James Pearson osa valutare E12 per Bon Voyage – Perché si espone una seconda volta

James Pearson ha impiegato 10 mesi per valutare la sua via trad più difficile fino ad oggi: Bon Voyage in Annot. Con E12 sceglie il livello attualmente più alto della scala britannica. Molto più emozionanti di questo risultato numerico sono tutti i pensieri, i sentimenti e le paure personali che lo scalatore britannico associa a questa decisione - in breve, il perché.

Chiunque si sia mai chiesto perché i professionisti dell'arrampicata faticano sempre a valutare le loro prime salite, imparerà da questo James Pearson una risposta molto dettagliata e onesta. L'arrampicatore professionista e specialista trad britannico ha effettuato la sua prima salita di Annot a febbraio Bon Voyage successo. James Pearson spiega con parole sue perché ha nascosto il suo successo per diverse settimane e in quel momento non è stato in grado di valutare la sua linea.

Bon Voyage Mono - Raph Fourau
James Pearson: "Buon viaggio, penso che potrebbe essere l'E12." Immagine: Raph Fourau

«Sono passati 15 anni da quando ho raccontato al mondo di The Walk of Life, una prima salita che ho effettuato sulla costa nord del Devon nel Regno Unito. Dalle prime pagine e articoli multipagina nelle riviste di arrampicata a un segmento intensivo nel film Comtched 2 della Hotaches Productions che celebrava tutto ciò che rendeva la via così bella e terrificante, il messaggio sembrava essere ovunque!

Visualizza annunci Rectangle_Trailrunning

Direttamente o indirettamente, suggerendo il grado di difficoltà E12 precedentemente non assegnato, ho gridato a tutti che questa è la via trad più difficile mai salita al mondo.

James Pearson

Alcuni di voi mi hanno creduto, so che ci ho creduto anch'io, ma c'erano molti nella comunità dell'arrampicata che hanno iniziato a fare domande, e giustamente.

Ero il simbolo di una nuova generazione di alpinisti britannici, celebrati non solo per le mie abilità nella roccia ma anche per il mio coraggio e il mio coraggio. Anche se ero riuscito a realizzare alcune bellissime e difficili ripetizioni e prime salite sulla mia falesia di casa, il Peak District Gritstone, e mi consideravo una sorta di specialista in queste vie brevi e intensamente tecniche, non riuscivo a vedere la verità: ero completamente inesperto in quasi tutti gli altri stili di arrampicata.

Il ragazzo simbolo di una nuova generazione di alpinisti britannici: James Pearson da giovane. Immagine: archivi James Pearson
Il ragazzo simbolo di una nuova generazione di alpinisti britannici: James Pearson da giovane. Immagine: archivi James Pearson

L'arrampicata trad nel Regno Unito stabilisce standard molto elevati, dalla purezza etica dell'approccio hookless alle caratteristiche spesso sottovalutate delle sue pareti più famose.

Quando Dave Macleod ripeté The Walk Of Life qualche mese dopo e spiegò che secondo lui la via era E9 anziché l'E12 che avevo suggerito, rimasi più scioccato di chiunque altro e le conseguenze di quella decisione avrebbero cambiato per sempre il corso della mia vita. modifica.

James Pearson

15 anni dopo sono una persona completamente diversa. Sono un marito, un padre e ho scalato centinaia di vie difficili in tutto il mondo, eppure in qualche modo sono sempre lo stesso giovane che parla davanti a un pezzo di roccia e chiede la tua approvazione.

All'inizio di quest'anno ho scalato una via chiamata Bon Voyage. È una bellissima via su una parete altrimenti bianca, con una sequenza unica e prese fantastiche. L'arrampicata è stata il risultato di anni di duro lavoro e ricerca, e sento che Bon Voyage è di gran lunga la via più difficile che abbia mai scalato, in assoluto.

Molto è stato detto dai media sulla difficoltà di Bon Voyage, ma molto poco è venuto direttamente da me.

