Scarpone da alpinismo ultraleggero per arrampicata su ghiaccio e tour in alta quota su terreni misti | La Sportiva G Tech

Con il G-Tech, La Sportiva ha sviluppato uno scarpone da alpinismo estremamente leggero che copre l'intero spettro dell'alpinismo tecnico - dall'arrampicata su ghiaccio e misto a Alpinismo su terreni misti impegnativi – servito. Abbiamo dato un'occhiata più da vicino all'arma miracolosa alpina dello specialista di scarpe italiano.

Uno scarpone da montagna che pesa solo 1240 grammi al paio, combina agilità e buona ritenzione del calore ed è anche idrorepellente, traspirante e risuolabile - sembra troppo bello per essere vero. O no? Con il G-Tech sui piedi abbiamo deciso di scoprire esattamente questo.

Un grande vantaggio quando ci si avvicina è l'allacciatura finemente regolabile del G-Tech tramite il sistema BOA Fit. Immagine: Raphael Tschudin
Arrampicata su ghiaccio: un possibile campo di applicazione per il G-Tech. Immagine: Raphael Tschudin

BOA-Fit: allacciatura individuale

Cominciamo proprio dall'inizio, con il primo contatto tra piede e scarpa. L'aspetto sottile del G-Tech porta a supporre che sia principalmente adatto a tipi di piedi stretti. Ma non è così. Anche chi, come l'autore, cammina nella vita con un ampio avampiede troverà abbastanza spazio.

L'entrata e l'uscita funzionano perfettamente grazie all'ampio cinturino sul retro della scarpa. La prima impressione nella scarpa: fantastica. I tuoi piedi si sentono come avvolti in una seconda pelle. Il supporto nella zona del tallone è particolarmente evidente. Ciò solleva ovviamente la questione se questo comfort venga mantenuto anche se indossato a lungo.

Con o senza guanti: con la chiusura Boa, l'allacciatura può essere adattata rapidamente alle rispettive condizioni.
Con o senza guanti: con la chiusura BOA, l'allacciatura può essere adattata rapidamente alle rispettive condizioni.

Un punto culminante della scarpa per supportare esattamente questo è il sistema di adattamento BOA. Il sistema di allacciatura rapida tramite twist lock può essere facilmente azionato con i guanti e consente di passare dall'allacciatura stretta a quella allentata in pochi secondi. Inoltre, il G-Tech ha un'ampia cinghia con velcro nella parte superiore, con la quale la scarpa può essere fissata molto direttamente.

Passo sicuro e preciso in movimento

La suola Ice-Tech in due pezzi garantisce una presa adeguata durante la camminata e precisione durante l'arrampicata. Gli specialisti di scarpe italiane hanno installato un ulteriore elemento di ammortizzazione nel tallone, che assorbe gli urti.

Durante la salita può capitare facilmente di dimenticarsi di avere ai piedi un adeguato scarpone da alpinismo. Resta da vedere se è dovuto alla suddetta costruzione della suola o al suo peso minimo di 620 grammi per scarpa. Questo è certo: il G-Tech è tutt'altro che un ingombrante scarpone da alpinismo.

L'intersuola rigida è responsabile del fatto che il G-Tech può vantare un'elevata stabilità dei ramponi. Il contatto con il ghiaccio è quindi molto diretto e l'agilità nell'impostare i punti mono è molto elevata.

All'inizio ci è voluto un po' per abituarsi, soprattutto perché l'autore è solitamente in viaggio con il G5. Il fratello maggiore del G-Tech è più caldo, ma corrispondentemente più voluminoso. Tuttavia, il feedback diretto che il G-Tech offre durante l'arrampicata su ghiaccio è molto divertente molto rapidamente. Invece di martellare semplicemente le punte anteriori nel ghiaccio, inizi a posizionarle in modo molto più mirato e dosato.

L'ultraleggero G-Tech fornisce un feedback molto diretto sul ghiaccio e consente un'accelerazione molto precisa.
L'ultraleggero G-Tech fornisce un feedback molto diretto sul ghiaccio e consente un'accelerazione molto precisa.

