesi aggiuntivi per la zappa offrono molta variabilità.
  2. Il foro per la testa più grande facilita il fissaggio all'imbracatura da arrampicata.
  3. Il design modulare consente di adattare lo strumento per il ghiaccio a un'ampia gamma di condizioni.
  4. La seconda maniglia ti consente di cambiare mano in modo fluido e senza sforzo.
  5. La geometria della maniglia completamente nuova garantisce un'oscillazione controllata e facilita la presa.
  6. Il picchetto in acciaio, particolarmente robusto con 8 kn, resiste a una caduta al guinzaglio.
  7. Grazie al distanziatore incluso, la maniglia può essere facilmente regolata per adattarsi alle mani più piccole.
  8. Piccole punte garantiscono stabilità su terreni pianeggianti.

Questo potrebbe interessarti

+++

Crediti: immagine di copertina Daniel abbraccio, immagini nell'articolo Edelrid

Attuale

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.

Le Kingline spagnole si ripetono

Jorg Verhoeven, Gabriele Moroni e Leo Ketil Bøe ripetono le classiche del 9° grado francese a Siurana, Oliana e Margalef.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionisti dell’arrampicata come ambasciatori del clima – è possibile?

Katherine Choong e Nicolas Hojac sono professionisti dell'arrampicata e ambasciatori del clima presso Protect our Winters. Come affronti questo doppio ruolo?

Allenamento nonostante una lesione al legamento anulare

Lesione del legamento anulare: in questo video, Dave MacLeod spiega come può essere una sessione di allenamento adattata sulla parete da boulder.

Ondra durante il tentativo di 9a a-vista: stop finale per rottura della presa

Questo video mostra Adam Ondra mentre tenta un solido tentativo di 9a a-vista. Ma quando la maniglia si rompe, tutto finisce bruscamente.