James Pearson
James Pearson in The Walk Of Life, la via per la quale ha ricevuto molte critiche dalla comunità dell'arrampicata britannica con la sua valutazione E12: Immagine: David Simmonite
James Pearson in The Walk Of Life, la via per la quale ha ricevuto molte critiche dalla comunità dell'arrampicata britannica con la sua valutazione E12: Immagine: David Simmonite

Quando ho scalato The Walk of Life e ti ho detto che era la cosa più difficile che avessi mai fatto, lo pensavo davvero. Questa è stata ed è tuttora una delle esperienze più difficili e strazianti della mia vita, ma ero così preso dal mio ego che in quel momento non riuscivo a separare i concetti di "MIO" e "QUELLO".

Per spiegarvelo meglio, vorrei provare a viaggiare insieme a voi nel 2008...

Sarebbe imbarazzante se non pensassi che fosse così incredibile adesso, ma ricordo di essermi chiesto seriamente se in qualche modo fossi... un po' magico! Da bambino ho provato molti sport e in generale sono migliorato rapidamente.

Ma l'arrampicata era diversa! Ho iniziato ad arrampicare quando avevo 16 anni, che è abbastanza tardi di questi tempi, ma ho subito sentito di aver trovato il mio posto e le cose sono progredite rapidamente nei primi anni.

James Pearson

A 18 anni ho avuto la mia prima copertina di una rivista e delle sponsorizzazioni, e a 19 anni ero il più giovane inglese a scalare il V13 e la persona più giovane ad aver mai scalato l'E10!

Ho amato la sensazione di controllo e libertà che l'arrampicata mi ha portato, ma ho anche amato l'attenzione positiva, ed ero circondato da un gruppo di amici intimi e familiari che, sia che ci credessero davvero o fossero semplicemente molto gentili, erano lì per aiutami Le ragioni dicevano che ero il dono di Dio per l'arrampicata.

Allora, poche persone controllavano la maggior parte dei media legati all’arrampicata, e finché piacevi a loro, generalmente eri piuttosto felice.

James Pearson

Anche se ovviamente c'erano persone a cui non piacevo io e ciò che pensavano rappresentassi, con i miei loghi sovradimensionati e le offerte esclusive delle riviste, non ne avevo mai sentito parlare, semplicemente non facevano parte del mio mondo.

James Pearson in Il solco. Immagine: David Simmons
James Pearson in Il solco. Immagini: David Simmons

Il 2008 è stato un periodo in cui Instagram e i social media come li conosciamo oggi semplicemente non esistevano. Per quanto oggi non mi piacciano i social media e credo che portino più negatività nel mondo di quanto dovrebbero, c'è un vantaggio nell'avere sconosciuti casuali che ti criticano regolarmente: ti rendi conto che il mondo è pieno di opinioni diverse.

Anche se sicuramente nel 2023 disponiamo ancora di camere d’eco, non sono affatto insonorizzate come quelle che ho costruito nel 2008!

James Pearson

Era anche un periodo molto diverso nella cultura popolare con un insieme molto diverso di regole socialmente accettate. Anche se spesso guardiamo indietro con nostalgia ai decenni passati, gli anni 2000 erano un periodo in cui era giusto umiliare pubblicamente, vergognare o manipolare socialmente le persone... Qualcuno ricorda programmi TV come IL PIÙ GRANDE PERDENTE, IL MOMENTO DELLA VERITÀ o C'è qualcosa su Miriam? ? Per quanto mi chiedo se avrei commesso gli stessi errori se fossi nato 10 anni dopo, non sono nemmeno sicuro se sarei stato trattato allo stesso modo?

Non dico nulla di tutto ciò in cerca di simpatia o perdono. C'è voluto un po', ma oggi posso onestamente dire che sono orgoglioso di me stesso e di The Walk of Life, e che il rogo, per quanto doloroso sia stato in quel momento, mi ha aiutato a vedere le cose più chiaramente.

Dopo molte lacrime e autocommiserazione, ho avuto la rivelazione che il "MIO" livello di difficoltà si applica solo a me e non automaticamente al "IL" resto del mondo!

James Pearson

Dopo aver accettato me stesso, i miei difetti e tutto il resto, ho potuto iniziare a pianificare un futuro più felice e mi sono trasferito a Innsbruck, in Austria, per rimettermi in sesto. L'idea era semplice: allenare i miei punti deboli con alcuni dei migliori arrampicatori sportivi del mondo e diventare James 2.0! Sfortunatamente, non è stato facile come presentarsi e bere un sorso di freschezza e, nonostante i miei migliori sforzi, ho trascorso i primi 6 mesi sentendomi sempre peggio più ci provavo.