Leggero ma caldo

La Sportiva ha sviluppato uno scarpone da montagna con il G-Tech, progettato per l'arrampicata su ghiaccio e misto, ma anche per le arrampicate in alta montagna. La costruzione del gambo sovrapposto insieme alla soletta isolante in carbonio Z-Therm e alla scarpa interna in polietilene da 6 mm assicurano piedi caldi.

Durante i nostri due tour di prova – uno ha portato all'Allmenalpfall a Kandersteg, l'altro allo Zanai sopra Valens – la gestione della temperatura ha funzionato perfettamente. A questo punto, però, va anche detto che si trattava di giornate di ghiaccio piuttosto «calde».

Può fare freddo allo stand. Il G-Tech ha impressionato anche per il suo rapporto peso/calore in queste situazioni.
Può fare freddo allo stand. Il G-Tech ha impressionato anche per il suo rapporto peso/calore in queste situazioni.

È difficile dire che aspetto abbia quando le temperature sono chiaramente nell'intervallo a due cifre meno e dipende anche fortemente dalla sensibilità individuale al freddo. Se, come l'autore, i tuoi piedi sono uno dei tuoi punti deboli assoluti, è meglio acquistare il G-Tech un po' più grande per avere più margine di manovra nella scelta dei calzini.

La Sportiva G-Tech: il nostro verdetto

Il G-Tech è uno scarpone da montagna senza compromessi e ultraleggero per l'alpinismo tecnico. La scarpa sottile con gambo alto afferra il piede in modo molto diretto e assicura che nulla scivoli, soprattutto nella zona del tallone. La sensazione di aver impresso la forma individuale del piede nella scarpa si diffonde sorprendentemente rapidamente - con l'autore già durante il tour del secondo giorno.

Una caratteristica interessante di G-Tech è il sistema di adattamento BOA. Ciò significa che lo scarpone da alpinismo può essere allacciato e allentato in pochi secondi e tuttavia con precisione. Questo non è interessante solo durante l'avvicinamento, ma anche nell'interazione tra arrampicata e assicurazione: durante l'arrampicata, il G-Tech fornisce un feedback molto diretto e offre un mix di agilità e stabilità molto riuscito.

G-Tech a colpo d'occhio

La Sportiva G Tech
  • Peso: 1240 grammi/paio
  • Area di utilizzo: arrampicata su ghiaccio, arrampicata mista, spedizioni, alpinismo su terreno misto
  • Completamente a prova di rampone
  • Ghetta idrorepellente con zip asimmetrica
  • Scarpa interna calda
  • Sistema di chiusura BOA
  • Cinghia di potenza
  • Albero Heat Tech con costruzione a sovrapposizione
  • Bordo protettivo circonferenziale
  • Sottopiede: Carbon Z-Therm da 5 mm
  • Suola: Vibram Ice Tech; Vibram Lite Base davanti, Vibram Spring Lug Tech dietro
  • Risolvibile

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Al lancio di LACRUX, abbiamo deciso di non introdurre un paywall. Rimarrà tale perché vogliamo fornire a quante più persone affini le notizie sulla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

Attuale

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.

Katherine Choong sale La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m)

Pezzo di prova del Verdon ripetuto: Katherine Choong ripete la difficile via di più tiri La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m).

Sonnie Trotter vince la scommessa 9a contro Honnold e Caldwell

Sonnie Trotter ripete la via 9a Spirit Quest e prevale su Honnold e Caldwell nella gara dei gentlemen.
00:11:46

La caccia silenziosa di Niky Ceria alle monarchie sarde

Accompagna il tranquillo esploratore e specialista del boulder Niky Ceria mentre apre un nuovo bouldering di alto livello in Sardegna.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Professionista indignato: Stefan Glowacz critica gli alpinisti che si arrampicano per la prima volta dall'alto

Aprire vie alpine dall'alto: non è possibile, dice Stefan Glowacz, ma possibile in casi eccezionali, dicono Dörte Pietron e Daniel Gebel.

Katherine Choong sale La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m)

Pezzo di prova del Verdon ripetuto: Katherine Choong ripete la difficile via di più tiri La Fiesta de Los Metallos (8b, 200m).

Sonnie Trotter vince la scommessa 9a contro Honnold e Caldwell

Sonnie Trotter ripete la via 9a Spirit Quest e prevale su Honnold e Caldwell nella gara dei gentlemen.