Concentrandomi sull'arrampicata sportiva, la mia debolezza naturale, ho trascurato i miei punti di forza nel bouldering e nell'arrampicata trad. Troppo impaziente per dedicare tempo sufficiente ad un regime di allenamento, sono passato da un protocollo all'altro, diventando sempre più frustrato con me stesso finché sesso, droga e rock 'n' roll hanno preso il posto dell'arrampicata e mi sono perso completamente.

Due cose mi hanno salvato, Caro e il mio sponsor, The North Face.

James Pearson
Caro diventa il supporto più importante nella vita di James Pearson. Immagine: Archivi James Pearson
Caro diventa il supporto più importante nella vita di James Pearson. Immagine: Archivi James Pearson

Nonostante i miei tanti errori, Caro è diventata parte della mia vita. L'intera storia è ovviamente più lunga e complicata, ma in sostanza mi ha insegnato non solo come non esaltarmi dopo 5 mosse, ma soprattutto che posso essere qualcosa e qualcuno migliore. The North Face era comprensibilmente stufo della mia mancanza di attività di arrampicata e del mio stile di vita edonistico, ma invece di tagliare completamente i legami alla fine del mio contratto, mi hanno dato un anno in più per rimettermi in carreggiata. All'epoca pensavo che fosse scandaloso! Ora la vedo come una delle cose migliori che mi siano capitate.

Quest'anno, 2012, mi sono ripreso! Ho salito la mia prima via sportiva 9a e ho tentato di salire un E10 a Pembroke Flash, cadendo all'ultimo movimento, per fortuna dopo tutta la parte pericolosa! Era la prima volta che arrampicavo trad in più di 3 anni, ed è stata una corsa piuttosto folle vedere quanto velocemente puoi progredire quando sei circondato da tutti gli elementi giusti. Ma questo viaggio a Pembroke è stato molto più di una semplice esibizione...

Negli ultimi anni avevo intrapreso un percorso molto spaventoso scalando vie sempre più pericolose perché non avevo la capacità fisica per scalare qualcos'altro.

James Pearson

Avere una forma fisica extra non solo ha reso possibili vie fisicamente più difficili, ma ha anche reso l'arrampicata di nuovo divertente ed emozionante, e ricordo chiaramente questo nuovo sentimento di curiosità per vedere se potevo essere all'altezza della sfida piuttosto che temere di cadere solo a causa di la pompa!

Questo nuovo approccio all'arrampicata trad mi ha infine riportato a Rhapsody nel 2014. Una via che avevo precedentemente criticato per evitare la verità che era semplicemente troppo difficile per me!

Rhapsody ha rappresentato molto più di un semplice percorso difficile. Era la risposta a una domanda che ancora non conoscevo davvero, e scalarla in una ventosa mattina di ottobre mi è sembrata la fine di un capitolo della mia vita.

Avevo dimostrato il mio valore ai miei dubbiosi, ma soprattutto a me stesso. Il cielo sembrava essere di nuovo il limite e ho iniziato la stessa ricerca che avevo iniziato tanti anni prima, ma invece di cercare LA via più difficile, ho cercato solo secondo al mio!

James Pearson
Una capitale chiude il cerchio: James Pearson sale Rhapsody. Immagine: Chris Prescott
Una capitale chiude il cerchio: James Pearson sale Rhapsody. Immagine: Chris Prescott

Quando si tratta di arrampicata, il trad è ciò a cui continuo a tornare. È ciò che sogno e ciò che mi spinge a lavorare duro per migliorare anno dopo anno. Come molti di voi probabilmente concorderanno, il Trad è intenso e complesso. Mette alla prova la tua forza mentale e la tua logistica, e non c'è niente di simile, niente di così completo. Tuttavia, il trad è anche lento e spesso macchinoso e raramente ti spinge ai tuoi limiti fisici.

So che se voglio darmi le migliori possibilità di realizzare ciò che sogno, ironicamente devo passare la maggior parte del mio tempo concentrandomi su altri stili di arrampicata solo per essere pronto per la mia prossima via trad quando le stelle si allineeranno correttamente . Forse questo è il fondamento di ogni vero amore: la capacità di accettare e guardare oltre i difetti.

Quando ho salito alcune delle mie vie su grinta più difficili in passato, non sono mai riuscito a superarle in modo pulito. Facevo affidamento su una sensazione magica che compariva ogni volta che ero in pericolo, che non solo mi faceva rimanere calmo e iperconcentrato, ma mi faceva anche sentire fisicamente più forte e preciso.

Oggi ho ancora quella sensazione e non conosco momento più tranquillo di quando percorro una via trad difficile. Ma se il percorso è davvero pericoloso, ora mi assicuro anche che non ci sia praticamente alcuna possibilità di cadere.

James Pearson
Hai bambini e vuoi ancora scalare audaci vie trad? In Harder Faster, James Pearson dimostra che è possibile farlo, con tutte le conseguenze. Immagine: Chris Prescott
Hai bambini e vuoi ancora scalare audaci vie trad? In Harder Faster, James Pearson dimostra che è possibile farlo, con tutte le conseguenze. Immagine: Chris Prescott

Se prendiamo come esempio Harder Faster, una via che ho salito nel 2019 con un bambino di 2 anni alla base della falesia, è anche una via che consideravo indifendibile nel 2004 quando il mio amico Toby fece la seconda salita .

Decidere di salirla nel 2019 può sembrare che in qualche modo io sia diventato più coraggioso o più stupido, ma in realtà sono semplicemente diventato più preparato, più paziente e calcolatore.

James Pearson

Lo svantaggio è quanto la preparazione extra per scalare tali vie sta costando alla mia vita familiare. Nelle 2 settimane che ho trascorso lì, ero distratto e distante, concentrato solo sul percorso, sui movimenti, sul tempo e su tutto il resto. Per giustificare il rischio, tutto doveva essere perfetto, il che richiede molto tempo ed energie, anche al di fuori dell'arrampicata stessa.

C'è una certa ironia nel fatto che lo sforzo di mantenere la mia famiglia... unita ci sta effettivamente allontanando! Forse ora che ho dei bambini dovrei appendere le mie scarpe tradizionali al chiodo e smettere di cercare modi oscuri per giustificare cose fondamentalmente indifendibili?

Qualcosa che molte persone non sanno di me è che, nonostante la mia capacità di affrontare infortuni gravi o peggio, quando si tratta di pura pressione per esibirsi, posso essere il peggior nemico di me stesso.

James Pearson

Quando le conseguenze del fallimento erano semplicemente che avrei dovuto riprovare, spesso crollavo sotto il peso delle mie stesse aspettative. Per quanto ami il processo di sviluppo di nuove vie, sia tradizionali che sportive, l'arrampicata ha spesso significato affrontare quel ciclo di stress abbastanza a lungo da tirarmi su.

La cosa divertente è che dopo aver completato un progetto e aver provato il sollievo di agganciare il deviatore, un tipo di purgatorio è stato semplicemente sostituito da un altro che in realtà ho trovato molto peggiore: la valutazione!

James Pearson

Non ho sempre odiato le recensioni. Mi piaceva molto valutare le mie prime salite associando un rigido sistema alfanumerico a un'esperienza umana sulla roccia. Ma Walk of Life mi ha mostrato quanto fosse facile “sbagliare” le cose e anche come la reazione della comunità possa andare ben oltre il vero “errore”.

In effetti mi fa sorridere quando dico queste parole... "Sbagliato"... ed "Errore", nel contesto di recensioni che si basano essenzialmente sull'opinione e sulle sensazioni di un arrampicatore. Come possono i nostri sentimenti essere “sbagliati”? Come possiamo aver commesso un "errore" quando tutto ciò che abbiamo fatto è stato essere onesti su come ci è sembrato un impegno?

Potrebbe sorprendere le persone sapere che utilizzo ancora un sistema di valutazione molto simile a quello con cui valutavo Walk of Life, uno in cui prendo in considerazione la durata della salita rispetto ad altre salite che ho fatto. Che tu ci creda o no, non sto vendendo un orso qui, ma credo davvero che sia un modo solido per valutare una salita purché tu abbia esperienza per supportare lo stile.

Lo sviluppo personale richiede un lavoro costante e, se non sto attento, mi ritrovo a ricadere nei modi egoistici del passato, soprattutto quando sto lavorando su qualcosa di veramente difficile. Dico spesso che l'arrampicata mi rende una persona migliore, ma non è del tutto vero.

L'arrampicata mi rende felice, ma può anche trasformarmi in un mostro.

James Pearson
La promessa. Immagine: David Simmons
La promessa. Immagine: David Simmons

Forse se fossi davvero altruista dovrei prendere in considerazione l'idea di smettere, ma se lo facessi davvero sono abbastanza sicuro che sarei una persona terribile con cui stare. Come la maggior parte delle cose nella vita, è un equilibrio che dobbiamo trovare. Non è facile e non possiamo fare altro che provarci.

Per molto tempo ho portato rancore nei confronti della comunità degli alpinisti nel Regno Unito a causa del modo in cui pensavo di essere trattato.

James Pearson

Sembrava crudele in proporzione a tutto, e non volevo averci niente a che fare. Ho spesso pensato al Regno Unito come alla mia ipotetica ex, a qualcuno che amavo e odiavo allo stesso tempo, e più facevo per riconquistarla, più lei scappava! Ci è voluto molto tempo per elaborare i miei sentimenti e trovare pace con me stesso.

I primi anni 2000 sono stati un periodo molto diverso rispetto a oggi e penso che abbiamo fatto molta strada come comunità in termini di tolleranza e inclusione, ma abbiamo ancora molta strada da fare.

Anche se forse siamo meno propensi a mettere in imbarazzo pubblicamente le persone rispetto all'era di quei terribili programmi televisivi, ce n'è ancora molto in privato, soprattutto dietro l'anonimato di Internet.

James Pearson

So che non cambierò il mondo su questo argomento, ma mi piacerebbe se tutti quelli che leggono potessero pensare un po' di più a come ci trattiamo l'un l'altro e rendersi conto che le nostre parole possono avere un significato significativo, anche se noi non prenderli sul serio.

La curva della forma è ancora visibile sopra: James Pearson nella ripetizione di Tribe. Immagine: Pietro Porro
La curva della forma è ancora visibile sopra: James Pearson nella ripetizione di Tribe. Immagine: Pietro Porro

Diventare padre nel 2018 avrebbe potuto segnare la fine dell'arrampicata professionistica, ma passo dopo passo io e Caro abbiamo ritrovato la strada del ritorno, non solo ritrovando la forma che avevamo perso, ma anche risolvendo molti dei problemi che mi avevano trattenuto per anni . Avere bambini piccoli di cui occuparmi e molto meno tempo rispetto a prima sembrava allentare la pressione, e tutto ciò che ho realizzato è diventato un vantaggio inaspettato.

Una volta ero il più snob delle condizioni ambientali, ma arrampicare con i bambini mi ha costretto a scalare le cose quando potevo invece che quando avrei voluto, e mi ha mostrato che molte delle barriere che troviamo sono in realtà le nostre.

James Pearson

Le mie vie boulder e sportive più difficili di sempre e una rapida scalata di Tribe, all'epoca contendente per la via trad più difficile del mondo, mi hanno suggerito che ero pronto per qualcosa di nuovo. Sapevo in prima persona, dopo anni di ricerca, che trovare un progetto trad pesante è più facile a dirsi che a farsi, e lasciare andare il controllo mi ha riportato esattamente dove dovevo essere. Senza il lusso di viaggiare dove e quando volevamo, ho scoperto che la linea che sarebbe diventata Bon Voyage ad Annot, nel sud della Francia, proprio accanto a una delle mie prime salite più vecchie, era letteralmente nascosta sotto il mio naso.

L'intero processo di salita della via è stato il più piacevole della mia vita da scalatore perché invece di concentrarmi e stressarmi solo sulla salita finale, ho cercato semplicemente di godermi ogni giorno.

James Pearson

Mi sono ritrovato in una routine pacifica, quasi meditativa, godendomi la regolarità delle attività mentre guardavo il cambio delle stagioni e i miei figli crescere. Mentirei se dicessi che non mi sono mai preoccupato del tempo, della mia pelle o dei pizzicamenti alle dita, ma ogni volta che mi sono sorpreso a scivolare, sono riuscito rapidamente a uscire da quel buco per uscire e tornare a godermi il presente .

Ho provato la via più e più volte per due anni e un giorno l'ho scalata, la via più difficile che abbia mai fatto e forse la più difficile che farò mai.

Non l'ho detto a nessuno per alcune settimane, in parte perché avevo bisogno di tempo da solo per elaborare i miei sentimenti e in parte perché sapevo quali domande mi sarebbero arrivate se l'avessi fatto.

James Pearson
James Pearson: "Ho provato Bon Voyage di tanto in tanto per due anni e un giorno l'ho scalata, la via più difficile che abbia mai fatto e forse la via più difficile che farò mai." Immagine: Raph Fourau
James Pearson: "Ho provato Bon Voyage di tanto in tanto per due anni e un giorno l'ho scalata, la via più difficile che abbia mai fatto e forse la via più difficile che farò mai." Immagine: Raph Fourau

Le notizie sull'arrampicata nel 2023 mi sembrano molto riduttive, generalmente composte dal nome dello scalatore, nome della via e grado, e speravo in qualcosa di più per Bon Voyage dato che il processo dietro di esso aveva significato così tanto. Inoltre, per la prima volta nella mia vita, mi sentivo davvero incapace di dare una recensione.

Ho analizzato ogni parte della via, l'ho suddivisa in parti gestibili e ho provato a riprogettare quelle parti per darmi una revisione. Sia questi calcoli specifici che la mia sensazione istintiva iniziale indicavano tutti lo stesso numero, ma quel numero mi spaventava così tanto che non riuscivo proprio a impegnarmi.

Dopo le veloci salite di alcune vie sportive di grado 9a, sapevo di essere nella migliore forma della mia vita. Pensavo che lo stile di Bon Voyage sarebbe stato adatto a me e sapevo che dovevo allenarmi specificatamente per avere qualche possibilità.

Tuttavia, conoscevo anche fin troppo bene le difficoltà delle prime salite e la potenziale reazione della comunità alpinistica britannica se avessi commesso un altro “errore”!

James Pearson

So che non sono lo stesso scalatore, e nemmeno la stessa persona, di 15 anni fa. Mi rendo conto che A+B probabilmente è uguale a C, e so che alla fine l'unica cosa che conta davvero è che mi sono divertito così tanto a scalare una roccia fantastica!

Conosco tutte queste cose, ma il passato mi perseguita ancora. È stata una lotta lunga e difficile arrivare fin qui, e se ho imparato qualcosa nei 15 anni trascorsi dal Walk of Life, è che probabilmente non finirà mai. So anche che una vita trascorsa a fare qualcosa che ami è un dono incredibile e non smetterò mai di lottare per questo.

Sono a un punto in cui mi rendo conto che devo essere coraggioso e devo esprimere i miei sentimenti anche se c'è la possibilità di farmi male...

James Pearson

Bon Voyage – Penso che potrebbe essere E12.

Questo potrebbe interessarti

Ti piace la nostra rivista di arrampicata? Quando abbiamo lanciato la rivista di arrampicata Lacrux, abbiamo deciso di non introdurre un paywall perché vogliamo fornire al maggior numero possibile di persone che la pensano allo stesso modo notizie dalla scena dell'arrampicata.

Per essere più indipendenti dalle entrate pubblicitarie in futuro e per offrirti contenuti ancora più numerosi e migliori, abbiamo bisogno del tuo supporto.

Pertanto: aiuta e supporta la nostra rivista con un piccolo contributo. Naturalmente beneficiate più volte. Come? Lo scoprirai qui.

+++

Crediti: immagine di copertina Raph Fourau

Attuale

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.

La prima lampada frontale modulare al mondo: Silva Free

Novità lampada frontale: Silva Free è la prima lampada frontale modulare che può essere assemblata a seconda dell'attività sportiva di montagna pianificata.

Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter e rimani aggiornato.

Il trail running è l’allenamento perfetto per gli alpinisti?

Trail running come allenamento per alpinisti: oggi vedremo più da vicino se e come la corsa ha benefici per l'alpinismo.

Ricordi di David Lama nel 5° anniversario della sua morte

5° anniversario della morte di David Lama, Hansjörg Auer e Jess Rosskelley. In ricordo di tre fenomeni eccezionali dell'alpinismo moderno.

Enorme frana sul Piz Scerscen

Sul Piz Scerscen in Engadina domenica mattina presto si sono staccati oltre un milione di metri cubi di roccia e ghiaccio.